Seguici su

Pattinaggio Artistico

Pattinaggio artistico, Mondiali 2023: le favorite del singolo femminile. Il Giappone sogna la doppietta con Sakamoto e Mihara

Pubblicato

il

Sakamoto

Vincere la seconda medaglia iridata consecutiva davanti al proprio pubblico; è questo il grande obiettivo di Kaori Sakamoto, una delle grandi favorite della gara del singolo femminile ai Campionati Mondiali 2023 di pattinaggio artistico, in scena alla Super Arena di Saitama dal 22 al 26 marzo.

Un traguardo assolutamente fattibile per l’atleta del Sol Levante, quest’anno artefice di buone prove alternate però ad alcuni blackout importanti, tra tutti quello avvenuto in occasione delle rocambolesche Finali del Grand Prix di Torino. Sul ghiaccio di casa la nativa di Kobe cercherà di incantare gli spettatori presenti presentando due programmi con il massimo del rendimento possibile, facendo perno sul suo pattinaggio incantevole (il corto pattinato fuori dalla comfort zone sulle musiche di Janet Jackson è una delizia) e sulla buona qualità degli elementi di salto.

Ma attenzione, perché a mettere il bastone tra le ruote alla medaglia di bronzo olimpica in carica potrebbe essere la compagna di allenamenti Mai Mihara, vincitrice delle Finali di Torino e anche lei meravigliosa sul ghiaccio anche se talvolta fallosa. Le due allieve di Sonoko Nakano rappresentano dunque l’eccellenza della categoria (Russia esclusa), ma dovranno comunque essere brave a non commettere bruschi passaggi a vuoto per chiudere ogni porta alle avversarie.

Pattinaggio artistico, Mondiali 2023: i favoriti del singolo maschile. Shoma Uno è quello da battere, Malinin ci prova

Sono infatti diverse le colleghe da temere: oltre la terza nipponica Rinka Watanabe spicca in toto la compagine sudcoreana composta da Haein Lee (trionfatrice dei Four Continents e al momento in grande condizione), Yelim Kim e Chaeyeon Kim, a cui si aggiungono la sempre solida statunitense Isabeau Levito e le due europee Anastasia Gubanova e Loena Hendrickx, medaglia d’argento nel 2022. Per tutte sarà molto importante realizzare un corto d’alto profilo, in modo da imbastire una strategia adeguata in vista del libero. Vedremo quello che succederà.

Foto: Valerio Origo