Giro d’Italia 2018, risultato cronometro Rovereto. Squillo Rohan Dennis, Yates si difende bene. Rinasce Fabio Aru, risale Froome


A Rovereto sorride ancora Simon Yates. La 16esima tappa del Giro d’Italia 2018 non sconvolge la classifica e soprattutto consente al britannico di mantenere la maglia rosa anche dopo i 34 chilometri a cronometro tra Trento e Rovereto che rappresentavano la grande speranza di Tom Dumoulin per tornare a contatto con il leader della classifica generale o addirittura superarlo prima della terza settimana. Yates, però, si è difeso alla grande sui 34 chilometri dominati dall’australiano Rohan Dennis.

L’australiano della BMC ha chiuso con il tempo di 40′ spaccati, prendendosi la rivincita dopo la beffa della prova inaugurale a Gerusalemme. Alle sue spalle il tedesco Tony Martin (Katusha Alpecin), con un ritardo di 14”, mentre Tom Dumoulin (22″) si è dovuto accontentare della terza posizione. Il campione del mondo è stato certo autore di una buona prova, ma non certo dominante come ci si poteva attendere, specialmente nei confronti del diretto avversario per la vittoria finale. Quarto, invece, il suo connazionale Jos Van Emden (LottoNL-Jumbo). Con la vittoria di oggi proprio Dennis è tornato in auge in classifica, addirittura sesto e con la possibilità di provare a difendere la top 10 a Roma.

Sempre pensando alla classifica, quinta piazza per un buon Chris Froome, che ha perso sì 13” dall’olandese della Sunweb, ma è tornato in piena corsa per il podio nonostante un distacco di quasi 4′ da Simon Yates. Il corridore della Mitchelton-Scott ha confermato lo stato di forma straripante ed è riuscito a limitare alla grande i danni, rimanendo in maglia rosa con ben 56” di margine rispetto a Tom Dumoulin, perdendo nella tappa odierna solo 1’15”, molti meno rispetto alle attese della vigilia dei più. Sempre pensando alla classifica generale, Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida) è sempre sul podio virtuale e soprattutto ha staccato Thibaut Pinot (Groupama-FDJ) con cui aveva fatto corsa parallela fino ad oggi. Il francese è letteralmente crollato ad oltre 1′ dal lucano, che da qui alla fine dovrà difendersi dagli attacchi del transalpino e di Froome, che dista 39” con altri 3 arrivi in salita da affrontare. Distacchi pesanti per Miguel Angel Lopez (Astana) e Richard Carapaz (Movistar), che ora sono ad oltre 2′ da Pozzovivo rispettivamente in settima e ottava posizione.

A sorpresa, fa bene Fabio Aru: il sardo della UAE Emirates reagisce con grande orgoglio e chiude sesto a soli 37″ da Dennis: ora può sperare in una terza settimana ad alti livelli, magari andando a caccia di una vittoria di tappa. CLICCA QUI PER LA PENALIZZAZIONE.

 

CLICCA QUI PER LA CLASSIFICA GENERALE





CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI SUL GIRO D’ITALIA

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Foto: Comunicato stampa RCS – LaPresse – Spada / Ferrari

Lascia un commento

scroll to top