La Milano-Sanremo 2020 degli italiani: Vincenzo Nibali attacca, Giacomo Nizzolo e un 5° posto di prestigio

Non è arrivato il risultato che ci si aspettava. Un’Italia non del tutto convincente nella prima delle Classiche Monumento stagionali, la Milano-Sanremo. Un percorso che, salvo il capolavoro di Vincenzo Nibali nel 2018, ormai da anni non favorisce i corridori del Bel Paese: in casa azzurra è difficile trovare lo scattista di livello in grado di far la differenza sul Poggio e poi averne per una volata ristretta (un uomo dalle caratteristiche di Van Aert o Alaphilippe, i due campioni uscenti).

Gli azzurri oggi ci hanno provato, ma alla fine il migliore del lotto è stato un più che positivo Giacomo Nizzolo. Il lombardo, capitano della NTT, ha aspettato la volata (valida solo per i piazzamenti) e si è disimpegnato alla grande terminando terzo nel gruppo e quinto nella classifica finale, a dimostrazione di una condizione eccellente.

Non sono mancati gli attacchi in casa italiana, ma tutti vani. Il più atteso era quello di Vincenzo Nibali sul Poggio: lo Squalo ha lanciato a ripetizione i propri compagni di squadra per rendere la corsa più dura (prima Conci e Mosca, poi più volte Ciccone ed infine Brambilla), poi si è messo in proprio, ma non ne ha avuta per contrastare le accelerazioni devastanti di Alaphilippe e Van Aert. Meno attivi rispetto alla Strade Bianche invece Davide Formolo ed Alberto Bettiol, che hanno chiuso nel primo gruppo senza riuscire a fare la differenza.


Ci si aspettava molto dai velocisti italiani, ma per un motivo o per l’altro sono mancati all’appuntamento. Elia Viviani e Sonny Colbrelli (colpito dai crampi) non ce l’hanno fatta a scollinare il Poggio con il gruppo dei migliori, Niccolò Bonifazio si è staccato poco prima, mentre Matteo Trentin è stato sfortunato protagonista di una caduta ad 80km dall’arrivo, essendo costretto al ritiro.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

MotoGP, presentazione GP Repubblica Ceca 2020: Morbidelli sogna la vittoria, Rossi vuole il 200° podio

Motocross, GP Lettonia 2020: oggi si torna a correre! Tony Cairoli cerca la magia contro Herlings e Gajser