LIVE Giro d’Italia 2018 in DIRETTA: Carapaz fa il vuoto a Montevergine. 2° Formolo, cade Froome


CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DELLA NONA TAPPA PESCO SANNITA-CAMPO IMPERATORE

Buongiorno e benvenuti alla DIRETTA LIVE dell’ottava tappa del Giro d’Italia 2018, 209 km da Praia a Mare a Montevergine di Mercogliano. La prima parte del percorso non presenta particolari difficoltà, ma negli ultimi 50 km potrebbe davvero esplodere la corsa. A Salerno la strada inizia a salire a gradoni verso i 1.260 metri del Santuario di Montevergine, che sarà il secondo arrivo in salita di questa edizione. L’ascesa conclusiva misura 17 km è ha una pendenza media attorno al 6%. Nel finale vedremo quindi una grande battaglia per conquistare la vittoria di tappa oltre a un confronto diretto tra gli uomini di classifica. La Maglia Rosa Simon Yates ed Esteban Chaves, dopo la splendida doppietta sull’Etna, potrebbero riprovarci oggi. Ci aspettiamo di vedere protagonista anche il nostro Domenico Pozzovivo, mentre Fabio Aru e Chris Froome dovranno cercare di recuperare il terreno perso fino ad ora da Tom Dumoulin.

OASport vi propone la DIRETTA LIVE dell’ottava tappa del Giro d’Italia 2018: cronaca in tempo reale ed aggiornamenti costanti per non perdervi nulla di questa tappa. Appuntamento alle 11.30. Buon divertimento!

La tappa di oggiLa classifica generaleI comuni attraversati oggi A che ora il Giro passa sotto casa tua

 





CLICCA F5 (SU DESKTOP) O REFRESH (SUL TUO DISPOSITIVO MOBILE/TABLET) PER AGGIORNARE LA PAGINA

17.17 L’Ecuador ha ottenuto la sua prima vittoria di sempre al Giro d’Italia.

17.16 In classifica generale Yates resta in maglia rosa con 16″ su Dumoulin e 26″ su Chaves. 4° Pinot a 41″, che scavalca Pozzovivo grazie agli abbuoni. Carapaz sale all’ottavo posto, 11° Aru a 1’12”.

17.14 Ha vinto Carapaz! 7 secondi di vantaggio su Formolo e Pinot. Il francese si prende altri 4 secondi di abbuono. Tutti insieme gli uomini di classifica. 4° Battaglin, 5° Yates, 6° Pozzovivo, 7° Chaves. Aru si era fatto vedere nelle prime posizioni, poi non ha fatto la volata.

17.14 Scatta Pinot per andare a prendersi gli abbuoni!

17.13 Ha fatto il vuoto Carapaz, che in classifica aveva solo 1’23” di ritardo da Yates ed entrerà nella top10!

17.12 Carapaz lanciato verso la vittoria, ha fatto la differenza! Che scatto!

17.11 SCATENATO CARAPAZ! Va a riprendere Bouwman! Ultimo chilometro!

17.11 Attacca anche l’ecuadoregno Carapaz, maglia bianca della Movistar!

17.10 Dal gruppo maglia rosa scatta il francese Cherel (FDJ).

17.08 Montaguti non ce la fa a portarsi su Bouwman, che conserva 14″. 1,5 km all’arrivo, sta diluviando!

17.07 Ripresi Mohoric e Polanc, mentre Montaguti sta provando a riportarsi su Bouwman, ma il vantaggio è ormai di soli 19″.

17.06 PAZZESCO! Froome non solo è rientrato dopo la caduta, ma ha messo il Team Sky a tirare a tutta velocità!

17.05 La rasoiata di Bouwman ha ricacciato il gruppo maglia rosa a 26″. Tutto dipenderà se si muoveranno o meno gli uomini di classifica.

17.04 Bouwman attacca e stacca tutti, l’olandese è solo al comando.

17.03 Solo 24″ di vantaggio per Polanc, Mohoric, Montaguti e Bouwman. A questo punto il grande favorito diventa Yates, che potrebbe guadagnare altri secondi preziosi.

17.04 Froome si riporta con rabbia nelle prime posizioni!

17.03 Solo 30 secondi per i 4 al comando, 4,5 km al traguardo!

17.02 Froome si rialza prontamente e risale grazie all’aiuto del compagno di squadra Poels.

17.01 E’ CADUTO FROOME! Scivolata per il britannico sull’asfalto viscido!

17.00 Si assottiglia ancora il vantaggio, 36″. 5600 metri all’arrivo. Tappa che ha detto poco finora in chiave classifica generale, ma a breve qualche botto dovremmo vederlo…

16.58 40 secondi, si riduce il vantaggio a 6 km dall’arrivo! Yates potrebbe tentare di andare a prendersi la vittoria di tappa…

16.58 Sembra che gli uomini di classifica abbiano paura di muoversi. A tirare è sempre la Mitchelton-Scott della maglia rosa Simon Yates.

16.57 Non ce la fa più Villella, si rialza e viene ripreso dal gruppo. 7 km all’arrivo, sempre 48″ di margine per Bouwman, Polanc, Mohoric e Montaguti.

16.56 8 km al traguardo, 48″ il gap su cui possono contare i quattro uomini al comando sul plotone.

16.55 Villella sta cercando di rientrare sul quartetto di testa, ma deve recuperare 18″.

16.52 Scende sotto il minuto il margine dei 4 di testa, 55 secondi. 9 km all’arrivo. Se inizieranno gli attacchi nel gruppo dei favoriti, si potrebbero andare a riprendere i corridori al comando.

16.51 10 km all’arrivo. 1’03” il distacco del gruppo maglia rosa. Tappa tutta da giocare…

16.49 Torres, Villella e Van der Sande perdono contatto. Restano in 4 davanti: Polanc, Mohoric, Montaguti e Bouwman. 1’12” per loro sul gruppo maglia rosa, dove nessuno si muove. E’ una salita molto pedalabile.

16.47 Bouwman attacca, Montaguti il primo a rispondere. Sempre molto bene anche Mohoric.

16.46 Ripreso Mohoric. 1’26” di vantaggio. Il gruppo maglia rosa non sta forzando. Nessuno prende l’iniziativa, a tirare c’è sempre la Mitchelton-Scott di Yates.

16.43 Si ricompatta il gruppetto dei fuggitivi, poi riparte in contropiede di Mohoric. Ora il vantaggio sul gruppo maglia rosa resta stabile.

16.42 Attacca ancora Van der Sande, risponde subito Mohoric, che sembra il più in palla. 1’30” sul gruppo maglia rosa.

16.40 Precipitano le chance dei battistrada. Appena 1’38” di vantaggio. In chiave classifica generale, a questo punto, oggi potrebbero contare molto gli abbuoni.

16.39 Van der Sande è il primo a rompere gli indugi nel gruppetto di testa.

16.38 Crolla ancora il vantaggio dei fuggitivi, 1’58”! Inizia a farsi dura. 16 km all’arrivo.

16.37 I principali indiziati per provare a vincere la tappa sono Polanc e Mohoric, ma anche Villella potrebbe dire la sua.

16.35 INIZIA LA SALITA DI MONTEVERGINE! Sta piovendo tantissimo! Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale), Rodolfo Torres (Androni – Sidermec), Davide Villella (Astana), Matej Mohoric (Bahrain – Merida), Tosh Van der Sande (Lotto FixAll), Koen Bouwman (Lotto NL – Jumbo) e Jan Polanc (UAE-Team Emirates) mantengono 2’30” sul gruppo maglia rosa, qualcuno di loro potrebbe farcela!

16.34 Nel plotone è la Mitchelton-Scott della maglia rosa Simon Yates a dettare l’andatura. 2’30” il gap dai fuggitivi.

16.32 Non è più così scontato che i fuggitivi si giochino la vittoria di tappa. Il loro vantaggio è di 2’35”.

16.32 Una salita molto pedalabile, adatta a corridori come Froome e Dumoulin.

16.31 La salita finale misura 17 km, ha una pendenza media del 6,5% e punte del 10%.

16.29 Scende sotto i 3 minuti il vantaggio della fuga! Gruppo maglia rosa allungatissimo! 21 km all’arrivo, a breve la salita finale di Montevergine!

16.26 ACCELERA IL GRUPPO! In un amen il vantaggio dei corridori in fuga scende a 3’24”. Una reazione tardiva?

16.25 Ricapitoliamo i 7 fuggitivi: Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale), Rodolfo Torres (Androni – Sidermec), Davide Villella (Astana), Matej Mohoric (Bahrain – Merida), Tosh Van der Sande (Lotto FixAll), Koen Bouwman (Lotto NL – Jumbo) e Jan Polanc (UAE-Team Emirates).

16.24 Temporale vero e proprio. 3’57” il vantaggio dei fuggitivi a 25 km dall’arrivo.

16.23: attenzione che inizia a piovere sulla corsa.

16.22: ora c’è tutto il Team Sky al comando! Attenzione a Chris Froome che potrebbe far la salita a tutta con la sua squadra.

16.21:

16.20: ora si fanno vedere davanti Team Sky, UAE Emirates e Team Sunweb. I capitani vogliono restare davanti.

16.19: si stacca già Jakub Mareczko. Giornata dura per il velocista della Wilier.

16.18: 30 chilometri all’arrivo, 4’30” il vantaggio dei fuggitivi. Difficile per il gruppo chiudere il gap.

16.14: ora breve tratto in salita verso Celzi per i fuggitivi. Ancora una quindicina di chilometri all’approccio dell’ascesa finale.

16.10: caduta in gruppo con Tim Wellens e De La Parte della Movistar coinvolti.

16.08: la medi dopo la 4^ h. di corsa: 42,550 Km/h.

16.05: 36 chilometri all’arrivo e la situazione non cambia. 7 fuggitivi con il gruppo a 4’47” guidato sempre dalla Mitchelton-Scott.

16.03: tutto pronto per il finale di gara. FAbio Aru è concentrato.

16.00: arriva la pioggia sul traguardo di Montevergine.

15.59:

15.57: 42 chilometri dalla conclusione, siamo a Baronissi con la corsa.

15.56:

15.54:

15.50: 46 chilometri al traguardo con 4’49” secondi di vantaggio per i fuggitivi.

15.45: non cambia ancora la situazione in gruppo, anche se la FDJ di Thibaut Pinot sembra pronta a passare davanti.

15.42: i passaggi ufficiali al secondo Traguardo Volante di giornata.

1. T. VAN DER SANDE (107)
2. R. TORRES AGUDELO (27)
3. M. MOHORIC (44)
4-. K. BOUWMAN (173)
5. J. POLANC (207)

15.40: aumenta leggermente l’andatura del plotone che sta recuperando qualche secondo sugli attaccanti.

15.37: Van Der Sande si aggiudica il traguardo volante di Salerno davanti a Torres e Mohoric.

15.33: Gianni Savio, intervistato dalla Rai, non dà tante speranze ai fuggitivi. Da capire però se qualche squadra proverà ad aumentare il ritmo in questo tratto che precede la salita conclusiva.

15.28: circa 60 chilometri al traguardo, i fuggitivi si avvicinano al traguardo volante di Salerno.

15.26:

15.23: iniziano a formarsi i treni delle squadre dei favoriti. Non c’è ancora però nessuna compagine che decide di mettersi davanti a tirare per provare a raggiungere i fuggitivi.

15.18: a 70 chilometri dal traguardo il vantaggio scende sotto i 5′.

15.14: dovessero raggiungere la salita finale con più di 3′ di vantaggio i fuggitivi potrebbero sicuramente giocarsi la vittoria. Il grande favorito sarebbe Jan Polanc, già due volte vincitore di tappa al Giro, sempre su arrivi in salita. Da seguire anche Rodolfo Torres, scalatore colombiano dell’Androni. In casa Italia si punta tutto su Montaguti e Villella, che potrebbero ben figurare.

15.10: fuggitivi che ora hanno raggiunto Ponte Fiume Sele.

15.08: andiamo a riepilogare i sette fuggitivi. Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale), Rodolfo Torres (Androni – Sidermec), Davide Villella (Astana), Matej Mohoric (Bahrain – Merida), Tosh Van der Sande (Lotto FixAll), Koen Bouwman (Lotto NL – Jumbo) e Jan Polanc (UAE-Team Emirates).

15.05: questa la media dopo la 3^ h. di corsa: 42,400 Km/h.

15.03: non cambia il vantaggio degli attaccanti. Sempre 5’30”, con la Mitchleton-SCOTT a dettare il ritmo in gruppo.

15.01: anche oggi scenari unici per il Giro.

14.59: ancora immagini dalla bellissima partenza da Praia a Mare.

14.56: i risultati ufficiali del traguardo volante di Agropoli.

1. R. TORRES AGUDELO (27)
2. M. MONTAGUTI (17)
3. K. BOUWMAN (173)
4. M. MOHORIC (44)
5. T. VAN DER SANDE (107)

14.54: fuggitivi che si avvicinano all’abitato di Paestum.

14.51: 90 chilometri al traguardo, il vantaggio dei 7 al comando scende a 5’30”.

14.48: la differenza tra Polanc (che è in fuga) e Conti (che è nel gruppo) nei primi 85 chilometri.

14.45:

14.41: non c’è stata volata davanti, tra i fuggitivi. Passa per primo Rodolfo Torres dell’Androni.

14.38: tra poco il passaggio al traguardo volante di Agropoli per i fuggitivi.

14.35: se dovesse continuare a fare il ritmo la Mitchelton-SCOTT, aumenterebbero e non di poco le chance per i fuggitivi.

14.32: massimo vantaggio per i fuggitivi, il distacco del gruppo sale oltre i 6′.

14.29: si avvicina il traguardo volante di Agropoli mentre i fuggitivi viaggiano con quasi 6′ di vantaggio. Sempre la Mitchelton-Scott davanti.

14.26: superati i 100 chilometri di gara.

14.23: ricordiamo la composizione del gruppo di testa. L’italiano Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale), il colombiano Rodolfo Torres (Androni – Sidermec), l’italiano Davide Villella (Astana), lo sloveno Matej Mohoric (Bahrain – Merida), il belga Tosh Van der Sande (Lotto FixAll), l’olandese Koen Bouwman (Lotto NL – Jumbo) e lo sloveno Jan Polanc (UAE-Team Emirates).

14.20: la Mitchelton lascia un po’ di corda, i sette al comando tornano a 5’30”.

14.17: ecco i fuggitivi di oggi.

14.14: 115 chilometri all’arrivo per i fuggitivi.

14.11: la Fdj si è posizionata alle spalle della squadra australiana, Pinot potrebbe avere intenzione di giocarsi la vittoria.

14.08: quando mancano 120 chilometri al traguardo la Mitchelton-Scott è ancora da sola in testa al gruppo e non sta ricevendo supporto da altre formazioni, magari interessate al successo di tappa.

14.05: il gruppo ha stabilizzato il distacco sui 5′.

14.02: la corsa è passata nei pressi di Vallo della Lucania, pur senza transitarci ufficialmente.

13.59: ecco delle immagini dalla corsa postate su Twitter dalla LottoNL-Jumbo, squadra che ha Bouwman in fuga.

13.56: i corridori che compongono la fuga sono in un tratto di leggera discesa rettilinea dove si raggiungono velocità molto elevate.

13.53: Mitchelton-Scott in controllo, Yates potrebbe anche pensare a vincere la tappa ma non è scontato che la formazione australiana decida di andare a riprendere la fuga.

13.50: il distacco è sceso nuovamente a 4’45”

13.47: 140 chilometri alla conclusione, situazione stabile.

13.43: e infatti il distacco ora si è stabilizzato.

13.40: ora il gruppo è più allungato, sembra i 5’30” possano essere il limite prima che il gruppo inizi a rimontare e gestire il distacco.

13.37: il distacco, però, continua ad aumentare e sale oltre i 5′.

13.34: la Mitchelton-Scott, una volta che il gruppo è scivolato a 4’45” dai fuggitivi, ha incrementato il ritmo. 145 chilometri alla conclusione.

13.31: vantaggio già otre i 4′.

13.28: il meglio piazzato in classifica generale è Jan Polanc, che alla partenza della frazione odierna occupava la 37esima posizione con un ritardo di 8’16” da Yates.

13.26: margine già nell’ordine dei 3′, inizia a farsi vedere davanti la Mitchelton-Scott.

13.23: il gruppo è praticamente fermo.

13.21: la fuga con Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale), Rodolfo Torres (Androni – Sidermec), Davide Villella (Astana), Matej Mohoric (Bahrain – Merida), Tosh Van der Sande (Lotto FixAll), Koen Bouwman (Lotto NL – Jumbo) e Jan Polanc (UAE-Team Emirates) ha un minuto e mezzo di vantaggio, ormai sembra fatta.

13.20: il gruppo ha rallentato e la maglia rosa Simon Yates ne ha approfittato per sbrigare un’esigenza fisiologica.

13.19: la corsa è un tratto di discesa ma tra poco si tornerà a salire anche con pendenze interessanti.

13.17: il gruppo torna compatto a 45” dai fuggitivi.

15.16: si è spezzato il gruppo! Potrebbe essere un momento molto insidioso anche per i big.

13.13: l’attività di questa prima fase di corsa potrebbe far propendere per una tappa in cui in gruppo di parla di una fuga che arriverà al traguardo, magari in base alle idee dei big e della squadra della maglia rosa Simon Yates.

13.10: altri scatti, sempre con Gonçalves assieme a Carthy, Tonelli e Armée

13.07: Gonçalves è stato raggiunto, Pedersen invece si è staccato dalla fuga ed è stato ripreso.

13.05: non si fermano gli scatti in gruppo, ci prova anche Gonçalves mentre i fuggitivi sono tornati ad avere un solo minuto di vantaggio.

13.02: desiste Senni che viene riassorbito dal gruppo principale.

12.59 Troviamo quindi otto uomini al comando: Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale), Rodolfo Torres (Androni – Sidermec), Davide Villella (Astana), Matej Mohoric (Bahrain – Merida), Tosh Van der Sande (Lotto FixAll), Koen Bouwman (Lotto NL – Jumbo), Mads Pedersen (Trek – Segafredo) e Jan Polanc (UAE-Team Emirates)

12.56 Mads Pedersen e Jan Polanc rientrano in testa

12.54 Ripresi Tim Wellens e Adam Hansen

12.52 Il ritardo di Senni è di 1’30”

12.49 La Lotto FixAll manda all’attacco altre due uomini: Tim Wellens e Adam Hansen

12.46 È uscito dal gruppo anche Manuel Senni (Bardiani – CSF), che insegue ad un minuto di ritardo

12.43 Il loro ritardo è di 20″ dalla testa

12.40 Al loro inseguimento ci sono Mads Pedersen (Trek – Segafredo) e Jan Polanc (UAE-Team Emirates)

12.37 Questi i fuggitivi: Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale), Rodolfo Torres (Androni – Sidermec), Davide Villella (Astana), Matej Mohoric (Bahrain – Merida), Tosh Van der Sande (Lotto FixAll) e Koen Bouwman (Lotto NL – Jumbo)

12.33 Ora sei corridori hanno preso un discreto margine

12.29 La velocità è elevatissima in questa fase, gruppo in lunga fila indiana

12.26 Percorsi i primi 20 km, continuano gli attacchi

12.23 Oggi potrebbe essere l’occasione giusta per far andare in porto una fuga e quindi nessuna squadra vuole restare esclusa

12.20 Annullata anche questa azione, il gruppo torna nuovamente compatto

12.19 In testa al gruppo sta tirando la Bardiani – CSF, esclusa da questo tentativo

12.17 Gli uomini all’attacco sono Francois Bidard (AG2R La Mondiale), Mattia Cattaneo (Androni – Sidermec), Alexey Lutsenko (Astana), Manuele Boaro (Bahrain – Merida), Alessandro De Marchi (BMC), Elia Viviani (QuickStep – Floors), Tony Martin (Katusha – Alpecin) e Nathan Brown (EF – Drapac)

12.14 Ripartono gli scatti, altri otto corridori ci provano

12.10 Nulla da fare, annullato questo primo tentativo, gruppo compatto dopo 5 km

12.07 Si avvantaggiano nove corridori

12.04 Subito i primi scatti in testa al gruppo

12.00 PARTE LA TAPPA!! I corridori scattano in questo momento da Corso Aldo Moro

11.56 Ultimi preparativi anche in casa Bahrain Merida con Domenico Pozzovivo che sarà uno dei corridori più attesi sulla salita finale

11.53 Pronto anche il francese Thibaut Pinot, che oggi potrebbe tentare in primo vero attacco

11.50 Ecco il vincitore dell’Etna, il colombiano Esteban Chaves, che veste la Maglia Azzurra

11.47 Arriva al foglio firma anche la Maglia Rosa Simon Yates, oggi si difenderà o proverà ad attaccare di nuovo?

11.44 Interviste prima della partenza per Saronni, oggi la UAE-Team Emirates sarà una delle squadre più attese nel finale, per capire se faranno un’azione per lanciare Fabio Aru

11.41 Oggi c’è anche chi si presenta anche in ciabatte da mare al foglio firma….

11.39 L’ascesa di Montevergine misura 17 km è ha una pendenza media attorno al 6%. Una salita quindi pedalabile, ma con moltissimi tornanti, che potrebbero rappresentare un’ulteriore difficoltà

11.36 La salita finale odierna potrebbe rappresentare una grande occasione per gli scalatori per recuperare terreno in classifica

11.33 Il percorso odierno prevede 209 km da Praia a Mare a Montevergine di Mercogliano, che ospiterà il secondo arrivo in salita di questa edizione

11.30 Buongiorno e benvenuti alla diretta dell’ottava tappa del Giro d’Italia 2018

 

Foto: Comunicato Stampa Rcs – Gian Mattia D’Alberto – LaPresse

Lascia un commento

scroll to top