Cadel Evans Race 2019, i favoriti e gli italiani al via. Elia Viviani sogna la vittoria, Daryl Impey e Jay McCarthy gli avversari principali

Si correrà domenica 27 gennaio la prima prova in linea in calendario per il World Tour 2019. Dopo le sei tappe del Santos Tour Down Under, si rimane in Australia per la quinta edizione della Cadel Evans Great Ocean Road Race, gara organizzata direttamente dal vincitore del Tour de France 2011. Inserita del massimo circuito internazionale dal 2017, la corsa prevede un percorso di 163 km, partenza e arrivo sul lungomare di Geelong ed un anello finale con la salita di Challambra Crescent (1,2 chilometri al 8.4 % di pendenza media) da ripetere ben quattro volte.

Nella passata edizione gli strappi ripetuti frazionarono il gruppo dando vita ad una volata ristretta ed è probabile che l’andamento della corsa si ripeta in maniera analoga anche quest’anno. La conformazione del tracciato si adatta a corridori dotati di un buono spunto veloce ma capaci di tenere duro anche su ascese di breve lunghezza. Impossibile quindi non pensare immediatamente all’azzurro Elia Viviani (Deceuninck-QuickStep), che ha iniziato al meglio la propria stagione con il successo in volata nella prima tappa del Tour Down Under. Il 29enne veronese ha chiuso secondo lo scorso anno alle spalle dell’australiano Jay McCarthy (Bora-hansgrohe), altro grande favorito della vigilia insieme al sudafricano Daryl Impey (Mitchelton-Scott), anch’egli apparso in eccellente condizione al Tour Down Under con la vittoria nella quarta frazione e il successo nella classifica generale. Se la corsa dovesse rivelarsi più dura del previsto attenzione anche a Richie Porte (Trek-Segafredo), Wouter Poels (Team Sky), Luis Leon Sanchez (Astana), mentre Jasper Philipsen (UAE Team Emirates) e Caleb Ewan (Lotto Soudal) sono i nomi da prendere in considerazione in caso di arrivo a ranghi compatti.

Saranno nove in totale gli italiani al via. Fabio Sabatini (Deceuninck-QuickStep) cercherà di pilotare Elia Viviani sul traguardo in un’eventuale volata, mentre corridori dotati di un ottimo spunto come Jakub Mareczko (CCC), Davide Ballerini (Astana Pro Team) e Alberto Bettiol (EF Education First) potrebbero provare anche a far saltare il banco. Oscar Gatto e Daniel Oss (Bora-hansgrohe) saranno verosimilmente al servizio del proprio capitano, così come Manuele Boaro (Astana Pro Team). Discorso a parte merita Diego Ulissi (UAE Team Emirates), ancora alla ricerca dello smalto di qualche stagione fa ma apparso in crescita al Tour Down Under, chiuso nella top10 della classifica generale.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

roberto.pozzi@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Twitter Quick Step

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Slittino, Mondiali 2019: sorpresa clamorosa nella sprint, vince il giovane Mueller. Lontani gli italiani

Pattinaggio artistico, Europei 2019. Guignard/Fabbri: “Il miglior esercizio e il miglior punteggio, fantastico”