Calcio a 5, Italia dai due volti nello Slovak Futsal Week. Il secondo tempo con la Slovacchia è un punto di partenza per il futuro

Italia-calcio-a-5-foto-nazionale-italiana-futsal-fb.jpg

Venti minuti di classe pura riscattano una partita e mezza da dimenticare per l’Italia nello Slovak Futsal Week 2017 e proiettano gli azzurri con fiducia nella marcia di avvicinamento verso i Campionati Europei 2018, in programma in Slovenia tra il 30 gennaio e il 10 febbraio. Il secondo tempo contro la Slovacchia rappresenta la nota più lieta della spedizione italiana nel triangolare ad inviti che ha visto gli azzurri impegnati contro la Spagna, detentrice del titolo europeo, e i padroni di casa, il cui movimento nel futsal è in costante crescita. Quattro reti e sprazzi di qualità in una frazione di gara giocata a mille all’ora, un punto da cui ripartire per il ct Roberto Menichelli, consapevole di avere a disposizione una rosa di assoluto valore, da plasmare tuttavia con l’innesto dei giovani emergenti, che dovranno garantire un rapido ricambio generazionale abbassando l’età media di un gruppo a lungo ancorato ai grandi nomi del recente passato.

A guidare la riscossa, tuttavia, sono stati i veterani Ercolessi e Merlim, che con Romano e l’ottimo portiere Molitierno, hanno imposto lo stop alla volitiva Slovacchia, capace di passare in vantaggio nel primo tempo e sfiorare in più di un’occasione il raddoppio. Da Fortini a Fusari, da Castagna a Pulvirenti, le nuove leve avranno tempo e modo di prendersi la scena, ma a brillare sul palcoscenico slovacco è stata ancora la vecchia guardia, che costituisce l’ossatura di una squadra che può nutrire decisamente l’ambizione di puntare al podio fra 4 mesi a Lubiana.

Le note stonate però non sono mancate in Slovacchia. L’Italia è rimasta a secco per una partita e mezza, palesando enormi difficoltà nella costruzione del gioco e in fase realizzativa. La Spagna si è dimostrata attualmente più compatta e organizzata e gli azzurri sono rimasti a lungo in balia delle Furie Rosse senza abbozzare una reazione degna del talento dell’organico italiano. Ma le amichevoli, si sa, lasciano il tempo che trovano e l’Italia ha tutta l’intenzione di riscattare la delusione per l’eliminazione ai quarti di finale nel 2016 contro il Kazakistan, provando a rinverdire i fasti del trionfo di Euro 2014. La Spagna ora è più forte, ma chissà che a gennaio le gerarchie non possano essere sovvertite…



mauro.deriso@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Facebook Nazionale Italiana Futsal

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top