Tuffi, Europei Londra 2016: DOPPIETTA ITALIA! Cagnotto oro e Bertocchi argento da 1 metro

Tania-Cagnotto-tuffi-foto-pagina-fb-kazan-2015-R-Sport-MIA-Rossiya-Segodnya.jpg

Emozioni londinesi. Il metro femminile agli Europei 2016 si decide in volata e la suspance scema solo dopo l’ultimo tuffo. Oro Cagnotto, argento Bertocchi. L’Italia centra una doppietta raggiunta solo una volta nella storia, a Torino 2009, sempre nel trampolino non olimpico, con la bolzanina prima davanti a Maria Marconi. E’ il settimo sigillo negli ultimi otto anni per Tania, il quarto consecutivo, mentre per Elena è la prima grande gioia della carriera da senior. Una serata storica, la seconda di fila dopo l’argento di ieri targato Giovanni Tocci.

LA FINALE – Gara strana, con tante imprecisioni. “Finale senza padrone“, dice Stefano Bizzotto su RaiSport, e ha ragione. Tania Cagnotto vola subito in testa con 61.20 con l’uno e mezzo ritornato ma commette un insolito errore nel doppio e mezzo avanti (abbondante, 44.20) e scivola sesta. La russa Nadezhda Bazhina prova la fuga, ma fallisce l’uno e mezzo rovesciato (46.80) e riapre tutto. La padrona di casa Grace Reid si gioca il tutto per tutto con il doppio e mezzo rovesciato da coefficiente 3.0: il rischio non paga, perché l’ingresso è scarso (36 punti) e dal primo posto della terza rotazione è settima a un tuffo dalla fine.

Zitte zitte, intanto, Elena Bertocchi e Kristina Ilinykh, coetanee, rimangono nei piani alti della classifica. L’ucriana Olena Fedorova tocca con i piedi la tavola nell’avanti e si arrende al secondo turno. Tania Cagnotto guida la sua rimonta con 58.65 nell’uno e mezzo indietro e 63.70 con l’avvitamento e, mentre la Bazhina sporca anche l’avvitamento, la lombarda approccia seconda l’ultima rotazione con un ottimo rovesciato da 54 punti. Seconda, sì, perché in testa ci ritorna la regina bolzanina, nonostante l’errore precedente.

A un tuffo dalla fine la situazione è dunque ottimale: Tania prima, Elena seconda. Ma la classifica è corta e le russe sono lì. Sembrano gli attimi decisivi di Berlino 2014: Cagnotto fu oro ma Maria Marconi quarta, tra le ennesime lacrime di sfortuna. Questa volta invece la festa è doppia: la 21enne milanese prende 57.20 e chiude seconda (281.30), Tania fa il suo con il rovesciato e trionfa a quota 284.15. Bronzo Bazhina con 280.75.

TRA POCO SINCRO MISTO – A breve la fuoriclasse bolzanina tornerà sul trampolino: è infatti previsto il sincro misto da 3 metri con Maicol Verzotto. I due sono medaglia di bronzo mondiale in carica. La rassegna continentale di Elena Bertocchi, invece, finisce con il sorriso.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Kazan 2015 R-Sport MIA Rossiya Segodnya

Lascia un commento

Top