Ginnastica, Mondiali 2019: Italia, sfuma l’impresa. Azzurri fuori dalle Olimpiadi per 5 decimi, Lodadio in finale agli anelli

L’Italia non è riuscita nell’impresa di qualificare la squadra di ginnastica artistica maschile alle Olimpiadi di Tokyo 2020. La nostra Nazionale ha chiuso il turno di qualificazione dei Mondiali al tredicesimo posto con 245.996 punti, soltanto le prime dodici squadre hanno staccato il pass a cinque cerchi: gli azzurri non volano in Giappone per appena mezzo punto, bastava il 246.508 confezionato dalla Germania per riuscire nell’impresa.

I ragazzi del DT Giuseppe Cocciaro si sono resi protagonisti di una bella gara nella mattinata di ieri, sono risultati tonici e incisivi, la formazione era compatta e coesa e ha regalato degli ottimi sprazzi di ginnastica: il sogno olimpico era concreto, alla fine dei conti risultano decisive le due cadute al cavallo con maniglie (Nicolò Mozzato e Nicola Bartolini). Oggettivamente si può rimprovare poco o nulla a questa Italia che ha fatto tutto il possibile, gareggiando nella complicata prima suddivisione e incrociando le dita per due giorni interi sperando di ritornare ai Giochi dopo l’assenza di Rio 2016: dalla brutta notte dei Mondiali di Glasgow a questa triste serata sono passate quattro stagioni ma sono due eliminazioni (o mancate qualificazioni, chiamatele come prefererite) ben diverse, in terra britannica si era sfigurato mentre a Stoccarda abbiamo ammirato dei Moschiettieri coraggiosi che ci hanno provato con le unghie e con i denti.

L’Italia sarà comunque presente a Tokyo 2020: sicuramente con Ludovico Edalli che col 25esimo posto nel concorso generale (81.698, lo rivedremo nella finale all-around venerdì pomeriggio) stacca un biglietto da individualista, sabato ci proverà invece Marco Lodadio che si è qualificato alla Finale di Specialità agli anelli dove verranno messi in palio tre pass (il laziale, bronzo in carica, si giocherà i tagliandi olimpici col turco Ibrahim Colak, col francese Samir Ait Said, col greco Eleftherios Petrounias, con l’armeno Artur Tovmasyan). Il Cavaliere del Castello si presenta all’atto conclusivo col quinto punteggio (14.666) e scenderà in pedana agguerito per raggiungere l’obiettivo dopo aver mancato il traguardo da capitano della squadra davvero per un soffio.

Intanto queste le squadre qualificate alle Olimpiadi 2020: Russia, Cina, Giappone, Ucraina, Gran Bretagna, Svizzera, USA, Cina Taipei, Corea del Sud, Brasile, Spagna, Germania.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Simone Ferraro/FGI

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket femminile, le migliori italiane della prima giornata di Serie A1

Ginnastica, Ludovico Edalli qualificato alle Olimpiadi 2020! L’azzurro stacca il pass da individualista