Seguici su

Atletica

LIVE Atletica, Coppa Europa 2019 in DIRETTA: 10 agosto, Italia terza dopo la seconda giornata!!! Fantastici assoli di Davide Re nei 400 e Yeman Crippa nei 5000!

Pubblicato

il

CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DELLA COPPA EUROPA 2019 DI ATLETICA DI OGGI DALLE 15.00 (DOMENICA 11 AGOSTO)

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

19.48: Appuntamento a domani pomeriggio alle 15 per l’ultima giornata di gare del Campionato Europeo per Nazioni dalla Polonia. Buona serata

19.45: Dopo la prima giornata, dunque, Italia splendida terza: Francia 192.50, Polonia 191. Italia 170. Germania 169, Gbr 160.50, Spagna 156, Repubblica Ceca 128, Ucraina 127, Grecia 112, Svizzera 105, Finlandia 101.5, Svezia 100.5

19.44: L’Italia si salva dalla squalifica ed è già moltissimo perchè quel cambio era veramente al limite. Arrivano 6 punti e gli azzurri salvano il terzo posto

19.41: L’Italia sarebbe settima con un pessino 29″27. Vince la Francia con 38″29 davanti alla Gbr con 38″73, terzo posto per la Germania con 38″88, poi Ucraina, Polonia, Spagna, Italia, Grecia, Svizzera, Svezia, Finlandia

19.41: Pessimo cambio finale per gli azzurri che potrebbero essere squalificati

19.40: Un disastro proprio in chiusura per l’Italia che sbaglia tutto nella staffetta e rischia di compromettere l’inter giornata quantomeno per il terzo posto

19.36: Ora la finale A della 4×100 maschile con Gbr, Italia, Francia, Polonia, Germania, Spagna

19.31: La Francia vince la staffetta con 43″10, la Svizzera, che aveva vinto la finale B, è seconda in 43″11, terza la Gbr con 43″46, l’Italia chiude al sesto posto: non una gran gara delle azzurre che riescono comunque a limitare i danni con 44″20. Quarta Germania, quinta Spagna, settima Polonia, ottava Repubblica Ceca, poi Ucraina, Finlandia, Grecia e Svezia

19.27: Al via nella finale A della 4×100 donne: Italia, poi Gbr, Germania, Francia, Polonia e Spagna. I tempi verranno incrociati con quelli della finale B

19.24: Dopo 19 eventi Italia sempre terza: Polonia 175, Francia 165.50, Italia 157, Germania 150, Spagna 141, Gbr 139.5, Repubblica Ceca 122, Ucraina 114, Grecia 105, Svezia, Finlandia 96.50, Finlandia 90

19.23: Squalifica per la Repubblica ceca nella staffetta 4×100 uomini

19.21: La francese Alais con 63.46 vince il giavellotto davanti alla polacca Andreiczyk (63.39), terza la ceca Sediva con 61.32, poi Spagna, Grecia, Finlandia, Italia, ucraina, Germania, Svezia, Svizzera, Gbr

19.18: Non ci sarà Jacobs al via nella 4×100 azzurra: Desalu, Cattaneo, Manenti e Infantino i protagonisti. In campo femminile Italia con Dosso, Hooper, Bongiorni, Herrera Abreu

19.17: L’Ucraina vince la finale B della 4×100 maschile con 39″02, poi Grecia, repubblica Ceca, Svizzera, Svezia, Finlandia

19.14: Si profila la battaglia con la Germania per il terzo posto finale per una squadra azzurra che ha fatto davvero ottime cose oggi. Molto importanti le due staffette 4×100

19.13: Andreiczyk si inserisce al secondo posto nel giavellotto con 63.46, alle spalle della francese Alais

19.12: Tra poco la finale B della 4×100 maschile con Svezia, Svizzera, Ucraina, Grecia, Repubblica Ceca, Finlandia

19.10: Nullo l’ultima lancio di Visca che dunque sarà settima nel giavellotto. Alais, Sediva, Moreno e Andrejczyk eseguiranno il lancio finale

19.09: La Svizzera domina la finale B con 43″11, poi Repubblica Ceca, Ucraina, Finlandia, Grecia e Svezia

19.08: Ora la finale B della 4×100 femminile con Svizzera, Svezia, Repubblica Ceca, Ucraina, Grecia, Finlandia

19.07: Lopez squalificato nei 1500 uomini e dunque l’Italia sarà settima e non ottava con Spanu. Lo spagnolo ha commesso una scorrettezza in curva ed è fuori. Zero punti per gli iberici

19.05: Italia sempre terza dopo 18 eventi (manca ancora il triplo): Polonia 166, Francia 156.50, Italia 150, Germania 146, Gbr 138.5, Spagna 130, Repubblica Ceca 113, Ucraina 100

19.03: nel triplo vittoria per la greca Papahristou con 14.48, secondo posto per la spagnola Peleteiro con 14.27, terzo splendido posto per Ottavia Cestonaro con 14.18, poi Ucraina, Finlandia, Germania, Gbr, Polonia, Svezia, Francia, Svezia, Repubblica Ceca, Svizzera

19.02: Visca scende al settimo posto nel giavellotto ma basterebbe mezzo metro in più a Visca con l’ultimo tiro per risalire in quinta piazza. La giovane azzurra tra poco ci proverà

19.02: Nullo per Cestonaro che sarà terza

19.01: Cestonaro farà i quattro salti din finale. E’ ancora terza quando mancano gli ultimi quattro salti

18.58: Limita i danni con un bel giro finale Matteo Spanu che chiude con 3’50″29 all’ottavo posto. Vince come da pronostico il polacco Lewandowski con 3’47″88 davanmti al britannico Grice con 3’48″35, terzo lo spagnolo opez in 3’48″58, poi Repubblica Ceca, Svezia, Francia, Germania, Italia, Svizzera, Ucraina, Finlandia, Grecia

18.57: gara veloce e Spanu è ultimo nei 1500 quando manca un giro

18.56: Alais, Sediva, Moreno, Andreiczyk e Visca la classifica del giavellotto quando manca l’ultima rotazione di lanci

18.54: CESTONAROOOO!!! Granm salto, primato personale a 14.18 ed è terza con solo un metro di vento a favore!!!

18.53: C’è Matteo Spanu al via nei 1500 piani assieme a Grice (Gbr), Almgren (Swe), Rinne (Fin), Elmer (Sui), Lewandowski (Pol), Dimitrakis (Gre), Lopez (Esp), Kayafa (Gre), Holusa (Cze), Bartelsmeyer (Ger), Doukkana (Fra)

18.52: E’ un buon lancio il secondo di Carolina Visca che arriva a quota 55.13 e sale al quinto posto nel giavellotto

18.47: E’ SECONDA MARTA ZENONI!!! Bravissima l’azzurra che ha fatto la selezione negli ultimi due giri, ed ha perso solo contro la svedese che ha un gran finale. Prima Ngarambe in 9’07″06, secondo posto per Zenoni in 9’08″34, terza la spagnola Pereira in 9’09″76 che è il personale. A seguire Polonia, Germania, Svizzera, Finlandia, Francia, Gbr, Grecia, Repubblica Ceca, Ucraina

18.47: Azzurra davanti con Ngarmbe

18.47: Marta Zenoni prova ad attaccare!!!

18.46: Nei 3000 a due giri dal termine Zenoni nel gruppetto di testa

18.45: 13.90 di Ogbeta: la britannica supera Cestonaro che scende al settimo posto nel triplo

18.42: Carolina Visca è quinta con 51.19 nel giavellotto donne. Può fare meglio. In testa la francese Alais con 63.46 che è il personale

18.41: Si migliora ma non migliora la posizione Ottavia Cestonaro nel triplo! 13.82 e sesto posto rafforzato

18.40: Ritmo lento nella prima parte di gara dei 3000

18.39: Papahristou va a condurre la gara del triplo donne con 14.48, davanti alla spagnola Peleteiro con 14.27, poi Makela, Saladukha, Gierisch e Cestonaro. L’azzurra sta facendo il massimo, davanti ha atlete più forti di lei

18.37: Italia in difesa nei 3000 piani femminili con la giovane Marta Zenoni al via, assieme a Krebs (Ger), Geyer-Carles (Fra), Hosker-Thornhill (Gbr), Ngarambe 8Swe), Blomqvist (Fin), Egger (Sui), Lis (Pol), Marinakou (Gre), Pereira (Esp), Shkurko (Ukr), Chlebikova (Cze)

18.36: Cestonaro è quarta dopo la prima rotazione di salti

18.34: Dopo 16 eventi su 20: Francia 140.50, Polonia 140, Italia, Germania 124, Gbr 117.5, Spagna 111, Repubblica Ceca 100, Ucraina 95

18.32: Il polacco Haratyk si impone nel getto del peso con 21.83, secondo posto per il ceco Stanek con 20.65, terzo posto per il francese Dagee con 20.03, poi Germania, Gbr, Italia, Ucraina, Svezia, Spagna, Grecia, Finlandia, Svizzera

18.30: Tra poco il giavellotto donne con la promettente Carolina Visca, che ha già vinto tanto a livello giovanile. Con lei Ifantidou (Gre), Moreno (Esp), Fetiskina (Ukr), Sediva (Cze), Ulbricht (Ger), Alais (Fra), Walton (Gbr), Wessman (Swe), Kangas (Fin), Ruckstuhl (Sui), Andrejczyk (Pol)

18.29: Bene Cestonaro nel triplo: 13.73 il primo salto dell’azzurra che si insedia in quarta posizione alle spalle di Makela, Saladukha e Gierisch

18.25: Dopo 15 eventi su 20: Francia 130.50, Polonia 128, Italia 117, Germania 115, Gbr 109.5, Spagna 107, Repubblica Ceca, Ucraina 89

18.23: La doccia fredda arriva adal peso dove Leonardeo Fabbri non va oltre la sesta posizione e francamente qui ci si aspettava molto di più (almeno due o tre posizioni). Fabbri chiude con un deludente 19.37 e per gli azzurri questo è un brutto colpo nella corsa al quarto posto alla fine della seconda giornata, risultato alla loro portata

18.21: E’ un grande terzo posto quello di Maria Benedicta Chigbolu!!!! L’azzurra si mette alle spalle della polacca Swiety Ersetic che vince in 51″23, davanti a Sptunger che rimonta nel finale e chiude in 51″84, terza l’azzurra in 52″19, poi Francia, Repubblica Ceca, Gbr, Ucraina, Svezia

18.18: C’è Maria Benedicta Chigbolu al via dei 400 piani donne con Allcockj (Gbr), Hjelmer (Swe), Sananes (Fra), Swiety-Ersetic (Pol), Sprunger (Sui), Vondrova (Cze), Klymyuk (Ukr). E’ una delle finali di maggiore spessore dell’intera manifestazione

18.16: Tra poco il triplo donne con l’azzurra Ottavia Cestonaro che se la vedrà con Nyman Wanseth (Swe), Makela (Fin), Tobler (Sui), Szostak (Pol), Papahristou (Gre), Peleteiro (Esp), Saladukha (Ukr), Mastalirova (Cze), Gierisch (Ger), Phesor (Fra), Ogbeta (Gbr)

18.14: Il britannico Lincoln con 19.57 scavalca Fabbri ed è quinto nel peso, sesto l’azzurro che si giocherà tutto nell’ultimo lancio a disposizione

18.11: Grande ultimo giro di Yeman Crippa che è andato a riprendere i fuggitivi e li ha staccati, chiudendo con il tempo di 13’43″30 davanti a Wanders (Svizzera) in 13’45″31, terzo il tedesco Petros in 13’50″45, poi Francia, Spagna, Svezia, Repubblica Ceca, Grecia, Gbr, Polonia, Ucraina, Finlandia

18.10: YEMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAN CRIPPAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!! E sono due le vittorie dell’Italia in Polonia!!!!

18.10: Se ne va Crippaaaaaaaa

18.10: Si stacca Petros

18.09: Sono in tre davanti all’ultimo giro dei 5000 e Crippa c’è

18.09: Il tedesco Bayer piazza 19.66 e supera Fabbri al quarto posto ma l’azzurro sembra averne per l’ultimo lancio

18.07: Crippa si è riportato sui primi due, Petros e Wanders

18.06: Al secondo tentativo Leonardo Fabbri sarebbe arrivato piuttosto lontano ma è nullo

18.03: Gran lancio del polacco Haratyk che pone già un’ipoteca sulla vittoria nel peso con 21.41

18.01: Wanders e Petros in fuga dopo il primo km nei 5000, Crippa si mette all’inseguimento

17.59: Terzo posto provvisorio per Fabbri nel peso con 19.53, alle spalle di Stanek (Cze) con 20.31 e Dagee (Fra) con 19.88

17.58: Dopo 12 eventi: Polonia 113, Francia 112.5, Germania 101, Gbr 98.50, Spagna 97, Italia 95, Ucraina 81, Repubblica Ceca 75

17.55: Stefanidi con un solo salto vince la gara dell’asta con 4.56. Errore a 4.70 per lei ma è sola. Secondo posto per l’ucraina Kylypko con 4.56, terzo posto per la svedese Bengtsson con 4.46, poi Gullon-Romarin per la Francia a 4.46, Malavisi quinta a 4.46, poi Repubblica Ceca, Svizzera, Gbr, Finlandia, Polonia, Spagna, Germania

17.53: Tra poco il via dei 5000 uomini con Crippa tra i favoriti: al via assieme all’azzurro Hay (Fra), Goolab (Gbr), Hassan (Swe), Saleva (Fin), Wanders (Sui), Glowala (Fin), Gourlias 8Gre), Jimenez (Esp), Kyts (Ukr), Zemanyk (Cze), Petros (Ger)

17.50: Al via Marco Fabbri nel getto del peso assieme a Stanek (Cze), Bayer (Ger), Dagee (Fra), Lincoln (Gbr), Petersson (Swe), Kangas (Fin), Wieland (Sui), Haratyk (Pol), Skarvelis (Gre), Tobalina (Esp), Musiyenko (Ukr)

17.46: Mezzo disastro di Lingua nel martello. Resta lontano dalle sue misure l’esperto italiano che si ferma a quota 70.76 ed è ottavo. Vince Nowicki per la Polonia in 78.84, secondo posto per il francese Bigot (76.70), terzo posto per il greco Anastasakis (75.77), poi Spagna, Finlandia, Ucraina, Germania, Italia, Svezia, Gbr, Repubblica Ceca, Svizzera

17.43: Quanti errori per Folorunso che ha pagato nel finale. Poca lucidità e quarto posto per l’italiana che è quarta con 56″34 dopo tre quarti di gara buoni. Vince Hejnova per la Repubblica Ceca con 55″10, seconda l’ucrasina Rhyzhykova con 55″65, terza Linkiewicz (55″67) per la Polonia, poi Italia, Svizzera, Gbr, Francia e Svzeia. Arrivano 9 punti per l’Italia

17.41: Al via i 400 ostacoli donne con Ayomide Folorunso non al meglio della condizione per un piccolo risentimento accusato ieri. Con lei Palmqvist (Swe), Chaboudet (Fra), Rhyzhykova (Ukr), Hejnova (Cze), Linkiewicz (Pol), Giger (Sui), Beesley (Gbr)

17.38: Arriva anche il secondo errore di Malavisi a 4.56 e dunque l’azzurra sarà comunque quinta e porta a cxasa un buon punteggio per le azzurre. Ancora in gara Stefanidi e Kylypko che hanno superato 5.56, Bengtsson e Guillon-Romarin che si sono tenute un tentativo per la prossima misura

17.36: Questa la classifica provvisoria dopo 10 gare (e mezzo perchè è conteggiata anche l’asta): Germania, Polonia 91; Gbr 88.50, Francia 86,. Spagna 85, Italia 81, Rep. ceca 61, Finlandia 58.50, ucraina 52, Grecia 46, Svizzera 42; Svezia 33

17.35: Quarto posto per Gbr, quinta Ucraina, sesta Repubblica Ceca, settima Spagna, ottava Polonia con squalifica

17.33: E’ secondo posto per Marcell Jacobs in una gara condizionata dal vento contrario a 1.4. Vince come da pronostico Vicaut in 10″35, secondo posto per l’azzurro che ha tenuto il ritmo del rivale fino ai 70 metri poi ha perso terreno chiudendo secondo a 10″39, terzo il tedesco Pohl a 10″55

17.33: Stefanidi e Kylypko superano 4.56 nell’asta, errore, il terzo, per Malavisi

17.30: Partenza falsa del polacco Olszewski  che viene squalificato

17.29. Ora la sfida tra l’azzurro Marcell Jacobs e il francese Vicaut nella finale dei 100. Al via anche Olszewski (Pol), Veleba (Cze), Pohl (Ger), Sokolov (ukr), Rodriguez (Esp), Aikines-Aryeetey (Gbr)

17.28: Si chiude l’alto: Sottile terzo con un deludente 2.22. Vince lo spagnolo Sancho con 2.26 davanti a Baker (Gbr) 2.22, terzo Sottile 2.22, poi Germania, Polonia, Francia, Ucraina, Grecia, Svezia, Svizzera, repubblica Ceca, Finlandia

17.25: Arrivano 4 punti per l’Italia nei 3000 siepi con Mattuzzi che chiude nona in 10’03″75. Vince la tedesca Krause in 9’36″67, seconda la spagnola Sanchez (9’39″24), terza la britannica Clarke, poi Finlandia, Polonia, Francia, Svizzera, Repubblica Ceca, Italia, svezia, Finlandia, Ucraina

17.22: Brava Malavisi!!! Nell’asta donne supera 4.46 al terzo tentativo e resta in corsa!!! Potrebbe puntare addirittura a uno dei primi tre posti

17.21: Un pizzico di delusione per Sottile che chiude al terzo posto una gara dell’alto alla sua portata. Terzo errore a 2.26 per lui, una misura che si doveva superare

17.20: Il polacco Nowicki con 78.84 va al comando. 70.76 per Lingua che è sesto al momento, quando manca un solo lancio alla fine. per i primi quattro poi ci sarà il lancio supplementare

17.18: Secondo errore per Malavisi a 4.46

17.18: Si stacca Mattuzzi dal gruppo di testa. Deve puntare al decimo posto

17.17: errori di Przybyklo e Kobielski. Sono per entrambi il quarto e dunque male che vada sarà terzo Sottile, che sbaglia anche il secondo tentativo a 2.26

17.16: Errore di Sottile a 2.26, è il secondo della sua gara. L’azzurro è terzo

17.14: Isabel Mattuzzi al via nei 3000 siepi femminili con Sekanova (Cze), Krause (Ger), Claude-Boxberger (Fra), Clarke (Gbr), Soderholm (Swe), Richardsson (Fin), Scherrer (Sui), Konieczek (Pol), Kotsahili (Gre), Sanchez (Esp)Zhmurko (Ukr)

17.13: Arriva l’errore di Malavisi a 4.46, è il primo. Non sbaglia l’ucraina Kylypko

17.13: Nell’alto Sancho continua a stupire e supera 2.26

17.11 Grazie alla vittoria di Davide Re, l’Italia sale al sesto posto in classifica con 48 punti. In testa Francia e Polonia con 67.

17.10 Davide Re ha letteralmente demolito la concorrenza con un rettilineo finale convincente. Ha preceduto nettamente il britannico Cowan (46″18) e lo spagnolo Husillos (46″36).

17.09 REEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!! DOMINIO NETTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!! 45″35, tempo non eccezionale, ma oggi contava vincere! Un successo mai in discussione!

17.09 Progressione di Davide Re, ora il rettilineo finale. L’azzurro è in testa!

17.08 Partita la finale dei 400 metri. Tutti con Davide Re.

17.08 Già 4 atlete eliminate nell’asta femminile, dunque il risultato di Sonia Malavisi va considerato sin da ora positiva. Per ora l’azzurra è in testa con 4,36, ma la gara entrerà nel vivo a breve.

17.07 Ora la finale dei 400 metri, qui l’Italia deve puntare senza mezze misure alla vittoria. Davide Re è il grande favorito, ieri in semifinale ha impressionato.

17.06 Arriva il 2,22 al primo tentativo per Sottile, ora è terzo. Davanti a lui Baker e Sancho, gli unici che non hanno sbagliato. Sono rimasti in gara appena sei atleti.

17.04 Dopo sei prove la classifica generale vede al comando la Polonia con 54 punti, seguono Germania (54) e Francia (52). italia settima a quota 36.

17.03 2’03″95 per Eloisa Coiro, che ha comunque ottenuto il proprio primato personale. 2’01″21 per Lamotte, allo stagionale.

17.02 La francese Lamotte, favorita della vigilia, vince davanti alla britannica Oskan-Clarke. L’azzurra Coiro chiude undicesima: paghiamo dazio come nelle previsioni, questa gara era uno dei ‘buchi’ da mettere in conto.

17.01 Si stacca la greca, fatica Coiro in penultima posizione.

16.59 Ora gli 800 metri femminili. Eloisa Coiro ha il penultimo tempo tra le iscritte. Qui una top10 sarebbe oro colato, ma si rischia anche il 12° posto.

16.58 E’ terminata la gara di salto in lungo con la netta vittoria del greco Tentoglou in 8,30. Secondo lo spagnolo Caceres (8.02), terzo il polacco Jaszczuk (8,00). Buon quarto posto per Filippo Randazzo con 8 metri, punti pesantissimi.

16.57 Sottile supera 2,17 al secondo tentativo, ora è quarto. Davanti Baker (Gbr), Kobielski (Pol) e Sancho (Spa).

16.55 Che peccato per Randazzo, chiude quarto. Il polacco Jaszczuk eguaglia la prestazione dell’azzurro (8 metri), ma lo supera grazie alla seconda miglior misura (7,99 contro 7.32).

16.54 Arriva un brutto errore per Stefano Sottile a 2,17 metri nell’alto. Ricordiamo il regolamento: al quarto errore complessivo si viene eliminati.

16.53 Randazzo, terzo nel salto in lungo con 8 metri, si è qualificato per il quarto e conclusivo round riservato solo ai primi 4 della classifica.

16.52 Nell’asta femminile hanno superato i 4,36 metri Malavisi, Bengtsson (Svezia) e Guillon-Romarin (Francia). Non sono ancora entrate in gara le due favorite, la greca Stefanidi e la tedesca Ryzih.

16.50 Ora inizia la gara del martello maschile, dove l’Italia schiera il 41enne Marco Lingua. In questa prova dovremo stringere i denti, già un risultato intorno all’ottava posizione sarebbe positivo.

16.48 Avvio convincente per gli azzurri. Dosso e Randazzo hanno conquistato molti più punti del previsto, non sta demeritando neppure Sonia Malavisi nell’asta. Attesa per Stefano Sottile nell’alto, dove il primo a scavalcare i 2,17 metri è il polacco Kobielski.

16.46: Arriva un buon quinto posto per l’azzurra Dosso. La francese Zahi in 11″31 vince con 2.1 di metri a sfavore, secondo posto per Neita in 11″33, terza la polacca Swoboda in 11″35, poi la spagnola Bestue, l’azzurra Dosso in 11″70, la repubblica ceca, la Grecia e la Germania che non è partita. Arrivano 8 punti per la squadra azzurra

16.43: Nell’alto Mattila (Finlandia) è eliminato a 2.07, due errori per il ceco Heindl a 2.07, due a 2.12 ed è fuori

16.42: 7.32 per Randazzo al terzo tentativo, l’azzurro resta terzo

16.41: Incredibile la partenza dei 100. La pistola non funziona e almeno un paio di atlete fanno quasi 70 metri non capendo che non è valida la partenza

16.40. Solo Guillon-Romarin ha superato 4.36 al primo tentativo nell’asta femminile assieme a Malavisi, ci sono stati 6 errori finora

16.39: Clamorosa eliminazione per Ryzih (Germania) a 4.21 nell’asta

16.38: Tutto pronto per la finale dei 100 donne con Dosso (Italia) in corsia 1, poi Kwaiye (Ger) che non parte, Spanoudaki-Hatziriga (Gre), Swoboda (Pol), Zahi (Fra), Neita 8Gbr), Seidlova (Cze), Bestue (Esp)

16.36: Il greco Tentoglou vola al comando della graduatoria provvisoria del lungo con 8.30

16.36: SONIA MALAVISI! Superaancora al primo turno 4.36! Molto bene l’azzurra che non ha ancora commesso errori

16.35: Nel lungo Jaszczuk arriva a quota 7.99 ma non supera Randazzo

16.34: Sottile non sbaglia anche a 2.12. Già 5 gli atleti che hanno superato questa misura

16.32: Il polacco Dobek con 48″38 si aggiudica il successo nei 400 ostacoli con un buon finale ma anche con tanti errori, secondo il francese Vaillant (48″98), terzo il tedesco Campbell che ha fatto gara di testa calando nel finale con 49″24, poi Gbr, Rep. Ceca, Spagna, Finlandia e Svizzera. Italia decima, 3 punti

16.31: Caceres, Randazzo, Janczszuk i primi tre del lungo dopo la seconda rotazione di salti. Ora l’ultima rotazione, i primi quattro avranno anche il quarto tentativo a disposizione

16.28: Tra poco il via dei 400 ostacoli maschili, l’unica gara senza azzurri: Brand (Sui), Moro (Fin), Fernandez (Esp), Muller (Cze), Vaillant (Fra), Dobek (Pol), McAlister (Gbr), Campbell (Ger)

16.26: Anche Aubatin, Wicklund e Streit superano 2.07 alla seconda prova nell’alto

16.25: Malavisi supera al primo tentativo anche i 4.21 nell’asta

16.24: Nullo il secondo salto di Randazzo

16.24: Przybyko supera al secondo tentativo 2.07 come Krymarenko

16.23: Caceres va in testa con 8.02 nel lungo

16.21: Jaszczuk si migliora di un centimetro ed è secondo con 7.96

16.20: Sottile supera 2.07 al primo tentativo come Baniotis, Kobielski, Sancho

16.17: Randazzo sempre in testa quando mancano gli ultimi quattro atleti della prima rotazione

16.16. Ricordiamo che nell’alto e nell’asta si hanno quattro errori a disposizione su tutte le misure per ogni atleta. nel lungo e nel triplo, come nei lanci tre tentativi e quarto  tentativo riservato solo ai primi 4

16.14: Nell’alto maschile Streit spreca già due tentativi a 1.97

16.12: E sono otto metri per Randazzo!!! In testa alla classifica l’azzurro!!!

16.11: Isachenkov trova il personale a 7.91 nel lungo, tra poco Randazzo

16.09: Sonia Malavisi supera 4.06 al primo tentativo come Cook, Kylypko e Malacova

16.07: Jaszczuk va al comando della graduatoria del lungo con 7.95

16.00: Al via anche il salto in alto maschile con l’azzurro Stefano Sottile fra i più attesi assieme a Kobielski (Pol), Baniotis (Gre), Sancho (Esp), Krymarienko (Ukr), Przybylko (Ger), Heindel (Cze), Aubatin (Fra), Baker (Gbr), Wicklund (Swe), Mattila (Fin), Streit (Sui)

15.55: A breve al via anche il salto in lungo maschile con Pulli (Fin), Biya (Sui), Jaszczuk (Pol), Caceres (Esp), Isachenkov (Ukr), Randazzo (Ita), Vondracek (Cze), Howard (Ger)Bey (Fra), Fincham-Dukes (Gbr), Carlsson (Swe)

15.52: Al via ell’asta donne Moser (Sui), Przybyla (Pol), Stefanidi (Gre), Bartolome (Esp), Klypko (Ukr), Malavisi 8Ita), Malacova (Cze), Ryzih (Ukr), Guiillon-Romarin (Fra), Cook (Gbr), Bengtsson (Swe), Murto (Fin)

15.48: Si inizia con il salto con l’asta femminile e l’azzurra Malavisi che cercherà di limitare i danni in una gara che non la vede tra le favorite

15.43: Gli azzurri sono piaciuti ieri nele semifinali delle gare individuali. Tutti qualificati tranne Sibilio nei 400 ostacoli, l’unica finale che non vedrà azzurri al via. Il giovane azzurro porterà a casa 3 punti

15.41: Tra poco scatta la seconda giornata di gare della Coppa Europa, l’Italia parte dal sesto posto delle prime due gare disputate ieri, disco femminile e giavellotto maschile

15.30 Benvenuti amici di OA Sport. Le gare inizieranno alle 16.00.

Obiettivo salvezza per l’Italia nella Coppa Europa 2019 – Il programma della Coppa Europa a squadre – Gli italiani in gara a Bydgoszcz – Il regolamento della Coppa Europa 2019 – I convocati dell’Italia ai raggi X La cronaca della prima giornata – La presentazione della seconda giornata di gare – Il programma di oggi (10 agosto) – Gli italiani in gara oggi (10 agosto)

Buongiorno e benvenuti alla DIRETTA LIVE della seconda giornata della edizione 2019 della Coppa Europa per Nazionali di atletica leggera in programma a Bydgoszcz, in Polonia. La classifica della gara a punti prende forma nella seconda giornata dove sono in programma ben 20 finali con 19 presenze per gli azzurri.

Sono dodici le squadre al via della serie A ma solo sette al termine della tre giorni polacca resteranno nella massima serie, vistro che la prossima edizione tornerà a otto squadre con la promozione di una Nazionale dalla serie B. L’Italia, priva delle stelle Tamberi e Tortu, che stanno lavorando per presentarsi al meglio ai Mondiali di Doha dopo qualche problema fisico, punta alla permanenza nella massima serie e sembra avere le carte in regola per riuscire nell’impresa, anche dopo quanto visto nella prima giornata di gare. Il programma di oggi prevede: 16.00 Asta F Finale (Malavisi). 16.03 Lungo M Finale (Randazzo). 16.06 Alto M Finale (Sottile). 16.30 400hs M Finale. 16.40 100 F Finale (Dosso). 16.53 Martello M Finale (Lingua). 16.56 800 F Finale (Coiro). 17.04 400 M Finale (Re). 17.12 3000 siepi F Finale (Mattuzzi). 17.29 100 M Finale (Jacobs). 17.37 400hs F Finale (Folorunso). 17.50 Peso M Finale (Fabbri). 17.55 5000 M Finale (Crippa). 18.17 Triplo F Finale (Cestonaro). 18.20 400 F Finale (Chigbolu). 18.35 Giavellotto F Finale (Visca). 18.38 3000 F Finale (Zenoni). 18.54 1500 M Finale (Spanu). 19.07 4×100 F Finale ITALIA. 19.17 4×100 M Finale ITALIA

L’Italia dovrà lottare per ottenere la salvezza verosimilmente con Grecia, Finlandia, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, Svizzera e Ucraina mentre per il titolo le Nazionali accreditate sono Germania, Gran Bretagna, Francia e i padroni di casa della Polonia.

OA Sport vi propone la DIRETTA LIVE della seconda giornata della edizione 2019 della Coppa Europa per Nazionali di atletica leggera in programma a Bydgoszcz, in Polonia. Cronaca in tempo reale, minuto dopo minuto, gara dopo gara, per non perdersi davvero nulla. Si comincia dalle 16 con l’asta femminile. Buon divertimento a tutti. Foto Alessio Marini Live Photosport

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per scoprire quote, pronostici, bonus, recensioni bookmaker su scommesse sportive e molto altro su sport betting è possibile consultare la nostra nuova sezione dedicata alle scommesse online