Atletica, Meeting Lignano Sabbiadoro 2020: Folorunso e Lambrughi, passo indietro. Di Lazzaro 13.20

A Lignano Sabbiadoro (in provincia di Udine) è andata in scena la 31ma edizione del Meeting Sport Solidarietà, quarta tappa del circuito di eventi italiani pensati per rimettere in moto l’atletica leggera dopo il lockdown (nelle ultime settimane si è scesi in pista a Rieti, Savona e Trieste). Ayomide Folorunso era l’italiana più attesa, ma fa un passo indietro sui 400 metri ostacoli (56.78, rispetto al 55.40 di Pavia), regolando la slovena Agata Zupin (57.50) e Linda Olivieri (57.85). Mario Lambrughi non riesce a scendere sotto il muro dei 51 secondi sui 400 metri ostacoli e chiude in seconda posizione (51.25) alle spalle dello spagnolo Aleix Porras (51.14).

Elisa Di Lazzaro si impone sui 100 metri ostacoli in 13.20 (-0.7 m/s di vento contrario), 14 centesimi sopra il suo primato italiano under 23 siglato lo scorso 1° agosto a Trieste (regola comunque la statunitense Taliya Brooks, la quale aveva vinto nell’altra serie con 13.30 davanti a Linda Guizzetti per un centesimo). Doppietta statunitense sui 110 metri ostacoli, dove Aaron Mallett batte il connazionale Freddie Crittenden (13.61 contro 13.78). Non decollano il salto con l’asta femminile e il salto in lungo maschile: nel primo caso Sonia Malavisi si ferma a 4.20 e commette tre nulli a 4.35 (battuta comunque Maria Roberta Gherca, 4.00); nel secondo caso Antonino Trio resta lontano dagli otto metri (7.61) e viene così sconfitto dal croato Marko Ceco (7.63).

Tempi alti sui 100 metri: il 35enne statunitense Mike Rodgers è soltanto terzo (10.42) nella gara vinta dal connazionale Eliah Hall (10.23) davanti allo spagnolo Bruno Hortelano (10.33); la slovena Maja Mihalinec taglia per prima il traguardo in 11.55, un centesimo meglio di Vittoria Fontana. L’infinita Sara Simeoni ha inaugurato la nuova pedana dello Stadio Teghil, il salto in alto porta la firma di Marta Morara (1.82 al terzo tentativo), capace di sconfiggere Desirée Rossit (1.78).


La spagnola Patricia Serrapio va suo il salto triplo con un’unica misura valida (13.77), precedendo così Ottavia Cestonaro (13.44) e la lituana Diane Zagainova (13.31), mentre Darya Derkach si ferma a 13.06. Simone Dal Zilio ha vinto il salto in alto, centrando 2.08 metri alla prima prova. Capitolo 400 metri: la slovena Anita Horvat si impone in 53.23 (Maria Enrica Spacca quarta in 55.08, Marta Milani quinta in 55.50); lo statunitense Kahmari Montgomery primeggia in 46.21 (Bryan Lopez quinto in 47.36, Lorenzo Benati sesto in 47.76).

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI ATLETICA LEGGERA

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, Jannik Sinner parteciperà al Western & Southern Open e agli US Open

Europa League 2020, Antonio Conte: “Siamo stati bravi, il merito va ai calciatori. Vogliamo dare una gioia al popolo interista”