NASCAR, notte di verdetti nel ‘Colosseo’ a Bristol

Dopo aver segnato la storia questa primavera con la prima gara su sterrato dopo oltre 50 anni, la NASCAR Cup Series torna a Bristol per la prima ‘Elimination Race’ dei Playoffs. Sotto i riflettori del famoso short-track che sorge nello Stato del Tennessee quattro piloti saranno eliminati dalla lotta al titolo 2021.

La competizione di questo fine settimana è una delle più imprevedibili in calendario. Il tracciato può essere considerato come ‘jolly’, tutti possono vincere ed accedere di diritto al ‘Round of 12’ dei Playoffs. Ricordiamo che un singolo successo prescrive un pass certo per la fase successiva del campionato che, in alternativa, può essere raggiunta grazie ai punti conquistati durante la stagione.

Nel ‘Colosseo’ della NASCAR sono molti coloro che si sono imposti in questa speciale prova che, a differenza della ‘gara primaverile’, si tiene in notturna. Kyle Busch (2009-2010-2017), Joey Logano (2014-2015), Kurt Busch (2003-2018), Denny Hamlin (2012-2019) e Kevin Harvick (2016-2020) e Brad Keselowski (2012) sono coloro che hanno vinto almeno una volta in carriera la ‘Bass Pro Shops NRA Night Race’. Dal 2020 questa sfida è inserita nella parte conclusiva della stagione, un mese in ritardo rispetto alla tradizionale collocazione in estate.

L’ovale è unico, il secondo più corto dell’intero calendario insieme al catino di Martinsville (Virginia). La superficie non è la terra, ma non è neanche asfalto. Come accaduto a Nashville sarà infatti il cemento a tornare protagonista in una pista che ha quattro curve con una pendenza che varia dai 26 ai 30 gradi. 

Alla vigilia della prima della tre ‘Elimination race’ dei Playoffs, Michael McDowell (-38), Wlliam Byron (-18), Tyler Reddick (-5) ed Alex Bowman (-0) sono attualmente virtualmente out per un posto nel ‘Championship 4’. Sono invece certi di continuare i Playoffs Denny Hamlin (primo a Darlington), Martin Truex (vincitore a Richmond) e Kyle Larson, già presente al prossimo turno grazie ai punti acquisiti fino ad ora.

Tutto può succedere in quella che sarà la terza competizione nello Stato del Tennessee con Kurt Busch (+0), Aric Armirola (+3), Kyle Busch (+8), Brad Keselowski (+13) che non possono permettersi errori nei 500 passaggi previsti.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Tennis, Lloyd Harris: “E’ tempo di mettere da parte i Big 3 e che la generazione giovane prenda il controllo”

Basket: Mike James-AS Monaco, in dirittura d’arrivo l’accordo economicamente più importante mai siglato in Francia