Show Player

Australian Open 2020: Djokovic e Federer puntano ai quarti di finale, Fognini e la rivincita contro Sandgren



Signore e signori il cerchio comincia a chiudersi. La settima giornata degli Australian Open 2020 di tennis si presenta decisamente interessante. Si godrà dello show degli ottavi di finale della parte bassa del tabellone maschile e di quella alta del draw femminile.

CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DI FOGNINI-SANDGREN NON PRIMA DELLE 6.00 ITALIANE (26 GENNAIO)

Loading...
Loading...

CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DELLA SETTIMA GIORNATA DEGLI AUSTRALIAN OPEN 2020 (26 GENNAIO), SI COMINCIA ALLE 05.00 ITALIANE

CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DI FEDERER-FUCSOVICS (26 GENNAIO), SI COMINCIA NON PRIMA DELLE 10.30 ITALIANE

Tra gli uomini le vedette saranno il serbo Novak Djokovic e lo svizzero Roger Federer. Il n.2 del mondo sarà di scena non prima delle 4.00 italiane sul campo della Rod Laver Arena contro la testa di serie n.14 Diego Schwartzman. Sulla carta Nole dovrebbe disporre a proprio piacimento dell’argentino, specie su questa superficie. Se si guarda ai precedenti, il 3-0 in favore dell’asso nativo di Belgrado non è un dato casuale. Ha il sapore del già visto e sentito la sfida tra Federer e l’ungherese Marton Fucsovics che chiuderà il programma sul Centrale. L’elvetico, dopo essersi salvato dalla clamorosa eliminazione nel turno precedente contro l’australiano John Millman, affronta il magiaro che incontrò sempre negli ottavi due anni fa. Nell’edizione 2018 Roger si impose piuttosto nettamente e la sensazione è che la vittoria contro l’aussie possa aver dato energie supplementari al “Maestro”, capace di ottenere in questo Slam 100 successi nei singoli match disputati.

Non solo però i due grandi attori sul palcoscenico di Melbourne. Nel tabellone maschile il confronto tra Milos Raonic (testa di serie n.32) e Marin Cilic è decisamente affascinante. Il canadese ha dominato letteralmente contro il greco Stefanos Tsitsipas, mettendo in mostra un livello di gioco molto simile a quello che gli permise di raggiungere le semifinali nel 2016. A suon di ace e di dritti vincenti Raonic non ha dato scampo al giovane ellenico e una replica contro il croato è nei propri piani. Cilic, però, dopo un periodo molto complicato dal punto di vista psicofisico, contro lo spagnolo Roberto Bautista Agut ha fatto vedere di esserci e l’aver vinto al quinto set è un segnale. Ricordiamo che il balcanico fu finalista due stagioni fa (battuto da Federer) e dunque si trova a proprio agio a queste latitudini.

E poi Fabio Fognini. Il tennista di Arma di Taggia è l’ultimo a tenere alto il vessillo italico in questo torneo. Dopo le sofferenze contro l’americano Reilly Opelka e l’australiano Jordan Thompson, il ligure ha sciorinato una prestazione strepitosa contro l’argentino Guido Pella. Minimizzando i passaggi a vuoto e mettendo in mostra alcuni giochi di prestigio del proprio repertorio, Fabio ha estasiato il pubblico della Melbourne Arena e sempre in questo impianto se la vedrà (non prima delle 6.00 italiane) contro lo statunitense Tennys Sandgren. 2-1 il computo dei precedenti in favore di Fognini ma nell’ultimo confronto, quello del terzo turno a Wimbledon, Sandgren inflisse un’amara sconfitta al nostro portacolori. La speranza in casa Italia è di vendicare quel ko e, perché no, anche quello del connazionale Matteo Berrettini nel secondo round di questo Major.

Sul versante femminile la padrona di casa Ashleigh Barty, viste le uscite di scena clamorose dell’americana Serena Williams e della ceca Karolina Pliskova, può godere dei favori del pronostico per il successo finale e l’ostacolo rappresentato da Alison Riske non dovrebbe essere insormontabile. Stessa storia, stesso mare per l’altra ceca Petra Kvitova, impegnata contro la greca (testa di serie n.22) Maria Sakkari. Indubbiamente interessanti i confronti tra la talentuosa turca Ons Jabeur e la cinese Wang Qiang, carnefice di Serena, e tra l’enfant prodige Coco Gauff e l’altra americana Sofia Kenin. Gauff si è tolta la soddisfazione di eliminare nel turno precedente la campionessa in carica Naomi Osaka, che l’aveva sonoramente battuta negli US Open 20119. La giovane statunitense ha imparato la lezione in fretta e potrebbe essere la mina vagante del tabellone femminile.

IL PROGRAMMA COMPLETO – AUSTRALIAN OPEN (26 GENNAIO)

Rod Laver Arena – non prima delle 02
[22] M. Sakkari vs P. Kvitova
Non prima delle 04
[14] D. Schwartzman vs [2] N. Djokovic
Dalle 09
[1] A. Barty vs [18] A. Riske
M. Fucsovics vs [3] R. Federer

Margaret Court Arena – non prima delle 03
[32] M. Raonic vs M. Cilic
O. Jabeur vs [27] Q. Wang

Melbourne Arena – non prima delle 04:30
C. Gauff vs [14] S. Kenin
Non prima delle 06
T. Sandgren vs [12] F. Fognini

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DEL TENNIS

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse 

Loading...

Lascia un commento

scroll to top