Tuffi, Europei Londra 2016: Tania Cagnotto imbattibile! Ancora oro da 3 metri

Tania-Cagnotto-3-tuffi-foto-fin-deepbluemedia.jpg

Tania Cagnotto è ancora oro europeo! Il 19° titolo della carriera (28 medaglie in totale, e domani ci sarà il sincro con Francesca Dallapè, oggi undicesima, 262.40) si concretizza a Londra da 3 metri e, dopo il successo in rimonta dal trampolino non olimpico, conferma che la quasi 31enne azzurra rimane l’atleta numero uno del Vecchio Continente. Più forte dell’età, più forte delle giovani rivali, più forte delle quattro iscrizioni gara che ha onorato e onorerà da campionessa.

C’era curiosità intorno alla finale del pomeriggio dopo i 315.45 punti dell’eliminatoria, secondo posto dietro alla 22enne ucraina Anastasiia Nedobiga, ma la gara si è rivelata più agevole del previsto. Ottima l’apertura, 72 punti con il doppio e mezzo indietro carpiato, e ancora più bello l’avvitamento avanti della seconda rotazione, 75 di parziale. Il triplo e mezzo avanti carpiato della terza serie non è pagato a dovere, 65.10, ma un disastro della Nedobiga nel rovesciato (18 punti) spiana la strada al dominio incontrastato dell’azzurra, prima a +15 sulla seconda a due tuffi dal termine.

A questo punto basta solo difendere il vantaggio con gli esercizi più “semplici”, il ritornato (67.50) e il prezioso doppio e mezzo rovesciato carpiato (81), che mette la parola fine sulla corsa all’oro in suo favore. Argento Uschi Freitag (Olanda, 330.60), bronzo Grace Reid (Gran Bretagna, 328.55). Il totale, 360.60, non raggiunge il 362.20 di Kazan ma fa comunque gran morale verso Rio 2016. Per Tania Cagnotto è l’ennesimo Europeo post 2012 che si rivela da sogno pur senza molte aspettative. Il segreto è qui: la serenità.

I RISULTATI COMPLETI 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Fin/DeepBlueMedia

Lascia un commento

Top