Volley, Coppa del Mondo – Italia schiaccia Australia: le pagelle. Giannelli Incantatore, bomber facili, servizio glaciale

ItalysSimoneGiannellinameMostImpressivePlayer.jpg

Seconda vittoria consecutiva in Coppa del Mondo per l’Italia che nella notte ha asfaltato l’Australia (clicca qui per la cronaca). Di seguito il consueto commento e le pagelle degli azzurri.

 

ITALIA: 7. Una vittoria serena, senza patemi d’animo in un match controllato agevolmente dall’inizio alla fine. L’Australia di Santilli si rivela ben poca cosa e gli azzurri hanno vita facile, oltre le più rosee aspettative della vigilia, per conquistare il secondo successo nel torneo dopo quello maturato contro il Canada.

Non ci sono state grosse sbavature se non un minuscolo black-out nel secondo parziale che ha permesso ai volleyroos di rientrare sul nostro primo allungo. Per il resto tutto davvero troppo facile: dominio al servizio (12 aces), presenza solida sottorete, attacco estremamente concreto e ricezione che lascia poco spazio a Edgar e compagni i quali ci hanno facilitato il compito commettendo troppi errori.

Un’Italia unita e pimpante, ben motivata e convincente che ha dimostrato di avere il cuore e di poter dire la sua in questo torneo. Ora sotto con l’Egitto alla caccia dell’annunciato tris prima del vero esame di maturità contro gli USA.

 

SIMONE GIANNELLI: 8. Una prova letteralmente sontuosa per il nostro regista che si prende il ruolo di trascinatore e conduce la nostra Nazionale a una rapidissima vittoria. Proprio contro l’Australia il 19enne aveva debuttato da titolare in azzurro un paio di mesi fa a Verona nel riscatto della figuraccia di Jesolo e anche oggi fa la voce grossa, protagonista di una partita con i controfiocchi che gli porta il meritato riconoscimento di MVP. Dominante al servizio dove piazza 6 aces (2 consecutivi sul finale del terzo, un’altra doppietta di rilievo nel primo), granitico a muro dove stoppa le poche velleità dei volleyroos (3 stampate).

La sua prestazione non si limita però ai semplici numeri (10 punti complessivi) ma soprattutto al suo modo di gestire il fronte d’attacco, ripartendo equamente lo sforzo sui tre bomber in modo da mandare in confusione gli avversari e tornando a sfruttare i primi tempi che poco aveva utilizzato nelle prime uscite.

 

FILIPPO LANZA e MATTEO PIANO: 7+. A braccetto nelle nostre pagelle per il modo con cui hanno inesorabilmente indirizzato rispettivamente il primo e il secondo set: martellando al servizio. Due turni in battuta davvero infiniti che hanno messo in crisi la debole ricezione australiana e permesso agli altri azzurri di tenere ben saldo il pallino del gioco, picchiando in attacco e creando quegli allunghi che sono risultati decisivi. Entrambi vanno a referto con 8 punti e il 50% di realizzazione.

OSMANY JUANTORENA: 6,5. La Pantera si prende la gioia di chiudere l’incontro con un grande ace e si mette in mostra ogni qualvolta Giannelli decide di chiamarlo in causa. Probabilmente meno determinante rispetto all’esordio ma estremamente efficace (10 punti, poco oltre il 50% in attacco).

IVAN ZAYTSEV: 6+. Lo Zar fatica a mettere palloni a terra (10 punti, 36% in attacco) dopo la mirabolante prova con cui aveva schiacciato il Canada. Giannelli lo serve più degli altri (e ci mancherebbe visto che è l’opposto), lui è bravo a uscire con dei diagonali spiazzanti anche se sono arrivati alcuni errori. Piazza due aces davvero importanti.

 

SIMONE BUTI: 6,5. Il capitano mantiene il suo buon standard di rendimento ed è la sua prova convincente nel primo set a convincere Giannelli che i primi tempi possono essere un’ottima soluzione. Non sbaglia praticamente nulla, mette giù 6 punti e conquista il suo secondo successo con la lasagna sulla maglia.

MASSIMO COLACI: 6. Non deve inventarsi particolari miracoli viste le troppe difficoltà dell’Australia. Brilla soprattutto in un paio di circostanze ed è fenomenale quando va a recuperare un pallone difficile, alzandolo perfettamente in bagher rovesciato per l’attacco vincente di Juantorena. Anche se si vede poco il suo lavoro non manca mai.

SIMONE ANZANI: S.V. Entra solo per gli scambi finali del secondo e terzo set ma si prende la soddisfazione di realizzare l’attacco vincente che chiude il secondo parziale.

IACOPO MASSARI: S.V. Gioca solo gli ultimi punti del terzo set.

Non entrati: OLEG ANTONOV, DANIELE SOTTILE, SALVATORE ROSSINI, GIULIO SABBI, LUCA VETTORI.

 

Articoli correlati:

Coppa del Mondo 2015 – L’Italia annienta l’Australia nel Regno di Giannelli: servizio a bomba, ok i bomber

Coppa del Mondo 2015 – Italia schiaccia Australia: le pagelle. Gianneli Incantatore, bomber facili, servizio glaciale

 

(foto FIVB)

Lascia un commento

Top