Seguici su

Ciclismo

LIVE Tour de France 2023, tappa di oggi in DIRETTA: Michael Woods vince sul Puy de Dome. Pogacar accorcia su Vingegaard!

Pubblicato

il

POgacar Vingegaard

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

LA CLASSIFICA GENERALE DEL TOUR DE FRANCE 2023

LA CRONACA DELLA TAPPA DEL TOUR DE FRANCE

18.28 La DIRETTA LIVE della nona tappa del Tour 2023 si chiude qui. Abbiamo visto un nuovo capitolo della sfida infinita tra Pogacar e Vingegaard, con lo sloveno che ha portato a soli 17” il distacco in classifica. Su OA Sport troverete dichiarazioni, pagelle, highlights e tanto altro sulla spettacolare corsa francese. L’appuntamento con i racconti in diretta è per dopodomani, dato che domani ci sarò il primo giorno di riposo. Un saluto sportivo a tutti!

18.25 Tanti gli sconfitti della tappa: David Gaudu ha perso 2’06” da Pogacar; Romain Bardet ha perso 2’23”; Mikel Landa 2’41”.

18.23 Altra performance convincente da parte di Jai Hindley, Carlos Rodriguez e Simon Yates, che sembrano i candidati più credibili per il terzo posto del podio finale. Bene anche Adam Yates e Sepp Kuss, che saranno comunque “penalizzati” dal grande lavoro che dovranno fare per i capitani.

18.21 Lievita ulteriormente il vantaggio dei due grandi sfidanti rispetto a tutti gli altri, questa la top10 della generale:

1 1
 VINGEGAARD Jonas
Jumbo-Visma 25
11″
38:37:46
2 2
 POGAČAR Tadej
UAE Team Emirates
26″
0:17
3 3
 HINDLEY Jai
BORA – hansgrohe
18″
2:40
4 4
 RODRÍGUEZ Carlos
INEOS Grenadiers 4:22
5 5
 YATES Adam
UAE Team Emirates
10″
4:39
6 6
 YATES Simon
Team Jayco AlUla
8″
4:44
7 9 ▲2
 PIDCOCK Thomas
INEOS Grenadiers 5:26
8 7 ▼1
 GAUDU David
Groupama – FDJ 6:01
9 10 ▲1
 KUSS Sepp
Jumbo-Visma 6:45
10 8 ▼2
 BARDET Romain
Team dsm – firmenich 6:58

18.18 I dati ufficiali confermano 8” ripresi da Pogacar a Vingegaard in cima al Puy de Dome. Può sembrare poco, ma a livello mentale può essere molto importante. Seconda sfida diretta consecutiva vinta dallo sloveno dopo la batosta della tappa numero cinque.

18.16 Quattordicesima vittoria in carriere per Woods, la terza in un Grande Giro ma la prima sulle strade del Tour de France.

18.15 Questa dunque la top10 al traguardo sul Puy de Dome:

1 WOODS Michael Israel – Premier Tech 4:19:41
2 LATOUR Pierre TotalEnergies 0:28
3 MOHORIČ Matej Bahrain – Victorious 0:35
4 JORGENSON Matteo Movistar Team 0:35
5 BERTHET Clément AG2R Citroën Team 0:55
6 POWLESS Neilson EF Education-EasyPost 1:23
7 LUTSENKO Alexey Astana Qazaqstan Team 1:39
8 GREGAARD Jonas Uno-X Pro Cycling Team 1:58
9 BURGAUDEAU Mathieu TotalEnergies 2:16
10 DE LA CRUZ David Astana Qazaqstan Team 2:34

18.13 Incredibile la superiorità di Pogacar e Vingegaard nei confronti degli avversari. In uno sforzo di poco più di 4 minuti, hanno aperto un vantaggio di 50” su Simon Yates e Tom Pidcock. Oltre il minuto su Carlos Rodriguez e tutti gli altri. Batosta durissima per Gaudu, Landa e Bardet.

18.12 Altro segnale importante di Pogacar che si riavvicina a Jonas Vingegaard! Il danese rimane Maglia Gialla ma il suo vantaggio si è assottigliato.

18.11 Arriva la coppia britannica formata da Simon Yates ed uno splendido Tom Pidcock. Poco più dietro Carlos Rodriguez.

18.11 POGACAR ARRIVA DAVANTI A VINGEGAARD CHE HA PERSO 8”!

18.10 ULTIMI 200 METRI DOVE LE PEDENZE SONO INFERNALI!

18.09 Che spettacolo! Che sfida! Sempre loro due a darsi battaglia!

18.09 CHE SFIDA! POGACAR TIENE UNA CINQUANTINA DI METRI DI VANTAGGIO! Potrebbe essere in gioco anche la Maglia Gialla!

18.08 ALTRO COLPO DI POGACAR E VINGEGAARD NON RIESCE AD ANDARGLI SOTTO!

18.08 VINGEGAARD NON TIENE, MA POGACAR NON AFFONDA IL COLPO! SONO NELL’ULTIMO CHILOMETRO!

18.08 SE NE VANNO IN DUEEEEE! POGACAR HA UN PICCOLO MARGINE SUL DANESE!

18.07 PARTE POGACAAAAAAAR! VINGEGAARD GLI VA A RUOTA!

18.06 Adam Yates e Jai Hindley si riavvicinano. Benissimo i due della INEOS!

18.06 Pogacar va a ruota del britannico che si ferma. Grande studio tra i big.

18.05 Non parte però Vingegaard! SI MUOVE YATES!

18.04 Yates sembra aver assorbito bene la caduta di ieri. FINITO IL LAVORO DI KUSS!

18.03 Ci concentriamo ora sulla lotta per la generale! Sepp Kuss ancora a fare il ritmo: dietro di lui Vingegaard, Pogacar, Simon Yates, Rodriguez e Pidcock. Mancano poco più di 2 km al traguardo e sono ancora piuttosto lunghi.

18.02 Che beffa per Matteo Jorgenson. Ripreso agli ultimi 500 metri, viene superato anche da Latour e Mohoric, chiudendo al quarto posto.

18.02 MICHAEL WOODS VINCEEEEEEEEE!

18.01 PENDENZE ANCORA INFERNALI NEGLI ULTIMI METRI!

18.01 Come lo scorso anno un canadese della Israel può vincere una tappa del Tour. Lo scorso anno fu Hugo Houle, ora è ad un passo Michael Woods!

18.00 RESPIRA UN ATTIMO E PARTEEEEEE! MICHAEL WOODS SI INVOLA VERSO IL SUCCESSO!

18.00 WOODS AGGANCIA JORGENSON A SOLI 500 METRI DAL TRAGUARDO!

17.59 Adam Yates e Jai Hindley si staccano dal gruppetto Maglia Gialla! Rimangono in sei!

17.59 Ormai Michael Woods vede il leader della corsa! DUELLO SPETTACOLARE PER LA VITTORIA DI TAPPA!

17.58 Woods ha preso e staccato Mohoric! Affare tutto nordamericano per la vittoria! 20” di ritardo nell’ultimo chilometro!

17.58 FLAMME ROUGE! ULTIMO KM! Si appesantisce la pedalata di Jorgenson che ora rischio grosso!

17.57 Dietro Kuss c’è il suo capitano Jonas Vingegaard. Poi Pogacar, Simon Yates, Tom Pidcock, Jai Hindley, Carlos Rodriguez e Adam Yates. Inizia ora per loro il tratto più duro!

17.56 CHE LAVORO DI SEPP KUSS! Stati Uniti sugli scudi oggi! Rimangono solo in otto nel gruppo dei migliori!

17.55 Il vantaggio di Jorgenson scenda a 40” su Mohoric! Michael Woods non è riuscito ancora a chiudere il gap e manca sempre meno al traguardo!

17.54 La UAE non accelera, anzi. I giallo-neri allora riaccelerano con Kelderman! Una partita di scacchi tra i due team più forti!

17.53 Finito il turno di Van Aert e ora è la UAE che prende le redini! Vingegaard è rimasto solo con Kuss e Kelderman, Pogacar ha ancora quattro uomini.

17.52 2 KM AL TRAGUARDO MA È ANCORA LUNGHISSIMA! Jorgenson ha 50” su Mohoric, che ha ormai Woods pochi metri dietro di sè.

17.50 Tocca ora a Wout van Aert in testa al gruppo! Solo ieri il belga sprintava per il successo contro Pedersen e Philipsen ed oggi è il penultimo uomo per Vingegaard su una salita durissima. Che fenomeno il belga.

17.49 TUTTO APERTISSIMO PER LA VITTORIA DI TAPPA! All’interno degli ultimi 3 km Jorgenson ha 1’05” su Mohoric e 1’30” su un Woods che risale a fortissima andatura!

17.48 Matej Mohoric prova allora a mettersi in proprio. Lascia lì Powless e Burgaudeau, che hanno ormai Woods alle calcagna.

17.48 PARTE L’AZIONE DI MICHAEL WOODS! In pochissimo tempo si è quasi riportato sul terzetto dei primi inseguitori.

17.47 Ben O’Connor si stacca dal gruppo e tra poco toccherà a molti altri! Selezione immediata grazie al passo di Kelderman.

17.46 Nel tratto finale il pubblico non è potuto transitare. Ora domina il silenzio, fino a poco fa una folla oceanica circondava i corridori.

17.45 Tadej Pogacar è già alla ruota di Jonas Vingegaard. Il danese ha ancora a disposizione Kelderman, Van Aert e Kuss.

17.44 Tocca ora a Wilco Kelderman in testa al gruppo! Andatura impressionante della Jumbo, che ha portato il distacco a 13’40”.

17.43 ECCO CHE INIZIA IL TRATTO PIÙ DURO! Jorgenson entra con 1’20” sui primi inseguitori e 2’15” sul terzo gruppo!

17.41 Nessun segno di cedimento per Matteo Jorgenson! La musica cambierà però negli ultimi 4,5 km. Da attendersi l’attacco di qualcuno da dietro che proverà a mettere in dubbio la sua leadership. Magari una sfida tutta nordamericana con Powless e Woods.

17.40 5 KM AL TRAGUARDO! Si avvicina la durissima rampa finale!

17.39 Iniziano a staccarsi corridori dal gruppo Maglia Gialla già nei primi chilometri di salita. Tra questi anche Giulio Ciccone.

17.38 CRESCE ANCORA IL VNTAGGIO DI MATTEO JORGENSON! 1’10” ora il margine su Mohoric, Powless e Burgaudeau. 2’15” quello sul gruppo Woods-Lutsenko.

17.36 La Jumbo però non ci sta e sfodere l’artiglieria pesante: Dylan van Baarle e Wout van Aert si mettono in testa a dettare l’andatura!

17.35 Cambio di scenario in testa al gruppo: arrivano gli UAE ed i DSM firmenich!

17.34 8 km al traguardo. Continua l’azione di Jorgenson mentre sale a 2′ il ritardo del terzo gruppo. Saranno decisivi gli ultimi 4 durissimi  km.

17.32 Continua la fortissima andatura fatta da INEOS e Jumbo-Visma. Rimane coperto invece per ora il Team UAE.

17.30 57” ora il distacco di Matej Mohoric (Bahrain-Victorious), Neilson Powless (Ef Education EasyPost), e Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies). A 1’35” invece Gorka Izagirre (Movistar Team), David de la Cruz e Alexey Lutsenko (Astana), Jonas Gregaard (Uno-X Pro Cycling Team), Pierre Latour (TotalEnergies), Michael Woods (Israel – Premier Tech) e Clément Berthet (AG2R Citroën Team)

17.29 10 KM AL TRAGUARDO PER MATTEO JORGENSON! In cima l’ingresso al pubblico è stato vietato, ma in questi chilometri c’è tantissima gente sulle strade.

17.28 Il gruppo passa ora sotto lo striscione dei -20 km. Il cronometro racconta di un distacco di 15’45”.

17.27 Il terzo gruppo, grazie al ritmo di Campenaerts, ha messo ora nel mirino Powless, Mohoric e Burgaudeau. A beneficiare dell’andatura del belga potrebbe essere in primis Michael Woods.

17.25 Matteo Jorgenson non molla! Aumenta il vantaggio sui primi tre inseguitori. Sembra riavvicinarsi invece il terzo gruppetto, trainato dal solito Campenaerts. Il belga ha sempre un modo tutto suo di interpretare le corse…

17.23 Parte la lotta anche in gruppo! Jumbo-Visma, INEOS e BORA alzano il ritmo per preparare la salita finale. Per la prima infatti il distacco dalla testa scende.

17.21 13,3 km al 7,7%, ma nel finale le pendenze saranno assolutamente folli. Prima parte sempre intorno al 7%, poi breve tratto di “riposo” ed ultimi 4,5 km in cui la pendenza non scenderà mai sotto l’11%! Ci sarà da divertirsi sia ora che quando arriverà il gruppo.

17.20 CI SIAMO! JORGENSON INIZIA LA SCALATA DEL PUY DE DOME!

17.19 15 KM AL TRAGUARDO! 1 minuto di vantaggio per Jorgenson sui primi tre inseguitori!

17.17 Altri 3 chilometri di discesa e poi sarà tempo del mitico Puy de Dome! Salita infernale affrontata per la 14° volta al Tour de France ma  a 35 anni dall’ultimo passaggio.

17.16 Prima mini accelerazione nel gruppo Maglia Gialla, comunque segnalato a 16’20” dalla testa.

17.15 Matteo Jorgenson in testa con 40” su Neilson Powless, Matej Mohoric e Pierre Burgaudeau. Non si è ancora riagganciato David de la Cruz. A 1’20” il gruppetto formato da Gorka Izagirre (Movistar Team), Jonas Gregaard (Uno-X Pro Cycling Team), Pierre Latour (TotalEnergies), Michael Woods (Israel – Premier Tech) e Clément Berthet (AG2R Citroën Team)

17.13 Caduta in gruppo invece per Lars van der Berg, corridore della Groupama FDJ. Il neerlandese si rialza e riparte, anche se un po’ dolorante.

17.12 ULTIMI 20 KM! Cresce il vantaggio di Matteo Jorgenson!

17.11 Fortunatamente comunicano allo spagnolo di fermarsi per cambiare la bicicletta. Il tentativo di mettere a posto la catena dall’ammiraglia, ad oltre 70 km/h, non era forse la migliore delle idee.

17.10 Problema meccanico per David de la Cruz in discesa! I meccanici ad agire direttamente dall’ammiraglia, in una manovra estremamente pericolosa!

17.08 Ci aspettavamo un’accelerazione decisa di Matej Mohoric in discesa, che per ora non è invece arrivata. Il terreno è forse troppo “semplice” per lo sloveno per fare realmente la differenza.

17.07 Sale oltre il minuto il distacco del terzo gruppo, quello con Lutsenko e Woods.

17.06 Resiste per ora Matteo Jorgenson su questa discesa con strada molto larga e non particolarmente ripida. A 20” Matej Mohoric (Bahrain-Victorious), Neilson Powless (Ef Education EasyPost), David de la Cruz (Astana Qazaqstan Team) e Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies).

17.05 Il segnale GPS ci dice che il gruppo Maglia Gialla è distante 12 km dalla testa della corsa. Il cronometro dice invece +15’30”.

17.04 Inizia la discesa che poterà direttamente ai piedi del mitico Puy de Dome. La battaglia per la vittoria di tappa è più accesa che mai tra gli uomini in fuga!

17.02 Lutsenko rientra sul terzo gruppo che sta però perdendo terreno. Ricordiamo che in questo gruppetto c’è anche Michael Woods, che avevamo indicato come favorito sulla salita finale.

17.00 Il quartetto degli inseguitori si avvicina a Jorgenson mentre si avvicina il tratto di discesa. Il gruppo Maglia Gialla è segnalato ora a 14’40”.

16.59 35 km al traguardo. La situazione in corsa è la seguente: davanti a tutti Matteo Jorgenson (Movistar). A 25” inseguono Matej Mohoric (Bahrain-Victorious), Neilson Powless (Ef Education EasyPost), David de la Cruz (Astana Qazaqstan Team) e Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies). Altri 20” più dietro si trovano invece Gorka Izagirre (Movistar Team), Jonas Gregaard (Uno-X Pro Cycling Team), Pierre Latour (TotalEnergies), Michael Woods (Israel – Premier Tech) e Clément Berthet (AG2R Citroën Team). Grande fatica invece per Lutsenko.

16.56 Powless e De la Cruz chiudono su Mohoric e Burgaudeau. Sforzo enorme ora per Jonas Abrahamsen che prova a lanciare il compagno Jonas Gregaard.

16.54 Continua a salire, lentamente ma costantemente la strada. Mohoric e Burgaudeau hanno preso qualche metro di vantaggio, mentre provano ad uscire anche De la Cruz e Powless.

16.52 Dopo gli attacchi abortiti di Woods edi Berthet, ora è il turno di Mohoric. Burgaudeau prova ad accodarsi allo sloveno.

16.51 Non c’è alcun accordo tra gli inseguitori: continuano gli scatti individuali ed il margine di Jorgenson è salito sopra i 30”.

16.49 Powless prova ad allungare ma è costretto a rialzarsi immediatamente. Il suo obiettivo ora è quello di resistere e provare a prendere qualche altro punticino in cima al Puy de Dome, GPM hors categorie.

16.47 Nonostante non sia segnalato come GPM, questo tratto si farà sentire. 28” il vantaggio di Jorgenson sui dodici inseguitori, tra cui non c’è più Guillaume Boivin.

16.45 Cresce il vantaggio di Jorgenson con il gruppetto degli inseguitori che non riesce per ora ad accordarsi. Si avvicina il tratto di salita di Pontgibaud: saranno circa 9 km intorno al 3,5%. Niente di eccezionale ma quando si è in fuga da oltre 100 km può rimanere nelle gambe.

16.42 15” presi da Jorgenson. Al suo inseguimento si lancia il solito Victor Campenaerts, che vuole riprendere tutti sempre in prima persona.

16.41 Ci riprova Matteo Jorgenson. Vivacissimo lo statunitense in questa fase, la puntura d’ape sembra ormai alle spalle.

16.40 Si avvicina ai 13′ ora il ritardo del gruppo, guidato ora da Christophe Laporte per la Jumbo-Visma.

16.38 Nulla di fatto per i cinque di testa. Gli inseguitori si riagganciano ed il gruppo di testa si ricompatta. Questi i nomi che lo compongono: Neilson Powless (Ef Education EasyPost), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar Team), Matej Mohoric (Bahrain-Victorious), Clément Berthet (AG2R Citroën Team), Michael Woods e Guillaume Boivin (Israel – Premier Tech), Victor Campenaerts (Lotto Dstny), David de la Cruz e Alexey Lutsenko (Astana Qazaqstan Team), Jonas Abrahamsen e Jonas Gregaard (Uno-X Pro Cycling Team), Mathieu Burgaudeau e Pierre Latour (TotalEnergies).

16.37 50 KM AL TRAGUARDO IN CIMA AL PUY DE DOME!

16.36 La strada ora è un continuo saliscendi e tra poco ci sarà un tratto di salita piuttosto duro, seppur non segnalato come GPM. Gli ultimi km prima dell’attacco della salita saranno invece tutti in discesa e lì ci sarà da aspettarsi un tentativo di Mohoric.

16.35 Gregaard riesce ad accodarsi, andando a formare un quintetto in testa con 10” di vantaggio sugli inseguitori. Campenaerts e Powless i più attivi nella rincorsa.

16.33 Si avvantaggiano in quattro: Jorgenson, Lutsenko, Burgaudeau e Woods. Ci sono tre dei quattro che poco fa avevamo indicato come possibili favoriti. Insegue poco dietro Gregaard.

16.32 Si è rotto definitivamente l’accordo tra i battistrada! Attacchi a ripetizione, prima di Mohoric, ora di Latour. Sono tanti quelli che vogliono utilizzare questi km per anticipare la dura salita finale.

16.31 Questa dunque la top 5 della classifica per la Maglia a Pois:

1 – POWLESS Neilson 40 4
2 – GALL Felix 28 –
3 – JOHANNESSEN Tobias Halland 26 –
4 – GUERREIRO Ruben 22 –
5 – POGAČAR Tadej 19 –

16.30 Neilson Powless si riaggancia e riesce comunque a passare davanti a tutti sulla linea del GPM.

16.29 Invece attacca Victor Campenaerts! Gli va a ruota Matej Mohoric, si accoda anche Gorka Izagirre.

16.27 Pendenze che si addolciscono nell’ultimo tratto della salita. Si mette a fare l’andatura Neilson Powless, che va a caccia dei due punti in palio.

16.25 Nel tratto più duro è Alexey Lutsenko a riportare il gruppo dei battistrada su Boivin. Ancora 2 km di salita.

16.24 Il gruppo ha raggiunto ora i 12” di ritardo. Ricordiamo che non c’è nessuno in fuga che faccia paura per la classifica, il più vicino è Berthet, a +26’56”.

16.22 Inizia la Côte de Pontaumur con Boivin che può contare su 15” di margine sugli altri.

16.21 Il canadese, compagno di squadra e di nazionale di Michael Woods, ha preso 10” di vantaggio. Il più attivo nell’inseguimento sembra proprio Powless.

16.20 Nel tratto di discesa che anticipa la Cote, prova a scattare Guillaume Boivin! Inizia a muoversi qualcosa tra i battistrada.

16.20 I fuggitivi sono ormai vicini all’attacco della Côte de Pontaumur, salita da 3.9 km al 4.9%. GPM di 3a categoria, altra opportunità per Powless di mettere fieno in cascina.

16.18 Ribadiamo la composizione del gruppo di testa: Neilson Powless (Ef Education EasyPost), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar Team), Matej Mohoric (Bahrain-Victorious), Clément Berthet (AG2R Citroën Team), Michael Woods e Guillaume Boivin (Israel – Premier Tech), Victor Campenaerts (Lotto Dstny), David de la Cruz e Alexey Lutsenko (Astana Qazaqstan Team), Jonas Abrahamsen e Jonas Gregaard (Uno-X Pro Cycling Team), Mathieu Burgaudeau e Pierre Latour (TotalEnergies).

16.16 In gruppo l’andatura è sempre piuttosto tranquilla. I gregari ne approfittano per andare a prendere borracce e gel per i propri compagni.

16.14 L’ultima vittoria di Michael Woods è arrivata poche settimane fa alla Route d’Occitanie. Successo alla terza tappa con arrivo in salita molto simile a quello odierno sia per lunghezza che per pendenze. Il canadese appare dunque il primo favorito tra i fuggitivi.

16.11 70 km al traguardo. Il gruppo, guidato sempre da Van Hooydonck per la Jumbo, insegue ad 11′ di distanza.

16.09 Era proprio un insetto ad essere entrato nel casco di Jorgenson, probabilmente un’ape, tanto che lo statunitense si avvicina alla moto media per chiedere probabilmente un antistaminico. Situazione piuttosto delicata.

16.07 Proviamo ad analizzare la composizione della fuga mentre Gregaard si riaccoda. Tra questi i corridori con le migliori qualità in salita sembrano essere Michael Woods, Matteo Jorgenson, Alexey Lutsenko e Pierre Latour. Il primo è uno specialista delle dure pendenze ma il kazako non è nuovo ad attacchi da lontano portati a segno. Sarà interessante vedere come i vari protagonisti di giocheranno le proprie carte.

16.04 Matteo Jorgenson prova a scuotere il suo casco mentre i corridori intorno a lui se la ridono. Che gli sia entrato un insetto all’interno del casco?

16.02 Sono 40 i secondi che Gregaard deve recuperare sugli altri 13 attaccanti.

16.01 Foratura per Jonas Gregaard. Piuttosto lento il processo del cambio ruota. Il danese riparte e deve inseguire i suoi compagni di fuga.

15.59 80 km al traguardo!

15.58 Scollinate le prime due ore di corsa, siamo su una media di 46,2 km/h.

15.55 Percorsi i primi 100 chilometri di corsa!

15.53 Intanto scende sotto i 10′ il margine di Neilson Powless (Ef Education EasyPost), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar Team), Matej Mohoric (Bahrain-Victorious), Clément Berthet (AG2R Citroën Team), Michael Woods e Guillaume Boivin (Israel – Premier Tech), Victor Campenaerts (Lotto Dstny), David de la Cruz e Alexey Lutsenko (Astana Qazaqstan Team), Jonas Abrahamsen e Jonas Gregaard (Uno-X Pro Cycling Team), Mathieu Burgaudeau e Pierre Latour (TotalEnergies).

15.50 La prossima salita è fra meno di 30 chilometri, il terza categoria del Cote de Pontaumur, 3,3 km al 5,3%.

15.47 Intanto la Israel Premier-Tech avverte Michael Woods e Guillaume Boivin che ci sono tante chance che la fuga vada in porto. Ora il mantra è risparmiare energie:

15.44 In testa al gruppo sempre la Jumbo-Visma, con Nathan Van Hooydonck e Christophe Laporte. Dietro di loro la Bora-Hansgrohe, più defilata la UAE di Pogacar.

15.41 Percorsi 91 chilometri, siamo esattamente a metà corsa!

15.38 Gruppo segnalato ora a 10’35” da Neilson Powless (Ef Education EasyPost), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar Team), Matej Mohoric (Bahrain-Victorious), Clément Berthet (AG2R Citroën Team), Michael Woods e Guillaume Boivin (Israel – Premier Tech), Victor Campenaerts (Lotto Dstny), David de la Cruz e Alexey Lutsenko (Astana Qazaqstan Team), Jonas Abrahamsen e Jonas Gregaard (Uno-X Pro Cycling Team), Mathieu Burgaudeau e Pierre Latour (TotalEnergies).

15.35 E di nuovo Powless va a scattare indisturbato per il punticino del GPM.

15.34 Nessuna difficoltà per i 14 in fuga in questa salitella.

15.31 Guga sulla Cote de Pontcharraud, secondo GPM di giornata.

15.28 Sempre la Jumbo-Visma di Jonas Vingegaard a tirare il gruppo.

15.25 Poco più di 100 chilometri al traguardo per gli uomini in fuga.

15.22 Fra poco si tornerà a salire sulla Cote de Pontcharraud, altro quarta categoria da 1800 metri al 4,6%.

15.19 E ovviamente non c’è lotta per i punti del GPM, con Neilson Powless (EF Education-Easypost) che passa per primo sul traguardo.

15.16 Non c’è intenzione nel gruppo dei 14 uomini in testa di rompere l’accordo..

15.15 Inizia la prima vera salita di giornata, la Cote de Felletin!

15.13 E in questo momento il vantaggio ha appena scollinato i 10 minuti di margine.

15.10 Sempre più vicino il primo GPM di giornata, la Cote de Felletin.

15.07 E ovviamente, continua la collaborazione nel gruppo di 14 fuggitivi, composto da Neilson Powless (Ef Education EasyPost), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar Team), Matej Mohoric (Bahrain-Victorious), Clément Berthet (AG2R Citroën Team), Michael Woods e Guillaume Boivin (Israel – Premier Tech), Victor Campenaerts (Lotto Dstny), David de la Cruz e Alexey Lutsenko (Astana Qazaqstan Team), Jonas Abrahamsen e Jonas Gregaard (Uno-X Pro Cycling Team), Mathieu Burgaudeau e Pierre Latour (TotalEnergies).

15.04 Meno di 120 chilometri al traguardo.

15.01 In fuga non ci sono corridori pericolosi per la generale, il migliore è Clement Berthet (AG2R-Citroen) a 26’56” di ritardo dalla maglia gialla di Vingegaard.

14.58 Ancora 17 chilometri al primo GPM di giornata, il quarta categoria della Cote de Felletin (2,1 km al 5,2%).

14.55 E ora il vantaggio dei 14 fuggitivi lambisce quasi i 10 minuti. Il gruppo al momento se la prende con tutta la calma di questo mondo, la corsa diventerà più dura fra un bel po’.

14.52 Intanto in coda al gruppo Van Aert ed Alaphilippe chiacchierano amabilmente. Non è la loro giornata, anche se il belga ci ha abituato in questi giorni a fare un superlavoro…

14.49 133 chilometri al traguardo. Assisteremo dunque ad una doppia corsa, quella per il successo di tappa e quella per la maglia gialla.

14.46 Una ghiotta occasione per Neilson Powless (EF Education-Easypost) per poter rafforzare la sua maglia a pois.

14.43 Aumenta ancora il margine, sono addirittura nove i minuti per Neilson Powless (Ef Education EasyPost), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar Team), Matej Mohoric (Bahrain-Victorious), Clément Berthet (AG2R Citroën Team), Michael Woods e Guillaume Boivin (Israel – Premier Tech), Victor Campenaerts (Lotto Dstny), David de la Cruz e Alexey Lutsenko (Astana Qazaqstan Team), Jonas Abrahamsen e Jonas Gregaard (Uno-X Pro Cycling Team), Mathieu Burgaudeau e Pierre Latour (TotalEnergies).

14.40 Purtroppo Giulio Ciccone (Lidl-Trek) non è riuscito ad entrare nella fuga. Peccato, poteva essere una giornata proficua per lui.

14.38 Problema meccanico per Sepp Kuss (Jumbo-Visma), che si rimette immediatamente in sella. Il gruppo non è lontano e non sta nemmeno forzando il ritmo.

14.37 E tra i fuggitivi ci sono uomini che potrebbero tranquillamente arrivare al traguardo, come Michael Woods (Israel-PremierTech), Alexey Lutsenko (Astana-Qazaqstan) e Matteo Jorgenson (Movistar). Vincere sul Puy de Dome può essere una di quelle giornate da ricordare…

14.34 Intanto aumenta ancora il margine della fuga, che supera addirittura i sette minuti. Via libera per loro.

14.31 Jasper Philipsen (Alpecin-Deceuninck) ha allungato in prossimità del traguardo volante per prendersi un punticino per la classifica della maglia verde. Fa sempre comodo per poter raggiungere il suo obiettivo…

14.28 Vantaggio della fuga sul plotone di 6′. I fuggitivi potrebbero giocarsi la vittoria di tappa.

14.27 Caduta in gruppo per Calmejane.

14.25 150 chilometri all’arrivo.

14.23 I risultati al traguardo volante:

# RIDER POINTS
1  ABRAHAMSEN Jonas 20
2  MOHORIČ Matej 17
3  GREGAARD Jonas 15
4  LATOUR Pierre 13
5  DE LA CRUZ David 11
6  POWLESS Neilson 10
7  JORGENSON Matteo 9
8  LUTSENKO Alexey 8
9  BERTHET Clément 7
10  BURGAUDEAU Mathieu 6
11  WOODS Michael 5
12  BOIVIN Guillaume 4
13  IZAGIRRE Gorka 3
14  CAMPENAERTS Victor 2

14.20 Definitivamente andata via la fuga. Da capire adesso chi deciderà di prendere l’iniziativa in gruppo.

14.17 Ricordiamo la composizione del gruppo: Neilson Powless (Ef Education EasyPost), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar Team), Matej Mohoric (Bahrain-Victorious), Clément Berthet (AG2R Citroën Team), Michael Woods e Guillaume Boivin (Israel – Premier Tech), Victor Campenaerts (Lotto Dstny), David de la Cruz e Alexey Lutsenko (Astana Qazaqstan Team), Jonas Abrahamsen e Jonas Gregaard (Uno-X Pro Cycling Team), Mathieu Burgaudeau e Pierre Latour (TotalEnergies).

14.15 Sale a 3′ il vantaggio dei quattordici fuggitivi.

14.12 Adesso il gruppo si è definitivamente rialzato.

14.10 Continuano gli scatti, ma il plotone non riesce a reagire e i fuggitivi sono sempre a 1’30”.

14.07 I fuggitivi:

https://twitter.com/LeTour/status/1678012282855366663

14.05 Si muove Skjelmose e alla ruota c’è Alberto Bettiol che protegge Powless.

14.03 Si riferma il plotone e aumenta nuovamente il distacco, si va vicini al minuto.

14.02 Gruppo che si è riportato a 30” dai fuggitivi.

14.01 Attacca Julian Alaphilippe e si accoda Egan Bernal.

14.00 Tratto in leggera salita e Pedersen, vincitore di ieri, dopo aver tirato va in difficoltà.

13.59 La Lidl-Trek ha lanciato anche Giulio Ciccone. Obiettivo rientrare sulla fuga.

13.58 Nel frattempo problema meccanico per Peter Sagan.

13.57 Lidl-Trek e Soudal-QuickStep vogliono andare a riprendere i fuggitivi.

13.56 I fuggitivi: Neilson Powless (Ef Education EasyPost), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar Team), Matej Mohoric (Bahrain-Victorious), Clément Berthet (AG2R Citroën Team), Michael Woods e Guillaume Boivin (Israel – Premier Tech), Victor Campenaerts (Lotto Dstny), David de la Cruz e Alexey Lutsenko (Astana Qazaqstan Team), Jonas Abrahamsen e Jonas Gregaard (Uno-X Pro Cycling Team), Mathieu Burgaudeau e Pierre LaTour (TotalEnergies).

13.55 Mads Pedersen (Lidl-Trek) a dettare il ritmo in gruppo.

13.54 Proseguono gli scatti in gruppo: si muovono anche Skjelmose e Bernal.

13.52 UAE Emirates e Jumbo-Visma attente in testa al gruppo.

13.50 Ora però arriva la risposta dal plotone della Soudal-QuickStep.

13.48 Davanti c’è la Maglia a Pois Powless, non ci sono uomini di classifica.

13.46 Circa quattordici uomini vanno via e il gruppo lascia spazio. Due contrattaccanti da dietro.

13.44 Il primo a scattare è Victor Campenaerts! Subito va via la fuga.

13.42 PARTE QUESTA SPETTACOLARE NONA TAPPA!

13.39 Vingegaard contro Pogacar: Maglia Gialla contro Maglia Bianca. Chi riuscirà a prevalere oggi?

13.36 Plotone prontissimo per il via di questa nona frazione, che si preannuncia storica.

https://twitter.com/LeTour/status/1678005210067632129

13.33 Scattano i corridori dalla linea di partenza, ora il trasferimento.

13.31 Oggi sarà una gran battaglia per la fuga, gli attaccanti per la prima volta in questo Tour potrebbero arrivare. Ci aspettiamo un inizio a tutta.

13.29 Completate le operazioni al foglio firma. Corridori che si stanno schierando sulla linea di partenza.

https://twitter.com/LeTour/status/1677982173712793600

13.26 La partenza ufficiale sarà data alle 13.45, prima solito tratto di trasferimento.

13.24 Scopriamo il percorso odierno:

182,4 chilometri da percorrere, si va vicino ai 3500 metri di dislivello per questo tappone sul Massiccio Centrale. Prima parte di tappa mossa, con il traguardo volante di Lac de Vassiviere che tira verso l’alto. Poi i primi due GPM di giornata: Côte de Felletin (2,1 km al 5,2%) e Côte de Pontcharraud (1,9 km al 4,6%). Dopo 40 chilometri spazio al terza categoria di Côte de Pontaumur (3,3 km al 5,3%), ma l’attesa è tutta per il gran finale. Dopo tantissimi anni si torna a scalare infatti il durissimo Puy de Dôme (13,3 km al 7,7%, ma gli ultimi 4 km sono tremendi, sempre tra l’11 e il 12%).

13.21 Ritiro per il campione statunitense Quinn Simmons (Lidl-Trek), caduto più volte nella quinta tappa.

13.19 In scena la Saint-Léonard-de-Noblat – Puy de Dôme: 182,4 chilometri con l’erta finale che torna dopo anni al Tour, una salita che ha fatto la storia di questa corsa.

13.17 Oggi potrebbe esserci un’altra giornata importantissima alla Grande Boucle: in programma la nona tappa che anticipa il giorno di riposo, un arrivo in salita durissimo.

13.15 Buongiorno e benvenuti alla Diretta Live della nona tappa del Tour de France 2023.

Amiche ed amici di OA Sport buongiorno e benvenute/i alla DIRETTA LIVE della nona tappa del Tour de France 2023! La corsa francese vive un altro giorno potenzialmente decisivo, in cui gli uomini di classifica torneranno a dare spettacolo. In programma l’arrivo in salita sul Puy de Dome, in assoluto uno dei più duri dell’intera edizione.

Percorso che dopo 168 km mossi ma piuttosto semplici, prevederà la brutale salita del Puy de Dome. 13,3 km al 7,7% con una rampa finale negli ultimi 4 km in cui la pendenza non scenderà mai sotto l’11%. Un’ascesa durissima, che non dà un attimo di riposo e che ci dirà ancora qualcosa riguardo ai valori di forza in campo.

La sfida più attesa non può che essere quella tra Jonas Vingegaard e Tadej Pogacar, che si batteranno ancora una volta per la vittoria di tappa e magari per un pezzetto di Maglia Gialla, al momento sulle spalle del danese. Vingegaard spera di poter fare nuovamente la differenza su una salita lunga ed impegnativa, mentre lo sloveno ha dalla sua l’entusiasmo dell’ultimo successo e caratteristiche maggiormente esplosive nel finale.

Partenza alle ore 13.45 da Saint-Léonard-de-Noblat. Noi di OA Sport vi offriremo la DIRETTA LIVE di un’imperdibile nona tappa del Tour de France dalle 13.30. Vi racconteremo ogni dettaglio della corsa, con aggiornamenti minuto per minuto ed in tempo reale. Non mancate!

Foto: LaPresse

Per scoprire quote, pronostici, bonus, recensioni bookmaker su scommesse sportive e molto altro su sport betting è possibile consultare la nostra nuova sezione dedicata alle scommesse online