Calcio femminile, amichevole Italia-Cile 2-1: successo in rimonta delle azzurre ad Empoli


Termina con una vittoria al “Carlo Castellani” di Empoli il primo impegno del 2019 della Nazionale italiana di calcio femminile di Milena Bertolini. Le azzurre si sono imposte 2-1 contro il Cile nella prima delle due amichevoli in programma (la prossima sarà il 22 gennaio a Cesena) grazie alle marcature di Ilaria Mauro al 73′ e di Stefania Tarenzi nei minuti di recupero della ripresa. La nostra compagine era passata in svantaggio per via della sfortunata autorete di Cristiana Girelli al 53′, fallendo nel corso del confronto tantissime occasioni per realizzare. Un successo, dunque, meritato quello della selezione nostrana, che però dovrà registrare alcuni meccanismi in fase difensiva in vista dell’appuntamento più importante: i Mondiali 2019 in Francia (7 giugno-7 luglio).

Bertolini punta su un 4-3-3 con Marchitelli; Guagni, Linari, Salvai, Bartoli; Parisi, Galli, Cernoia; Girelli, Mauro, Giacinti. Rispondono le cilene con un assetto a specchio. José Letelier schiera Endler; Soruco, Galaz, Saez, Pinilla; Soto, Araya, Lopez; Rojas, Zamora, Huenteo. Il primo pericolo arriva dalle parti dell’estremo difensore nostrano con Lopez che da posizione ravvicinata calcia a lato. Dalla metà del primo tempo le nostre portacolori si scuotono ed è Mauro a salire in cattedra. Sul cross di Guagni dalla destra il colpo di testa dell’attaccante della Fiorentina non trova per poco la porta. La centravanti gigliata, poi, si fa trovare pronta su un’improvvisa verticalizzazione, ma Endler fa buona guardia. Molto attiva anche Giacinti che dalla sinistra lascia partire un traversone, ma Girelli non impatta nel migliore dei modi. L’ultima chance capita sempre sui piedi dell’attaccante del Milan, sulla sponda di Mauro, ma la conclusione non trova il bersaglio.

Nella ripresa il CT sostuisce Parisi con Giugliano. L’Italia si rende subito pericolosa con Giacinti e Mauro, ma il portiere avversario è una saracinesca. Ironia della sorte, il gol del Cile arriva sugli sviluppi di un corner, dove la sfortunata deviazione di Girelli non lascia scampo a Marchitelli al 53′: Bel Paese colpito a freddo. Dopo pochi minuti, grazie ad un’iniziativa di Giacinti sulla sinistra, l’attaccante della Juventus ha l’occasione per riscattarsi, ma ancora una volta Endler salva la propria porta. Lascia il campo quest’ultima al 58′ e fa il suo ingresso Valentina Bergamaschi, la cui ultima apparizione in Nazionale risaliva allo scorso marzo, quando la calciatrice del Milan si ruppe il legamento crociato nel corso della Finale di Cyprus Cup contro la Spagna. Al 66′ altra colossale opportunità per l’Italia: Guagni sfonda sulla destra e lascia partire un diagonale molto pericoloso che non trova la deviazione della solita Mauro per un nonnulla. La formazione di Bertolini tiene sotto assedio la porta avversaria: il cross di una scatenata Guagni è perfetto per il colpo di testa di Giacinti, ma salva miracolosamente sulla linea Saez. Sul calcio d’angolo conseguente, il pallone di Giugliano è telecomandato per Mauro che anticipa tutte e realizza il pari. Per l’attaccante della Fiorentina si tratta del 12° gol in 39 partite con la nostra rappresentativa. Fioccano le chance: il Cile si fa molto pericoloso con la neo entrata Aedo che calcia verso la porta con grande convinzione, ma Marchitelli devia ottimamente; l’Italia risponde con Giacinti che spara alle stelle dopo un’ottima azione in contropiede. Negli ultimi minuti entra Tarenzi per Cernoia, nel tentativo di dar ulteriore incisività all’attacco azzurro. Mai cambio fu più profetico. E’ proprio della punta del ChievoVerona Valpo il gol del successo nei minuti di recupero, su assist di Galli.

 

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lisa Guglielmi / livephotosport

Lascia un commento

scroll to top