Golf, ranking mondiale al 13 ottobre. I piazzamenti degli italiani

L’ultimo aggiornamento del ranking mondiale, il celebre OWGR, è stato rilasciato nella notte tra domenica 10 e lunedì 11 ottobre, una volta finito lo Shriners Children’s Open. Di rilevante non è cambiato nulla fino all’undicesima posizione, anche se questa settimana con la CJ Cup ci potrebbero essere dei movimenti (e il numero 1 del mondo dello spagnolo Jon Rahm, che gioca l’Andalucia Masters, è in pericolo: deve arrivare almeno 15° per essere certo di mantenerlo).

Le variazioni più importanti si sono avute fuori dalla top 20, pur con due scambi di posizione al suo interno (Jordan Spieth e il messicano Abraham Ancer per il 12° e 13° posto, il nordirlandese Rory McIlroy e il norvegese Viktor Hovland per il 14° e 15°). Il sudcoreano Sungjae Im è infatti l’uomo che più ha scalato la graduatoria, salendo dal 29° al 21° posto per effetto della sua vittoria negli States. A proposito di USA, ritorniamo su Spieth: non solo con la sua risalita di un posto abbiamo 10 americani nei primi 12, ma il suo è un recupero enorme, dal momento che a inizio anno era 82°, la sua peggior classifica da quando è entrato di prepotenza nell’élite, nel 2013 (e a inizio anno era 92°).

Sono stati però altri i maggiori guadagni nelle parti alte. Ad esempio, lo è stato il +14 dell’altro statunitense Matthew Wolff, secondo nel sopracitato evento del PGA Tour, che ha portato anche i suoi connazionali Aaron Wise e Lanto Griffin dal 105° e 110° posto all’88° e 94°. In mezzo a loro Rory Sabbatini: l’ormai slovacco è ancora lontano dai picchi di un tempo, ma il 3° posto di torneo lo ha rimandato in top 100, per l’esattezza 94°. E c’è stato anche l’ingresso di Seamus Power, proprio da centesimo: è diventato il nono giocatore del suo Paese a entrare nella prima pagina della classifica globale. Si è anche parlato parecchio di Tiger Woods, e di immagini che lo vedevano assistere a un torneo del figlio Charlie senza stampelle né tutore. La prolungata assenza lo ha spedito al 320° posto, ma stiamo parlando di Tiger Woods, uno il cui valore non si può misurare con numeri del ranking.

In casa Italia, con Guido Migliozzi sempre primo italiano al 68° posto e Francesco Molinari pericolosamente vicino a uscire anche dai 200 (è 188°), ha guadagnato posizioni Renato Paratore (+17, da 235° a 218°) in virtù del 9° posto all’Open di Spagna. Il balzo più importante, però, è di Jacopo Vecchi Fossa, che grazie alla vittoria nel Golf Nazionale Alps Open (Alps Tour, che viene dopo European e Challenge) si è concesso il lusso di passare da 514° a 424°. Una bella soddisfazione per il classe ’94 di Reggio Emilia, che era partito dalla posizione numero 864 a inizio anno.

Ricordiamo che i punti dell’OWGR non vanno letti come una media, bensì come un calcolo basato su un arco di tempo biennale con applicazione di diversi divisori a seconda del tipo di torneo, della forza dello stesso e del periodo di tempo nel quale è stato disputato.

TOP 10 MONDIALE
1 ESP Jon Rahm 10.2577
2 USA Dustin Johnson 8.6418
3 USA Collin Morikawa 7.8351
4 USA Patrick Cantlay 7.4569
5 USA Xander Schauffele 7.2013
6 USA Justin Thomas 7.9042
7 USA Bryson DeChambeau 6.8189
8 RSA Louis Oosthuizen 6.0580
9 USA Brooks Koepka 5.5705
10 USA Tony Finau 5.5618

TOP 10 ITALIA
68 ITA Guido Migliozzi 1.8696 (-3)
188 ITA Francesco Molinari 0.9190 (-11)
218 ITA Renato Paratore 0.8084 (+17)
225 ITA Francesco Laporta 0.7954 (-5)
309 ITA Edoardo Molinari 0.5521 (-10)
424 ITA Jacopo Vecchi Fossa 0.3608 (+90)
451 ITA Nino Bertasio 0.3296 (-5)
511 ITA Matteo Manassero 0.2720 (-5)
574 ITA Lorenzo Scalise 0.2259 (-5)
654 ITA Stefano Mazzoli 0.1818 (-10)

Foto: LiveMedia/Fabrizio Corradetti

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Ciclismo, tutti i ritirati nel 2021: chi ha cessato l’attività? Spiccano Fabio Aru e André Greipel

Boxe, Usyk-Joshua rivincita nel 2022. Fury verso la sfida a Whyte. Gli scenari dei pesi massimi e il Campione indiscusso