Seguici su

Ciclismo

LIVE Vuelta a España 2023, tappa di oggi in DIRETTA: Roglic vince sull’Angliru, Kuss salva la maglia per 8″!

Pubblicato

il

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

LA CLASSIFICA GENERALE DELLA VUELTA

LA CRONACA DELLA TAPPA DI OGGI

ORDINE D’ARRIVO TAPPA DI OGGI

17.36 Grazie per averci seguito amici di OA Sport e buon proseguimento di serata. Un saluto sportivo.

17.35 Antonio Tiberi è 20° in classifica generale a 56’35”, 21° Damiano Caruso a 58’17”.

17.30 Stiamo attendendo di conoscere la posizione di Tiberi e Caruso in classifica generale.

17.24 Caruso primo degli italiani all’arrivo, 17° a 4’07”. Subito dietro, 18° a 4’10”, Antonio Tiberi. Il siciliano sta facendo da chioccia al giovane laziale.

17.20 La tappa ha vissuto del tentativo di attacco di Evenepoel, neutralizzato dal forcing della Bahrain-Victorious. Landa voleva provare a giocarsi la tappa, ma nulla ha potuto contro il trio della Jumbo-Visma. Roglic ha attaccato a 3 km dalla vetta, nel tratto più duro. Gli hanno risposto sia Vingegaard sia Kuss, poi l’americano ha perso contatto ai -2, ma si è salvato anche grazie alla collaborazione di Landa. Quest’ultimo è salito al 5° posto in classifica generale.

17.19 Kuss ha sprintato con Landa per il 3° posto che gli ha garantito 4″ di abbuono di platino. I due hanno avuto anche un battibecco e l’americano ha mandato a quel paese lo spagnolo.

17.18 La nuova classifica generale:

1 SEPP KUSS 24 JUMBO-VISMA 60H 34′ 21” – B : 20” –
2 JONAS VINGEGAARD 28 JUMBO-VISMA 60H 34′ 29” + 00H 00′ 08” B : 38” –
3 PRIMOŽ ROGLIČ 21 JUMBO-VISMA 60H 35′ 29” + 00H 01′ 08” B : 28” –
4 JUAN AYUSO 11 UAE TEAM EMIRATES 60H 38′ 21” + 00H 04′ 00” B : 10” –
5 MIKEL LANDA 45 BAHRAIN VICTORIOUS 60H 38′ 37” + 00H 04′ 16” – –
6 ENRIC MAS 141 MOVISTAR TEAM 60H 38′ 51” + 00H 04′ 30” – –
7 CIAN UIJTDEBROEKS 77 BORA – HANSGROHE 60H 41′ 04” + 00H 06′ 43” – –
8 ALEKSANDR VLASOV 71 BORA – HANSGROHE 60H 41′ 59” + 00H 07′ 38” – –
9 JOAO ALMEIDA 12 UAE TEAM EMIRATES 60H 43′ 47” + 00H 09′ 26” – –
10 SANTIAGO BUITRAGO SANCHEZ 41 BAHRAIN VICTORIOUS 60H 45′ 47” + 00H 11′ 26” B : 10” –
11 STEFF CRAS 181 TOTALENERGIES 60H 46′ 23” + 00H 12′ 02” – –

17.16 L’ordine d’arrivo della tappa di oggi:

1 PRIMOŽ ROGLIČ 21 JUMBO-VISMA 03H 15′ 56” – B : 10” –
2 JONAS VINGEGAARD 28 JUMBO-VISMA 03H 15′ 56” – B : 6” –
3 SEPP KUSS 24 JUMBO-VISMA 03H 16′ 15” + 00H 00′ 19” B : 4” –
4 MIKEL LANDA 45 BAHRAIN VICTORIOUS 03H 16′ 15” + 00H 00′ 19” – –
5 WOUT POELS 46 BAHRAIN VICTORIOUS 03H 16′ 40” + 00H 00′ 44” – –
6 JOAO ALMEIDA 12 UAE TEAM EMIRATES 03H 16′ 54” + 00H 00′ 58” – –
7 CIAN UIJTDEBROEKS 77 BORA – HANSGROHE 03H 17′ 16” + 00H 01′ 20” – –
8 SANTIAGO BUITRAGO SANCHEZ 41 BAHRAIN VICTORIOUS 03H 17′ 16” + 00H 01′ 20” – –
9 JUAN AYUSO 11 UAE TEAM EMIRATES 03H 17′ 38” + 00H 01′ 42” – –
10 ENRIC MAS 141 MOVISTAR TEAM 03H 17′ 39” + 00H 01′ 43” – –

17.15 Uijtdebroeks e Almeida a 1’20”, Ayuso e Mas tagliano il traguardo a 1’42”.

17.44 Poels conclude a 44″.

17.14 Kuss 3° a 18″, si è salvato ancora! 4° Landa. L’americano resta leader della classifica per una manciata di secondi.

17.13 Non c’è lo sprint: Roglic vince davanti a Vingegaard.

17.13 Siamo all’arrivo.

17.12 Vingegaard non ha dato un cambio a Kuss. Una scelta che potrebbe pagare, perché Kuss potrebbe salvarsi.

17.11 Kuss, aiutato da Landa, sta limitando i danni e resta a 19″. Poi ci sono anche gli abbuoni da considerare. Uijtdebroeks e Almeida sono a 1’33”, a 1’45” Ayuso.

17.10 ULTIMO CHILOMETRO! Qui la strada spiana leggermente, ma è sempre al 9,8%!

17.09 Già 20″ persi da Kuss. E mancano ancora 1400 metri…

17.09 Prosegue il forcing di Roglic, Vingegaard per ora tiene con facilità la ruota dello sloveno.

17.09 KUSS IN DIFFICOLTA’! Viene ripreso anche da Landa!

17.08 Sta provando a non affondare Kuss, ma la pedalata dell’americano non è più incisiva. Ha già perso 8 secondi dai due compagni di squadra.

17.07 COLPO DI SCENA, SI STACCA KUSS! A questo punto Vingegaard va verso la maglia roja!

17.06 2 km all’arrivo. Sono insieme Roglic, Vingegaard e Kuss. La sensazione è che non si stiano dando battaglia: pedalano in parata.

17.05 Ayuso ora non va più su, è piantato. 1’03” il suo ritardo da Roglic. Sta salendo invece molto bene il giovane Uijtdebroeks.

17.05 KUSS VA A RIPRENDERE ROGLIC! Landa paga dazio e si stacca, ora c’è Vingegaard in terza posizione. Dominio totale, sempre e comunque, della Jumbo-Visma.

17.04 Si alza sui pedali Roglic, ma ha guadagnato non più di 3 secondi su Landa e Kuss. Poco più dietro Vingegaard.

17.03 Landa insegue Roglic, tallonato da Kuss. I corridori avanzano tra due ali di folla, si vede davvero poco con la nebbia.

17.02 Dalla nebbia spunta Roglic! Allunga lo sloveno senza neanche alzarsi sui pedali!

17.02 Ora Ayuso inizia davvero ad arrancare, sale a 40″ il ritardo.

17.01 3 km all’arrivo. Ora il tratto più duro in assoluto della salita: 23,5%!

17.00 Mas a 19″ dai 5 di testa, Ayuso a 28″. I due spagnoli si stanno gestendo bene, limitando i danni.

16.59 Kuss pedala con agilità, a occhio sembrano un po’ più appesantiti Roglic e Vingegaard, che dimenano le spalle. Tra poco il momento della verità.

16.59 Ayuso non è affondato. Paga per ora 27″ dalla vetta.

16.58 Buitrago si stacca, dunque rimangono in 5 davanti. I primi tre della classifica, più Poels e Landa.

16.57 4 km all’arrivo. Tra 1000 metri il tratto al 23,5%! Lì non piantarsi sarà un’impresa. Qualcuno dei corridori di terza o quarta fascia potrebbe anche appoggiare il piede a terra….

16.56 Poel sta veramente imprimendo un ritmo forsennato.

16.55 SI STACCA ANCHE MAS! 4,6 km all’arrivo! Davanti abbiamo Poels, Buitrago, Landa, Kuss, Roglic e Vingegaard. Dunque 3 corridori della Bahrain e 3 della Jumbo-Visma.

16.54 Davanti in pratica sono rimaste Jumbo, Bahrain-Victorious e Mas. Per il momento tiene benissimo Kuss. Vedremo se sarà attaccato dai compagni di squadra Vingegaard e Roglic.

16.54 I corridori stanno pedalando avvolti dalla foschia.

16.53 SI STACCA AYUSO! E mancano ancora 5 km, i più duri in assoluto…Qui se vai in crisi, possono fioccare minuti a grappoli.

16.53 Ripreso Bardet. Prosegue il forcing della Bahrain con Poels, mentre si è staccato Caruso.

16.52 Nuovo attacco di Bardet. Si alza sui pedali, si vede che è più un’azione di testa che di gambe. Ma ora qualcosa ha guadagnato.

16.51 Ripreso Evenepoel a 5,6 km dalla conclusione.

16.51 Allunga Bardet nel gruppetto dei favoriti, va a chiudere subito Poels.

16.51 Evenepoel si volta ripetutamente indietro. Ormai sa che il suo destino è segnato.

16.50 La Bahrain-Victorious potrebbe ambire alla vittoria di tappa non solo con Landa, ma anche con Buitrago. Per il lavoro che stanno facendo, un attacco ce lo aspettiamo.

16.49 6 km all’arrivo, in tanti stanno arrancando…

16.48 Tiberi si è staccato. Speriamo non prenda mezz’ora. Dovrà gestirsi con le ultime energie rimaste.

16.47 Evenepoel pedala a petto in fuori. Ormai gli restano solo 44″. Caruso sta imponendo una selezione severa.

16.47 Da ora un poi sarà un ‘si salvi chi può’. Si stacca Vlasov.

16.46 Prova ad allungare il belga Van Eetvelt. Tiberi si sposta e tocca a Caruso fare l’andatura.

16.46 Si stacca Kelderman, uno dei gregari di lusso della Jumbo-Visma.

16.46 Il tratto al 23,5% arriverà ai -3.

16.45 7 km all’arrivo, da adesso in poi pendenze sempre sopra l’11%, tranne l’ultimo km che sarà al 9,8%…

16.44 La cima dell’Angliru è avvolta dalle nuvole. Una visione spettrale per i corridori.

16.43 8 km alla vetta. Ancora 1000 metri e sarà un inferno.

16.43 Inutile dire che l’Italia, in ottica futuro, spera che Tiberi possa emergere come corridore da corse a tappe. In questa Vuelta qualcosina di interessante la sta facendo vedere.

16.42 Resta invariato il vantaggio di Evenepoel, sempre intorno a 1’15”.

16.41 Si è staccato Soler.

16.40 Speriamo che Tiberi non vada poi alla deriva dopo aver lavorato in questa fase. Si sta giocando un più che dignitoso piazzamento in top20 in classifica generale. Di questi tempi per l’Italia sarebbe quasi oro. E’ triste scriverlo, ma è così.

16.38 Ora la Bahrain-Victorious sta imponendo un’andatura regolare con il nostro Tiberi.

16.37 10 km alla conclusione. Tra poco inizieranno i fuochi d’artificio.

16.36 Guadagna qualcosina Evenepoel, ora 1’20”. Ma su pendenze ben superiori al 10% il belga dovrebbe fare tantissima fatica. Non è proprio il suo pane.

16.35 11 km all’arrivo. Il tratto veramente estremo arriverà ai -7.

16.35 Landa sta facendo fare un lavoro super alla sua Bahrain-Victorious. Ma siamo sicuri che lo spagnolo possa giocarsi la tappa? Permetteteci di dubitarne.

16.33 L’Angliru è talmente duro che non è facile scavare grandi distacchi. Ma se vai in crisi…

16.32 Resta solo di 1’19” il vantaggio di Evenepoel, prosegue il forcing della Bahrain-Victorious che ha frantumato il gruppo: sono rimasti in poco più di 20 ad inseguire il belga.

16.31 INIZIA L’ALTO DE L’ANGLIRU! 12,4 km al 9,8% di pendenza media e punta del 23,5%! I primi 5 km sono “pedalabili”. Gli ultimi 7 invece saranno sempre ben oltre la doppia cifra. Pensate che tra il 9° e il 10° km la pendenza media sarà del 18%! Allucinante…

16.30 E’ terminata la discesa, ormai ci siamo…

16.30 Buongiorno amici di OA Sport da Federico Militello. Seguiremo insieme ora la scalata al terribile Alto de l’Angliru!

16.29 Ripreso intanto Marc Soler.

16.27 Evenepoel è in un tratto di discesa alquanto dolce. Ma fra poco inizierà l’inferno dell’Angliru…

16.24 Continua il forcing della Bahrain-Victorious, anche in discesa.

16.22 Si fraziona il gruppo in vista dello scollinamento! Rimasti una trentina, ora è discesa e poi sarà Angliru!

16.21 Scollina Evenepoel, gruppo segnalato a 2’10” e sta per riprendere Soler.

16.18 Ultimo chilometro dell’Alto del Cordal per Remco Evenepoel, che si avvia a prendersi un altro GPM.

16.15 La formazione emiratina recupera però davvero poco: ora è a 2’35” da Evenepoel, che sta andando davvero forte.

16.12 Fa capolino la Bahrain-Victorious in testa al gruppo, mettendosi a tirare: azione per Landa?

16.09 Soler va a riprendere Cattaneo, che da buon gregario di Evenepoel si mette alla ruota dell’iberico per provare a spomparlo un altro po’.

16.07 Anche il gruppo inizia l’Alto del Cordal, segnalato a 2’40”.

16.06 Respinto con perdite Marc Soler! Ormai è segnalato a due minuti da Evenepoel, intanto si staccano sia Germani che Sepulveda.

16.03 Siamo ai piedi dell’Alto del Cordal, e si rialza Cattaneo! Evenepoel rimane da solo in testa!

16.00 Piccola nota: con il passaggio al traguardo volante di Figaredo, Evenepoel dimostra di non star pensando alla classifica della maglia verde.

15.58 Siamo a due ore di corsa, media oraria al momento di 46,2 km/h. E difatti siamo già vicinissimi all’Alto del Cordal, ‘antipasto’ dell’Angliru: mancano 30 chilometri!

15.55 Si sta ampliando il margine di Evenepoel, che passa per secondo sul traguardo volante di Figaredo, e Cattaneo, ora il duo della Soudal-QuickStep è segnalato con 1’25” di margine su Soler, Germani e Sepulveda.

15,53 Bravissimo comunque il giovane Germani, ricordiamo un classe 2002 e campione italiano in linea Under 23 nel 2022.

15.50 Lorenzo Germani (Groupama-FDJ) ed Eduardo Sepulveda (Lotto-Dstny) si mettono ora in scia a Marc Soler (UAE Team Emirates), il terzetto è segnalato a 1’05” a 38 chilometri dal traguardo.

15.48 Ancora tratto di discesa, al termine del quale ci sarà lo sprint intermedio di Figareo, al chilometro 91,3.

15.45 Altra ‘tacca’ per Evenepoel nella classifica dei Gran Premi della Montagna, salendo a 81 punti:

1 – EVENEPOEL Remco 81 10
2 – VINGEGAARD Jonas 41 –
3 – STORER Michael 39 –
4 – BARDET Romain 35 –
5 – KUSS Sepp 27 –

15.42 Intanto uno striscione sulla strada ci ricorda il ventinovesimo compleanno della maglia roja Sepp Kuss. Che capita nella giornata dell’Angliru: potrebbe essere uno di quei compleanni da ricordare. O forse no.

15.40 Passa per primo Evenepoel sull’Alto de la Colladilla, con Cattaneo a ruota. Soler è a 1’10”, gruppo segnalato al momento a 2’40”.

15.38 Sta andando intanto Soler! L’iberico è a 1’20” dalla testa della corsa, al momento composta da Remco Evenepoel e Mattia Cattaneo (Soudal-QuickStep).

15.37 Superati i -50 dal traguardo.

15.34 Jumbo-Visma  che non sta inseguendo Soler con troppa fretta. L’iberico non è considerato un uomo così pericoloso per il podio.

15.32 RIpreso intanto Jarrad Drizners (Lotto-Dstny).

15.31 Soler ha intanto ripreso Theuns. Sta salendo bene l’iberico.

15.29 Soler è sesto in classifica, con un distacco di “soli” 3’28” dal leader Sepp Kuss. Questa è dunque un’azione da tenere molto bene d’occhio.

15.29 Attacco di Marc Soler dal gruppo! Mossa a sorpresa dello spagnolo e della UAE.

15.28 Molla Lorenzo Germani, rimangono solo i due QuickStep davanti.

15.26 Il gap di Mattia Cattaneo, Remco Evenepoel (Soudal Quick Step) e Lorenzo Germani (FDJ) cresce fino a 2’15”. La Jumbo dovrà spingere per tutta la giornata se non vuole lasciarsi scappare un Evenepoel indiavolato.

15.24 La Jumbo-Visma al gran completo in testa al gruppo all’inizio dell’ascesa.

15.22 GPM di 1a categoria, 10 punti in palio per chi passa per primo. Remco Evenepoel ha al momento 71 punti nella classifica dei GPM, con 30 di vantaggio su Vingegaard.

15.20 INIZIA L’ALTO DE LA COLLADIELLA!

15.19 Evenepoel e Cattaneo continuano a spingere, ma la Jumbo non vuole lasciare andare.

15.16 Nel frattempo si avvicina l’inizio dell’Alto de la Colladiella, prima delle tre salite di giornata. 7.8 km al 7.1% con pendenze che partiranno piuttosto dolci ed andranno a crescere progressivamente.

15.13 Nonostante il distacco cresca, è evidente come la Jumbo abbia detto a Dylan van Baarle e Robert Gesink di spingere sull’acceleratore. Probabilmente i giallo-neri vogliono tenere la fuga vicina per andare a giocarsi il successo sull’Angliru.

15.11 Quando siamo arrivati a metà del percorso la situazione è la seguente: in testa Mattia Cattaneo, Remco Evenepoel (Soudal Quick Step) e Lorenzo Germani (FDJ). A 40” un gruppetto di inseguitori formato da Andreas Kros, Lennert van Eetvlet, Jarrad Drizners (Lotto Dstny), Edward Theuns (Lidl Trek) e Larry Warbasse (AG2R), Il gruppo, tirato dalla Jumbo, insegue a 1’25”.

15.09 Evenepoel e Cattaneo stanno spingendo al massimo in questa fase, tanto che il loro vantaggio ha ora superato il minuto. La Jumbo non ha certo rallentato ma il gruppo sta ora perdendo,

15.07 Andreas Kros, Lennert van Eetvlet e Edward Theuns provano ad evadere dal gruppo.

15.05 Mancano 15 km all’inizio della prima salita di giornata.

15.03 Si arrendono anche Warbasse e Drizners. Rimangono davanti solo Cattaneo, Evenepoel e Germani. L’impressione è che gli ex componenti della fuga si siano rialzati.

15.02 Accelerazione di Cattaneo che si mette al servizio di Evenepoel. Diversi corridori perdono le ruote, rimangono in cinque davanti!

15.00 Questa dunque la composizione del gruppo di testa: Mattia Cattaneo, Remco Evenepoel (Soudal Quick Step), Lorenzo Germani (FDJ), Chris Hamilton, Romain Combaud (DSM), Larry Warbasse, Geoffrey Bouchard (AG2R), Jarrad Drizners (Lotto Dstny), Jorge Arcas (Movistar), Paul Ourselin (Total Energies) e Kevin Ledanois (Arkea Samsic).

14.57 I sei inseguitori si riportano sui cinque battistrada! Abbiamo dunque un gruppo di 11 corridori in testa alla corsa.

14.55 Due corridori si accodano alla maglia a pois ed insieme si riportano immediatamente sul terzetto di inseguitori composto da Bouchards, Drizners e Ledanois.

14.54 Si muove ancora Remco Evenepoel! Il belga ha sicuramente come obiettivo anche quello di conquistare i punti nei primi due GPM di giornata, entrambi di 1a categoria.

14.52 Arriva ora la Jumbo-Visma in testa al gruppo. Vedremo quale sarà il ritmo imposto dai giallo-neri.

14.50 Mancano 80 km al traguardo!

14.48 Si aggiunge alla coppia anche Jarrad Drizners.

14.47 Un altro tentativo di attacco dal gruppo: stavolta ci provano Geoffrey Bouchard e Kevin Ledanois.

14.45 Continua quindi l’azione dei cinque attaccanti, che hanno ora 30” di vantaggio dal gruppo che non si è però ancora fermato.

14.42 Si ferma subito però l’azione dei due campioni. Con loro c’era anche Jonas Koch della BORA.

14.40 Riparte Evnepeoel! E con lui c’è Filippo Ganna!

14.38 Sono rientrati tutti i corridori coinvolti prima nella caduta. Tra loro c’erano Juan Pedro Lopez, Rui Oliveira e Matevz Govekar.

14.36 Questa dunque la composizione della fuga al momento: Mattia Cattaneo (Soudal Quick Step), Lorenzo Germani (FDJ), Chris Hamilton, Romain Combaud (DSM), Larry Warbasse (AG2R).

14.33 Il gruppo sembra forse aver alzato il piede dall’acceleratore, mentre Theuns e Bissegger si rialzano. I cinque attaccanti sembrano poter aumentare il loro vantaggio.

14.30 Edward Theuns e Stefan Bissegger provano a lanciarsi all’inseguimento.

14.28 Sembrano aver preso un buon vantaggio. C’è anche Lorenzo Germani, con lui anche Larry Warbasse, Chris Hamilton e Romain Combaud.

14.26 Caduta in gruppo! Coinvolti diversi corridori, che sembrano però rialzarsi senza conseguenze gravi.

14.25 Ci provano ora in cinque, c’è anche Mattia Cattaneo.

14.22 Percorsi i primi 20 km della tappa. Per ora nessuno è riuscito ad emergere dal gruppo e ad andare in fuga.

14.21 Bloccato anche stavolta il tentativo di attacco dal gruppo, che è quasi completamente in fila indiana.

14.19 Tra gli attaccanti ancora la maglia a pois di Remco Evenepoel, deciso a non mancare l’appuntamento con la fuga. Si uniscono altri due corridori.

14.18 Si sono mossi prima in quattro, raggiunti poi da altri quattro. Otto corridori dunque hanno preso qualche metro di vantaggio sul gruppo.

14.16 Dopo qualche chilometro in cui il gruppo ha viaggiato compatto, ripartono gli attachi!

14.14 Oggi è il compleanno di Sepp Kuss, che festeggia i suoi 29 anni indossando la maglia rossa. Vestirla ancora al termine di questa infernale tappa potrebbe essere un grande regalo.

14.12 Percorsi i primi 12 km di questa tappa. Per ora la velocità media è stata ben superiore ai 50 km/h, ma in questa Vuelta questo è stato un dato costante in moltissime tappe.

14.10 Il percorso sarà sempre in leggera ma costante salita nei primi 58 km. Oggi per andare in fuga serviranno grandi gambe e tanta energia.

14.08 Si erano accodati anche altri uomini ma il gruppo si riporta sugli attaccanti e va a chiudere.

14.06 Con lui si muove il connazionale Thomas de Gednt. Anche Kim Heiduk si accoda.

14.05 Remco Evenepoel è il più attivo in assoluto nella ricerca della fuga. Ieri il belga ha perso 14′ proprio per avere maggiore libertà e più energie oggi.

14.03 Ecco le immagini del momento del passaggio del gruppo al chilometro 0:

14.01 Come prevedibile, iniziano immediatamente gli scatti per cercare la fuga.

13.59 CI SIAMO! INIZIA LA TAPPA NUMERO 17 DELLA VUELTA 2023!

13.56 Nessun ritiro prima di questa tappa. I 150 corridori che hanno tagliato il traguardo ieri sono gli stessi 150 che sono ripartiti oggi.

13.53 Questa la lista dei vincitori in cima all’Angliru (fonte PCS). Solo grandissimi “arrampicatori” in questa lista, in cui Contador è l’unico a figurare due volte:

CARTHY Hugh 2020 La Vuelta ciclista a España | Stage 12
CONTADOR Alberto 2017 Vuelta a España | Stage 20
ELISSONDE Kenny 2013 Vuelta a España | Stage 20
COBO Juan José 2011 Vuelta a España | Stage 15
CONTADOR Alberto 2008 Vuelta a España | Stage 13
HERAS Roberto 2002 Vuelta a España | Stage 15
SIMONI Gilberto 2000 Vuelta a España | Stage 16
JIMÉNEZ José María 1999 Vuelta a España | Stage 8

13.50 Questa l’altimetria della tappa odierna. Incredibile come l’Angliru faccia sembrare le altre due ascese dei piccoli strappi:

13.47 Ci aspettiamo ancora grande battaglia per andare in fuga e non è impensabile che il gruppo decida di lasciar andare gli attaccanti fino al traguardo.

13.45 Il gruppo muove le prime pedalate verso il km 0! Oggi trasferimento piuttosto lungo, 8 km.

13.44 Si chiuderà poi sull’Altu de l’Angliru, una salita infernale con pendenze “da ribaltamento”. Prima sei chilometri di salita “facili”, con pendenze intorno all’8-9%, poi inizierà il tratto più duro: 5 km sempre sopra al 15%, con punte anche al 24%.

13.41 Prima del “mostro delle Asturie” il percorso prevede altre due salite da non sottovalutare: prima l’Alto de la Colladiella, ascesa di 7,8 km al 7,1% con dei tornanti particolarmente duri, poi l’Alto del Cordal, un muro di 5.4 km con pendenza media del 9.2%, con rampe durissime al 13%.

13.38 Kuss è sempre in maglia rossa e comandando ancora i tre della Jumbo ma l’attacco di Vingegaard di ieri sulla salita verso Bejes, ha ridotto sensibilmente il margine sul compagno di squadra. Alla fine della tappa odierna la classifica avrà un aspetto diverso e chi sa che non ci possa essere anche un cambio di leader.

13.36 Questa la situazione della classifica generale da cui si riparte:

1 SEPP KUSS 24 JUMBO-VISMA 57H 18′ 10”
2 JONAS VINGEGAARD 28 JUMBO-VISMA + 29”
3 PRIMOŽ ROGLIČ 21 JUMBO-VISMA +01′ 33”
4 JUAN AYUSO 11 UAE TEAM EMIRATES +02′ 33”
5 ENRIC MAS 141 MOVISTAR TEAM +03′ 02”
6 MARC SOLER 17 UAE TEAM EMIRATES +03′ 28”
7 MIKEL LANDA 45 BAHRAIN VICTORIOUS +04′ 12”
8 ALEKSANDR VLASOV 71 BORA – HANSGROHE +04′ 58”
9 CIAN UIJTDEBROEKS 77 BORA – HANSGROHE +05′ 38”
10 JOAO ALMEIDA 12 UAE TEAM EMIRATES +08′ 43”

13.33 Una tappa breve ma durissima, che potrebbe segnare in maniera indelebile gli equilibri della classifica. Grandissima attesa per il finale sull’Altu de l’Angliru, la salita in assoluto più dura di Spagna!

13.30 Amiche ed amici di OA Sport, buongiorno e benvenute/i alla DIRETTA LIVE della diciassettesima tappa della Vuelta a España 2023!

Amiche ed amici di OA Sport, buongiorno e benvenute/i alla DIRETTA LIVE della diciassettesima tappa della Vuelta a España 2023! La corsa spagnola è arrivata al giorno che potrebbe riscrivere, forse anche definitivamente, la classifica generale. Oggi è infatti il giorno della salita più temuta, la salita che è diventata simbolo di questa corsa, oggi si scala l’Altu de l’Angliru!

La tappa partirà da Ribadesella per arrivare proprio sull’Angliru dopo 124.4 km. Prima del “Mostro delle Asturie” il percorso prevede altre due salita mica di ridere: prima l’Alto de la Colladiella, ascesa di 7,8 km al 7,1% con dei tornanti particolarmente duri, poi l’Alto del Cordal, un muro di 5.4 km con pendenza media del 9.2%, con rampe durissime al 13%, l’antipasto perfetto per il finale.

Con queste scalate nelle gambe si affronterà poi quella che è senza dubbio una delle salite più dure del continente. Un’ascesa semplicemente infernale, con pendenze impossibili: 12.4 km totali con pendenza media del 9.8% ma una seconda parte sempre oltre il 15% con punte addirittura al 24%.

Impossibile dunque non attendersi spettacolo e fuochi d’artificio da parte degli uomini di classifica che non avranno altra scelta che sfidarsi a viso aperto sulle durissime rampe della salita finale. Jonas Vingegaard sembra il più efficace in salita e parte da favorito, ma la Jumbo ha ancora tre carte a disposizione e tutti vorranno attaccarla. Da non escludere la possibilità di una fuga vincente, magari con Evenepoel protagonista.

Insomma, siamo pronti per uno di quei giorni da circoletto rosso sul calendario della stagione del ciclismo su strada e noi di OA Sport ve lo racconteremo con la consueta DIRETTA LIVE testuale. Partiremo con gli aggiornamenti in tempo reale alle 13.30, poco prima della partenza ufficiale della tappa. Non mancate!

Foto: LaPresse