Show Player

LIVE Vuelta a España 2019, Avila-Toledo in DIRETTA: numero di Cavagna, a Gilbert sfugge il tris. Valverde e Roglic in top10!



CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DEL TAPPONE DI OGGI DELLA VUELTA DALLE 11.45 (SABATO 14 SETTEMBRE)

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

Loading...
Loading...

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

LA CRONACA DELLA TAPPA

LA CLASSIFICA GENERALE

LE PAGELLE DELLA TAPPA

TUTTE LE ALTRE CLASSIFICHE

CHE POLEMICHE CON LA MOVISTAR! 

DOMANI L’ULTIMA TAPPA DI MONTAGNA! CHI ATTACCHERÀ ROGLIC?

LE PAROLE DI CAVAGNA: “ULTIMI 25 CHILOMETRI DURISSIMI” 

CAVAGNA: UN NUOVO FENOMENO PER IL WOLFPACK

BUONI SEGNALI DAL TOUR OF BRITAIN: L’ITALIA PUNTA AL MONDIALE

Grazie per averci seguito. Rimanete con noi per cronaca, pagelle, classifiche, approfondimenti e dichiarazioni della Vuelta a España 2019.

17.32 Di seguito invece la classica generale.

17.29 Questa la top10 odierna.

17.24 VINCE CAVAGNA!!! Il francese con una grandissima azione riesce ad anticipare il gruppo, che arriva 5” secondi dopo, regolato da Sam Bennett, che precede Stybar, Gilbert e Valverde, che guadagna 3″ nei confronti di Roglic, che mantiene comunque saldamente la maglia rossa.

17.23 Inizia lo strappo finale in lastricato! Ancora ottimo vantaggio per Cavagna.

17.22 Ultimo chilometro! Gruppo lanciato a tutta all’inseguimento.

17.21 Il gruppo riprende anche gli inseguitori, 30″ per Cavagna.

17.20 Ripresi dal gruppo gli altri fuggitivi.

17.18 Si è formato ora un terzetto all’inseguimento, con anche Armirail.

17.16 Attacca Craddock, che insime ad Arndt, prova a riportarsi sulla testa.

17.13 Il francese è arrivato a Toledo, tanto pubblico sulle strade.

17.10 Ai -10 km Cavagna continua a pedalare alla grande e ha oltre 25″ di vantaggio.

17.07 Il gruppo non sembra in grado di riprendere i fuggitivi, visto che in 3 km ha recuperato solo 10″.

17.03 15 km al traguardo, Cavagna ha sempre 20″ di vantaggio sugli inseguitori, mentre il gruppo è a 1’20”.

17.00 Si è ritirato anche Marco Marcato, vittima della caduta in cui sono stati coinvolti Roglic e Lopez.

16.58 In gruppo ora tira la Lotto-Soudal. Non sarà semplice andare a riprendere Cavagna.

16.55 Il vantaggio di Cavagna sta salendo rapidamente. Ora ha 1’55”. Mancano 20 km.

16.52 1’30” per Cavagna sul gruppo a 22 km dalla fine.

16.50 Cavagna stacca i compagni di fuga, intanto.

16.48 Ha smesso di piovere e, ora, in gruppo la situazione sembra essersi calmata.

16.45 La strada cambia continuamente direzione, per cui diventa difficile per chi vuole fare il ventaglio poi dare continuità all’azione.

16.43 Tentativo a vuoto, ma Roglic non deve aprire gli occhi, perché il rischio è sempre dietro l’angolo.

16.41 Ora è stato fatto un ventaglio e Roglic s’è fatto sorprendere.

16.39 Ad ogni modo, questa terza settimana si è rivelata molto più movimentata di quel che si credeva.

16.36 Rischio ventagli molto alto ora.

16.34 Communicazione surreale del DS Movistar Arrieta che accusa l’UCI di aver favorito l’inseguimento del gruppo Roglic.

16.32 La situazione è tornata tranquilla, ma attenzione che c’è vento laterale. Certamente Roglic non è stato particolarmente fortunato in questa Vuelta, quella di oggi è la terza caduta.

16.29 Si è ritirato Tony Martin. Brutta perdita per Roglic. Per sua fortuna resta solo una tappa pericolosa.

16.27 Ricordiamo i nomi dei fuggtivi: Silvan Dillier (AG2R La Mondiale), Domen Novak (Bahrain-Merida), Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step), Lawson Craddock (EF Education First), Bruno Armirail (Groupama-FDJ), Tsgabu Grmay (Mitchelton Scott), Ben O’Connor (Team Dimension Data), David de la Cruz (Team Ineos), Nikias Arndt (Team Sunweb), Peter Stetina (Trek-Segafredo).

16.25 Mancano 45 km. Non è stata una brutta caduta per la maglia roja, Roglic pedala bene e non ha segni. Sembrava un po’ più malconcio Lopez.

16.23 Nel mentre il vantaggio della fuga sale a 1’50”.

16.20 Il gruppo ora si ferma e torna compatto.

16.18 Rientrano Roglic e Lopez.

16.15 Ora Valverde ferma la Movistar. La caduta di stile resta, però.

16.13 La Movistar non è la prima volta che attacca Roglic in questo modo. Era già successo al Giro dei Paesi Baschi del 2018.

16.11 Roglic tira in prima persona ora, 1′ il distacco.

16.09 Roglic è rientrato sul gruppo all’inseguimento dei Movistar.

16.06 Roglic e Lopez si stanno avvicinando al gruppo Valverde.

16.03 La maglia roja e Lopez sono dietro. Davanti Valverde, Quintana e Pogacar.

16.00 Roglic non ha avuto problemi ed è ripartito. La Movistar, però, non sembra voler aspettare.

15.57 CADUTA! Anche Roglic Coinvolto.

15.54 70 Km al traguardo, scende ancora il vantaggio dei battistrada. Ora il vantaggio è di 1’10”.

15.51 Ecco la Caja Rural in testa a tirare il gruppo:

15.48 Ricordiamo che il migliore in classifica tra gli uomini in fuga è Ben O’Connor (Dimension Data) a più di un’ora da Roglic.

15.45 Il percorso è costantemente vallonato fino al traguardo. Anche l’ultimo chilometro è costantemente in salita e presenta tratti in lastricato.

15.42 80 Km esatti al traguardo, il vantaggio dei dieci uomini al comando è stabilmente vicino al 1’30”.

15.39 Eccola la pioggia battente che si è abbattuta sulla corsa qualche minuto fa:

15.36 Oggi dovrebbe essere una giornata piuttosto tranquilla per gli uomini di classifica che come unico compito hanno quello di rimanere coperti nel finale.

15.33 Sotto il loro importante lavoro rimane costantemente nell’ordine del 1’30” il vantaggio della fuga.

15.30 Sono tre le squadre che si stanno incaricando dell’inseguimento, vale a dire, CCC, Bora Hansgrohe e Caja Rural.

15.27 Torna la pioggia battente sulle corsa. Il gruppo rallentala sua marcia e la fuga torna a guadagnare.

15.24 In una fase tranquilla della corsa, da segnalare che oggi è il compleanno di Sepp Kuss (Jumbo Visma). L’oggi venticinquenne americano ha vinto una splendida tappa in questa Vuelta 2019.

15.21 Ricordiamo che la preparazione in vista del traguardo non sarà così semplice. La strada nell’ultimo chilometro pende costantemente all’insù.

15.18 95 Km al traguardo, il gruppo maglia rossa continua ha tenere sotto controllo la corsa, 1’20” il vantaggio dei battistrada.

15.15 Continua il brutto tempo sulla corsa. Tappa davvero complicata, anche per questo aspetto.

15.12 Ecco la rincorsa del gruppo:

15.09 Continua a calare il vantaggio dei battistrada, ora il gruppo insegue a meno di 2′. La corsa è a circa 100 Km dal traguardo.

15.06 Non solo la Bora a tirare. Anche la CCC, la Katusha e la Caja Rural.

15.03 Al chilometro 54 di corsa il vantaggio dei fuggitivi è 2’32”, il gruppo ora sembra voler fare sul serio e procede tutto in fila indiana.

15.00 Situazione davvero interessante nella tappa di oggi. La fuga non ha preso il largo e ora forse la Bora Hansgrohe ci vuole provare, ha fermato Harchbold.

14.57 Ha smesso di piovere sulla corsa, mentre il vantaggio dei battistrada tende a diminuire.

14.53 Ricordiamo i loro nomi: Silvan Dillier (AG2R La Mondiale), Domen Novak (Bahrain-Merida), Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step), Lawson Craddock (EF Education First), Bruno Armirail (Groupama-FDJ), Tsgabu Grmay (Mitchelton Scott), Ben O’Connor (Team Dimension Data), David de la Cruz (Team Ineos), Nikias Arndt (Team Sunweb), Peter Stetina (Trek-Segafredo).

14.51 Inizia a piovere sulla corsa, mentre il vantaggio dei dieci battistrada è di 3’35”.

14.47 Correzione da Radio Vuelta: è Silvan Dillier ad essere in testa al posto del compagno di squadra dell’AG2R La Mondiale Pierre Latour.

14.43 41,8 km/h è la media della prima ora di gara. Intanto il vento ha perso un po’ di intensità.

14.40 Anche la Bora-Hansgrohe e la Caja Rural hanno messo i loro uomini davanti al gruppo.

14.36 Intanto delle nubi sospette fanno da scenario in questa diciannovesima tappa.

14.32 Intanto è arrivata anche la Katusha-Alpecin a dar manforte alla CCC in testa al plotone.

14.29 Intanto la CCC si è portata in testa al gruppo della maglia roja.

14.26 Il gruppo sembra deciso nel lasciar andare i fuggitivi quando sono trascorsi solamente 30 chilometri.

14.22 Continua a salire il vantaggio dei battistrada che adesso hanno ben 2’35” sul gruppo.

14.18 Adesso sono in dieci al comando con 1’55” di vantaggio sul gruppo della maglia roja Primoz Roglic.

14.15 Problemi meccanici per Archbold, che viene ripreso dal gruppo.

14.11 Ecco i passaggi al GPM:

Alto de la Paramera (cat-3, km 13)
1. Bruno Armirail (Groupama-FDJ), 3 pts
2. Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step), 2 pts
3. Tsgabu Grmay (Mitchelton Scott), 1 pt

14.07 Intanto qualche goccia di pioggia sta cadendo sulla corsa.

14.04 Il distacco tra i battistrada e il gruppo è salito a 55″, mentre dietro prova ad allungare Thomas De Gendt (Lotto Soudal).

14.01 Mancano circa 2 km allo scollinamento e il gruppo continua ad assottigliarsi perdendo unità.

13.57 Pierre Latour (AG2R La Mondiale), Domen Novak (Bahrain-Merida), Shane Archbold (Bora-Hansgrohe), Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step), Lawson Craddock (EF Education First), Bruno Armirail (Groupama-FDJ), Tsgabu Grmay (Mitchelton Scott), Ben O’Connor (Team Dimension Data), David de la Cruz (Team Ineos), Nikias Arndt (Team Sunweb), Peter Stetina (Trek-Segafredo) hanno un vantaggio di 36″ sul gruppo.

13.54 C’è già stata una bella selezione in gruppo, mentre una decina di uomini stanno cercando di prendere il largo.

13.51 Ricordiamo che l’Alto de la Paramera misura 12 km al 2.5%.

13.48 Si susseguono diversi scatti e controscatti, ma nessuno riesce ad evadere.

13.44 Si registrano numerosi attacchi sin dai piedi della salita dell’Alto de la Paramera, l’unico GPM di giornata, posto dopo un solo chilometro dalla partenza.

13.40 Intanto vi proponiamo qualche dato in merito ai corridori con maggior numero di chilometri passati in fuga:

1. Angel Madrazo (Burgos-BH), 692 km
2. Philippe Gilbert (Deceuninck-Quick Step), 540 km
3. Silvan Dillier (AG2R La Mondiale), 501 km
4. Dylan Teuns (Bahrain-Merida), 491 km
5. Nikias Arndt (Team Sunweb), 460 km

13.36 Tantissimo pubblico e uno scenario bellissimo alla partenza da Avila:

13.32 I corridori hanno preso il via:

13.28 Sono 6,2 i chilometri di trasferimento. Da segnalare un po’ di vento sulla corsa.

13.24 I corridori sono in direzione del chilometro zero, dove avverrà la partenza ufficiale.

13.19 Vi ricordiamo che la tappa partirà tra circa 10 minuti:

13.14 Ecco qui l’altimetria di questa diciannovesima tappa:

13.09 Quella di oggi sarà una tappa molto vallonata che si apre a diverse ipotesi: da una fuga da lontano, o un attacco nel finale, oppure, se le squadre dei velocisti saranno in grado di organizzarsi, magari un arrivo allo sprint.

13.05 Saranno 165,2 i chilometri da percorrere con partenza da Ávila e arrivo a Toledo.

13.00 Buongiorno e benvenuti alla nostra DIRETTA LIVE della diciannovesima tappa della Vuelta a España 2019.

Percorso, favoriti e altimetria della diciannovesima tappa Il programma della diciannovesima tappaLa cronaca della diciottesima tappaLa classifica generale 

Buongiorno a tutti e benvenuti alla DIRETTA LIVE della diciannovesima tappa della Vuelta a España 2019 da Ávila a Toledo. 165,2 chilometri che anticipano la resa dei conti che avverrà domani nell’ultimo tappone di montagna. Questa è una frazione dove le formazioni dei velocisti avranno il dovere di controllare la corsa per non farsi scappare lo sprint finale. Ma occhio agli ultimi chilometri, che comprendono più di 1000 metri in leggera ascesa e in pavé. Insomma, il finale non è affatto scontato e le ipotesi sono svariate: o una fuga da lontano, o un attacco nei chilometri conclusivi, o la fortuna che bacerà gli sprinter.

La partenza da Ávila sarà in salita. Di fatti, passato il primo chilometro, il gruppo salirà subito verso l’Alto de la Paramera, un GPM di terza categoria di 12 chilometri con una pendenza del 2,5%; nulla di impossibile ma attenzione, perchè potrebbe essere la rampa di lancio per qualche attacco da lontano. Poi la tappa proseguirà in discesa per una quindicina di chilometri e successivamente su di un tracciato abbastanza mosso fino al traguardo. Prima di arrivare a Toledo ci sarà la sfida allo sprint intermedio di Albarreal de Tajo. E come detto in precedenza, occhio al finale vallonato e in pavé.

L’ipotesi più fondata, nel caso di una conclusione alla sprint, è una sfida tra il campione irlandese Sam Bennett (Bora-Hansgrohe) e quello olandese Fabio Jakobsen (Deceuninck-Quick Step); ma non è da escludere Fernando Gaviria (UAE Team Emirates). Però, dato il percorso molto mosso dall’inizio alla fine e quindi estremamente nervoso, non andranno sottovalutati gli uomini da Classiche, quindi attenzione alla Deceuninck-Quick Step, che, oltre Jakobsen, ha diverse carte da giocarsi. Altri nomi possono essere John Degenkolb (Trek-Segafredo), Dylan Teuns (Bahrain-Merida) o il giovane Tao Geoghegan Hart (Team Ineos). Se non Thomas De Gendt (Lotto Soudal) per un possibile attacco da lontano, come lo stesso Gorka Izagirre (Astana).

OA Sport vi propone la DIRETTA LIVE della diciannovesima tappa della Vuelta a España 2019 con la cronaca in tempo reale e aggiornamenti costanti per non perdervi nulla della corsa a tappe iberica. Appuntamento alle ore 13. Buon divertimento!

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter 

@lisa_guadagnini

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top