F1, GP Australia 2019: prove libere 1. Lewis Hamilton il più veloce, Sebastian Vettel e Charles Leclerc lo marcano stretto


E’ andata in archivio la prima sessione di prove libere del GP d’Australia 2019, primo round del Mondiale di F1. Sul tracciato cittadino dell‘Albert Park a Melbourne, il britannico Lewis Hamilton ha subito impresso il proprio marchio. Il cinque volte iridato, infatti, ha stabilito il miglior crono di 1’23″599 sulla sua Mercedes con gomme morbide (a banda rossa), dimostrando che la W10 è veloce e vuol partire con il piede giusto. 26 i giri completati dal britannico che è sembrato trovarsi bene immediatamente con la monoposto di Brackley.

CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DELLE PROVE LIBERE 2 DALLE ORE 06.00

Le Ferrari però ci sono. Il tedesco Sebastian Vettel e il monegasco Charles Leclerc, a parità di gomme con il leader, si sono fermate rispettivamente a 0″038 ed a 0″074, segno che la SF90 è pronta per dare l’assalto a Lewis e contendergli lo scettro. Colpisce, in questo senso, anche l’equilibrio tra i due piloti della Rossa. Un aspetto che va a favore del nuovo arrivato Leclerc, in grande feeling con il team e la macchina. Un contesto, nel suo complesso, molto equilibrato nella top-5, tenendo conto del quarto tempo dell’olandese Max Verstappen (Red Bull) e del quinto del finlandese Valtteri Bottas (Mercedes), distanti 0″193 e 0″267 da Hamilton, anche loro con coperture soft. Finnico, tra l’altro, autore di un errore nelle ultime battute, andando lungo nella penultima curva e rischiando di danneggiare la sua macchina.

Primo degli umani” è stato il finlandese dell’Alfa Romeo Racing Kimi Raikkonen. L’ex ferrarista con la C38 ha ottenuto il tempo di 1’24″816 (gomme morbide), rimediando un distacco considerevole di 1″217, a testimoniare il differenziale tra i tre top team e il resto delle Circus. In questo senso un po’ deludente il riscontro finale del francese Pierre Gasly che, a bordo dell’altra Red Bull, non è andato oltre l’ottava piazza (+1″333), preceduto anche dall’ottima Toro Rosso di Daniil Kvyat (1’24″832). Nei migliori dieci troviamo anche la Haas del danese Kevin Magnussen (+1″335) e la Renault del tedesco Nico Hulkenberg (+1″416), condizionato da un problema elettrico sulla propria monoposto per buona parte del turno. Undicesimo il nostro Antonio Giovinazzi che ha lavorato molto sulla messa a punto dell’Alfa Romeo (+1″567), mentre l’australiano Daniel Ricciardo ha siglato il 17° tempo (+2″035) con l’altra Renault, denunciando grossi problemi di bilanciamento. Nel fondo della classifica, come da pronostico, le due Williams del polacco Robert Kubica (+4″315) e del britannico George Russell (+5″141), a testimoniare le grosse criticità tecniche della scuderia di Grove.

LA CLASSIFICA DELLE PROVE LIBERE 1 DEL GP D’AUSTRALIA 2019 DI F1

Pos. N. Pilota Team Distacco Tempo Giri
1 44 L. Hamilton (B) Mercedes 1’23″599 26
2 5 S. Vettel (B) Ferrari +00″038 1’23″637 18
3 16 C. Leclerc (B) Ferrari +00″074 1’23″673 18
4 33 M. Verstappen (B) Red Bull +00″193 1’23″792 22
5 77 V. Bottas (B) Mercedes +00″267 1’23″866 30
6 7 K. Raikkonen (B) Alfa Romeo +01″217 1’24″816 18
7 26 D. Kvyat (M) Toro Rosso +01″233 1’24″832 30
8 10 P. Gasly (B) Red Bull +01″333 1’24″932 23
9 20 K. Magnussen (B) Haas +01″335 1’24″934 24
10 27 N. Hulkenberg (B) Renault +01″416 1’25″015 11
11 99 A. Giovinazzi (B) Alfa Romeo +01″567 1’25″166 23
12 8 R. Grosjean (B) Haas +01″625 1’25″224 18
13 23 A. Albon (M) Toro Rosso +01″631 1’25″230 21
14 55 C. Sainz (B) McLaren +01″686 1’25″285 19
15 18 L. Stroll (M) Racing Point +01″689 1’25″288 26
16 11 S. Perez (M) Racing Point +01″899 1’25″498 21
17 3 D. Ricciardo (B) Renault +02″035 1’25″634 16
18 4 L. Norris (B) McLaren +02″367 1’25″966 31
19 88 R. Kubica (M) Williams +04″315 1’27″914 25
20 63 G. Russell (B) Williams +05″141 1’28″740 25

 

 

 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NEWS SULLA F1

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

Lascia un commento

scroll to top