Seguici su

Ciclismo

LIVE Adriatica Ionica Race 2022, prima tappa in DIRETTA: Scaroni si impone in una volata ristretta! Secondo Zana

Pubblicato

il

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

LA CRONACA DELLA VITTORIA DI SCARONI

VIDEO HIGHLIGHTS ADRIATICA IONICA: LA VITTORIA DI SCARONI

SCARONI: “SUCCESSO SPECIALE PER LA NAZIONALE”. BENNATI: “E’ UN OTTIMO PASSISTA SCALATORE”

TOUR DE FRANCE 2024: PARTENZA DALL’ITALIA?

DAMIANO CARUSO AL GIRO DEL DELFINATO

FILIPPO GANNA AL GIRO DEL DELFINATO, PROVE DI MAGLIA GIALLA

DANIELE BENNATI: “VINCENZO NIBALI AI MONDIALI PER LA CHIUSURA CON LA NAZIONALE”

WOUT VAN AERT: “L’OBIETTIVO E’ LA MAGLIA VERDE AL TOUR DE FRANCE”

LA STARTLIST DEL GIRO DEL DELFINATO

LA STARTLIST DELLA BRUXELLES CLASSIC

15.00 La nostra DIRETTA LIVE scritta termina qui. Grazie a tutti per averci seguito e buon proseguimento di giornata!

14.59 Questa invece la nuova classifica generale:

1. Christian Scaroni (Nazionale Italiana) 3:43:48
2. Filippo Zana (Bardiani-CSF-Faizanè) +4’’
3. Raul Garcia (Equipo Kern Pharma) +6’’
4. Riccardo Lucca (Work Service Vitalcare Vega) +10’’
5. Mikel Iturria (Euskaltel – Euskadi) +15”
6. Davide Persico (Team Colpack Ballan) +29”
7. Matteo Malucelli (Nazionale Italiana) +29”
8. Nicolas Dalla Valle (Giotti Victoria – Savini Due) +29”
9. Samuele Zambelli (Work Service Vitalcare Vega) +29”
10. Sacha Modolo (Bardiani-CSF-Faizanè) +29”

14.58 Ecco la top ten odierna:

1. Christian Scaroni (Nazionale Italiana) 3:43:48
2. Filippo Zana (Bardiani-CSF-Faizanè) st
3. Raul Garcia (Equipo Kern Pharma) st
4. Riccardo Lucca (Work Service Vitalcare Vega) st
5. Mikel Iturria (Euskaltel – Euskadi) +5”
6. Davide Persico (Team Colpack Ballan) +19”
7. Matteo Malucelli (Nazionale Italiana) +19”
8. Nicolas Dalla Valle (Giotti Victoria – Savini Due) +19”
9. Samuele Zambelli (Work Service Vitalcare Vega) +19”
10. Sacha Modolo (Bardiani-CSF-Faizanè) +19”

14.56 Quarto Riccardo Lucca (Work Service Vitalcare Vega) e quinto Mikel Iturria (Euskaltel – Euskadi). Davide Persico (Team Colpack Ballan) vince invece la volata nel gruppo dietro.

14.55 Secondo Filippo Zana (Bardiani-CSF-Faizanè), terzo Raul Garcia (Equipo Kern Pharma).

14.54 VINCE CHRISTIAN SCARONI! IL CORRIDORE CHE CORRE PER LA NAZIONALE ITALIANA SI IMPONE NELLA VOLATA RISTRETTA!

14.54 Sono tutti lì!

14.54 Accelera Zana! Lo segue Raul Garcia!

14.53 ULTIMO KM!

14.52 Nel frattempo in gruppo sembra mancare l’accordo!

14.52 Addirittura 18” il vantaggio dei 5 di testa!

14.52 2 km all’arrivo!

14:52 Filippo Zana, Raul Garcia, Mikel Iturria, Christian Scaroni e Riccardo Lucca: sono questi i corridori che hanno preso qualche secondo di vantaggio rispetto al gruppo.

14.51 Attenzione perché provano a scappare in cinque!

14.50 I corridori iniziano a prepararsi per la volata finale.

14.49 5 km al traguardo! Aumenta la tensione in gruppo.

14.47 GRUPPO COMPATTO! 6 km all’arrivo.

14.46 Il plotone principale sta per rientrare sui primi quattro.

14.45 E il gruppo si riavvicina! 20” ora il ritardo dai quattro di testa. 8 km all’arrivo.

14.45 A tirare il gruppo ci sono gli uomini dell’Astana Qazaqstan e dell’Eolo-Kometa.

14.44 Stanno spingendo fortissimo i quattro di testa.

14.43 Sale a 32” il divario tra i battistrada e il plotone principale. Mancano meno di 10 km.

14.42 24” il vantaggio ora di Double, Covili, Zardini e Stoijnic.

14.40 Nel frattempo Giovanni Carboni ha provato a raggiungere la testa della corsa, ma la sua azione è stata vana. Il corridore che corre per la Nazionale Italiana è stato infatti ripreso dal gruppo.

14.38 Attenzione perché dopo il GPM si sono lanciati in discesa a tutta velocità Paul Double (Mg.K Vis-Color for Peace-VPM), Edoardo Zardini (Drone Hopper-Androni Giocattoli), Luca Covili (Bardiani-CSF-Faizanè) e  Veljko Stoijnic (Team Corratec).

14.36 Mancano 20 km all’arrivo poiché è stato cancellato il circuito finale di 20 chilometri. Inizialmente lo scollinamento sul GPM di San Michele del Carso era previsto a 40 km dal traguardo.

14.33 Paul Double ((Mg.K Vis-Color for Peace-VPM)) conquista il primo posto sul GPM davanti a Edoardo Zardini (Drone Hopper-Androni Giocattoli) e Luca Covili (Bardiani-CSF-Faizanè).

14.32 Il gruppo ha ripreso i fuggitivi! Siamo vicini al GPM di San Michele del Carso.

14.29 Andatura elevata nel plotone, ora spezzatosi in due tronconi. Purtroppo ha perso le ruote Matteo Malucelli, uno dei favoriti della vigilia in caso di arrivo in volata.

14.26 40 km all’arrivo, sempre i quattro azzurri davanti. Questi i loro nomi e le rispettive compagini: Matteo Donegà (CT Friuli), Adriano Brogi (Giotti Victoria-Savini Due), Federico Burchio (Work Service-Vitalcare-Dynatek) e Matteo Zurlo (Zalf Euromobil Fior). Gruppo a circa trenta secondi.

14.23 Sin da ora vi diamo appuntamento alla diretta live della frazione di domani, con lo spettacolare arrivo in salita sul Monte Grappa. La mitica cima ha ospitato un traguardo di tappa anche lo scorso anno, ad imporsi fu il vincitore della rassegna Lorenzo Fortunato.

14.20 Sembrano ridotte al lumicino le speranze della fuga quando siamo ormai nei pressi del GPM di San Michele del Carso. Scopriremo a breve il primo leader della classifica scalatori.

14.17 45,9 km/h la media dopo tre ore di corsa.

14.14 I passaggi al traguardo volante di Capriva:

1 Matteo Zurlo (Zalf Euromobil Fior)
2 Federico Burchio (Work Service-Vitalcare-Dynatek)
3 Matteo Donegà (CT Friuli)
4 Adriano Brogi (Giotti Victoria-Savini Due)

14.11 La corsa è vicina al confine con la Slovenia, siamo a Gorizia.

14.08 55 km all’arrivo, tra una manciata di chilometri ecco il GPM di San Michele del Carso (3,5 km al 6,5%).

14.05 Che ritmo del gruppo sulla salitella di San Floriano del Collio, ora ai battistrada rimane solo 1’20 di vantaggio.

14.02 Sono Matteo Donegà (CT Friuli), Adriano Brogi (Giotti Victoria-Savini Due), Federico Burchio (Work Service-Vitalcare-Dynatek) e Matteo Zurlo (Zalf Euromobil Fior) i quattro corridori italiani che compongono la fuga di giornata.

13.59 Scende ancora il vantaggio dei fuggitivi, gruppo segnalato a 2’45”.

13.56 La fuga si imbatte ora in un breve strappo in località San Floriano del Collio, cima che non costituisce Gran Premio della Montagna.

13.53 I corridori della Nazionale di Daniele Bennati si incaricano di dettare l’andatura in testa al plotone.

13.50 Adriano Brogi, classe ’91, è il più esperto nel drappello dei battistrada. Quest’anno ha preso parte al Giro di Sicilia ed alla Settimana Internazionale Coppi e Bartali, senza raccogliere risultati degni di nota.

13.47 Scende a tre minuti intanto il vantaggio dei fuggitivi.

13.44 Poche centinaia di metri allo sprint intermedio!

13.41 75 km al traguardo di Monfalcone, sempre tre minuti abbondanti di gap per Matteo Donegà (CT Friuli), Adriano Brogi (Giotti Victoria-Savini Due), Federico Burchio (Work Service-Vitalcare-Dynatek) e Matteo Zurlo (Zalf Euromobil Fior).

13.38 Cinque le maglie in palio alla Adriatica Ionica Race: il leader della generale indosserà la casacca azzurra, colore verde per il primo della classifica scalatori. Il rosso è destinato al miglior sprinter, il bianco al miglior giovane, l’arancione rappresenta il premio combattività.

13.35 10 km allo sprint intermedio di Capriva! Sarà volata tra gli uomini di testa?

13.32 A una quarantina di chilometri dal traguardo è posto il GPM di San Michele del Carso (3,5 km al 6,5%), vedremo se qualche sprinter perderà terreno sulle rampe dell’unica salita di giornata.

13.29 Invariata la situazione al comando, i battistrada collaborano con grande accordo.

13.26 Il colombiano Ivan Sosa e l’ucraino Mark Padun, al pari di Lorenzo Fortunato, hanno vinto le prime tre edizioni (da segnalare anche la piazza d’onore di Giulio Ciccone nel 2018). Due anni fa l’evento non si disputò a causa della pandemia.

13.23 90 km all’arrivo, stabile sui 3 minuti e mezzo il vantaggio di Matteo Donegà (CT Friuli), Adriano Brogi (Giotti Victoria-Savini Due), Federico Burchio (Work Service-Vitalcare-Dynatek) e Matteo Zurlo (Zalf Euromobil Fior).

13.20 L’idea della manifestazione è unire i territori aventi in comune l’Adriatico e lo Ionio. L’ambizione degli organizzatori per gli anni futuri è quella di allargare la corsa ai Paesi che si affacciano su questi mari, prolungando la durata dell’evento.

13.17 Raggiunta la metà della tappa. Sulla corsa al momento splende il sole e la temperatura si aggira intorno ai 25°: condizioni ideali per una bella pedalata.

13.14 Diamo un’occhiata al borsino dei favoriti odierno:

***** Filippo Fiorelli
**** Matteo Malucelli, Sacha Modolo
*** Francisco Galvan, Giovanni Lonardi, Natnael Tesfazion,
** Luca Coati, Davide Persico, Dusan Rajovic, Michele Gazzoli,
* Enrico Battaglin, Nicolas Dalla Valle, Andrea Peron, Riccardo Verza, Samuele Zambelli

13.11 Accelerata del gruppo che abbassa il distacco a 3’25”. Mancano 30 km al traguardo volante di Capriva del Friuli.

13.08 Nessuno tra i quattro attaccanti ha mai conquistato una vittoria di tappa tra i professionisti, ma Zurlo l’anno scorso si è imposto in una frazione del Giro del Friuli. Lui e Donegà sono i più giovani del drappello (entrambi classe ’98).

13.05 Finora gli atleti non si sono risparmiati: media vicina ai 47 km/h quando siamo prossimi alle due ore di corsa, il lungo tramo iniziale in leggera discesa ha favorito un ritmo alto già dai primi colpi di pedale.

13.02 Veniamo al racconto della tappa: la carovana ha percorso 85 km, ne mancano 105 all’arrivo. Quattro fuggitivi, Matteo Donegà (CT Friuli), Adriano Brogi (Giotti Victoria-Savini Due), Federico Burchio (Work Service-Vitalcare-Dynatek) e Matteo Zurlo (Zalf Euromobil Fior) conservano 4’15” di vantaggio sul plotone.

13.00 Tra i tanti azzurri presenti in gruppo dobbiamo citare Lorenzo Fortunato: il vincitore del 2021 cerca il secondo successo consecutivo su queste strade, ma dovrà vedersela con corridori di spicco quali Sebastian Henao, Natnael Tesfatsion e Jefferson Cepeda.

12.57 Il percorso odierno non annovera difficoltà altimetriche, eccezion fatta per il GPM di San Michele del Carso (3,5 km al 6,5%) posto a 44 km dallo striscione del traguardo.

12.54 Benvenuti amici e amiche di OA Sport. E’ iniziata stamani la quarta edizione della Adriatica Ionica Race, corsa a tappe italiana iscritta al circuito UCI Europe Tour. Il segmento d’esordio propone 194 km con partenza da Tarvisio e arrivo a Monfalcone, favoriti gli sprinter.

STARTLIS ED ELENCO PARTECIPANTI – ADRIATICA IONICA RACE 2022

IL PERCORSO E LE 5 TAPPE AI RAGGI X

Buongiorno amici e amiche di OA Sport e benvenuti alla DIRETTA LIVE della Adriatica Ionica Race 2022. La breve corsa a tappe tricolore, iscritta al circuito UCI Europe Tour come evento di classe 2.1, è giunta alla quarta edizione e anche quest’anno promette di regalare spettacolo.

Diciassette le formazioni iscritte incluso il team della Nazionale guidato da Daniele Bennati. Favorito della vigilia Lorenzo Fortunato, trionfatore lo scorso anno e desideroso di riscatto dopo un Giro d’Italia chiuso al di sotto delle aspettative. Altri corridori di rilievo rispondono ai nomi di Sebastian Henao, Natnael Tesfatsion e Jefferson Cepeda, in linea generale sono tantissimi i giovani prospetti italiani che vorranno di distinguersi nella manifestazione.

Il segmento d’esordio propone 194 km con partenza da Tarvisio e arrivo a Monfalcone. Il solo Gran Premio della Montagna di San Michele del Carso (3,5 km al 6,5%) posto a 44 km dallo striscione del traguardo non dovrebbe impedire la volata: tra le ruote veloci azzurre cercheranno gloria Sacha Modolo, Filippo Fiorelli e Matteo Malucelli.

Ciclismo, Tom Dumoulin annuncia il ritiro a fine stagione! “Potrei tornare ai vertici, ma la strada è lunga”

Tutti in sella a partire dalle 11.10, epilogo della frazione intorno alle 15.45. Attraverso la DIRETTA LIVE curata da OA Sport potrete seguire le fasi salienti della tappa in tempo reale, rimanete in nostra compagnia. La nostra Diretta inizierà alle 13.00. A più tardi e buon divertimento!

Foto: Lapresse

Per scoprire quote, pronostici, bonus, recensioni bookmaker su scommesse sportive e molto altro su sport betting è possibile consultare la nostra nuova sezione dedicata alle scommesse online