Tennis, WTA Charleston 2018: i problemi fisici condizionano Sara Errani. Ai quarti va Bernarda Pera


Si conclude agli ottavi di finale l’avventura di Sara Errani sulla terra verde di Charleston, negli Stati Uniti: l’azzurra, condizionata da un problema alla coscia sinistra nel corso del terzo set, cede alla statunitense Bernarda Pera in due ore e 25 minuti di gioco con lo score di 3-6 6-2 4-6.

Nel primo parziale si parte subito con break e controbreak, poi Errani si porta avanti e non concretizza due break point, permettendo all’avversaria di pervenire al 2-2. Ancora break e controbreak, poi lo strappo decisivo è della statunitense nel settimo gioco: Pera sale 4-3 e servizio. La numero 101 al mondo conferma l’allungo, poi, ai vantaggi del nono gioco, porta a casa la partita.

Nel secondo set la chiave di volta è nel terzo e nel quarto game: Errani trova il break, poi cancella le tre opportunità che l’avversaria si era procurata e conferma lo strappo. L’italiana non ha ulteriori problemi al servizio, anzi nel settimo gioco trova un secondo break, per poi chiudere nel game successivo e rinviare ogni verdetto al parziale decisivo.

Nella terza partita Errani sale 2-0, poi si fa rimontare dall’avversaria, che si porta 3-2 risalendo da 15-40 nel quinto game. Nel sesto gioco l’azzurra inizia ad accusare problemi alla coscia sinistra, ma si salva miracolosamente, riportandosi 3-3. Pera tiene il servizio, poi opera lo strappo salendo 5-3, con Errani che ha vistosi problemi a spingere al servizio. Controbreak a zero dell’italiana, poi ancora problemi in battuta per Errani, costretta anche a battere da sotto, esponendosi alle risposte aggressive di Pera, che si porta 15-40. Per non concedere un’altra risposta facile alla statunitense, l’azzurra rischia al servizio ma incappa in un doppio fallo e concede l’incontro all’avversaria.





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Profilo Facebook Sara Errani

roberto.santangelo@oasport.it

Lascia un commento

scroll to top