Tuffi: Elena Bertocchi, testa da campionessa. Ora i 3 metri verso Tokyo 2020

Bertocchi-3-Tuffi-Renzo-Brico.jpg

Vincere anche sotto pressione, saltando per ultima, da favorita: esame superato. “I tuffi sono al novanta per cento una questione di testa“, amava ripetere Tania Cagnotto. L’oro europeo da 1 metro di Elena Bertocchi dice tanto per vari motivi: il suo primo trionfo internazionale individuale, il suo secondo successo a Kiev dopo il sincro misto 3 metri con Maicol Verzotto, il passaggio di testimone con Tania campionessa uscente, la consapevolezza di essere ormai l’atleta da battere (almeno a livello europeo) nella specialità non olimpica.

Da due anni la 22enne milanese vanta una regolarità impressionante da 1 metro, sia in Italia che all’estero. A sorpresa, nel 2015, sfiorò il podio agli Europei di Rostock: quarta. La stagione successiva, a Londra, l’argento-passaggio di consegne simbolico dietro a Tania Cagnotto. Nelle gare nazionali, ultima quella di maggio a Torino con cui la bolzanina ha salutato definitivamente i tuffi, le due hanno sempre dato vita a duelli avvincenti. Per il palmarès e la gioia dei tifosi, dal punto di vista dell’altoatesina. Per la propria crescita agonistica, dal punto di vista della lombarda. Perché stare subito dietro a Tania Cagnotto – e talvolta riuscire anche a batterla – voleva dire essere quasi ai livelli della campionessa del mondo in carica. “Ho sempre gareggiato per avvicinarmi un po’ più a lei, anche negli eventi di seconda fascia magari meno importanti“, diceva a Torino. Ce l’ha fatta.

E ora? I Mondiali di Budapest, 14-22 luglio, per centrare la prima finale dopo l’eliminazione prematura di Kazan 2015. Con 280 punti la top 5 non è solo un sogno. E poi i 3 metri, con Tokyo 2020 sullo sfondo e i 300 punti come primo step da raggiungere, in Italia e all’estero. Elena Bertocchi li ha ottenuti solo una volta, a febbraio all’Open di Berlino, e a Kiev è arrivata nona con due errori in finale. Inutile aggiungere altro, perché lei in primis sa dove e come migliorare. Il talento si conosceva, la forza mentale l’ha dimostrata (anche) oggi. La strada da seguire c’è.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto: Renzo Brico

Lascia un commento

Top