Ciclismo, i possibili convocati dell’Italia per i Mondiali. Dal Giro di Toscana al Matteotti: ultime gare decisive per Cassani

Mancano meno di due settimane ai Mondiali 2021 di ciclismo su strada. La selezione azzurra che prenderà il via alla rassegna iridata delle Fiandre si sta ormai delineando. Dopo la fantastica prestazione sfornata agli Europei di Trento, Sonny Colbrelli e Matteo Trentin sono sicuri del posto e del ruolo di capitani della squadra italiana. Anche Filippo Ganna, inoltre, sarà sicuramente parte della spedizione tricolore in quella terra ove il ciclismo è una religione.

Difficile levare il posto a Gianni Moscon, il quale è un fedelissimo di Davide Cassani e nelle gare ove si superano i 200 chilometri tende a esaltarsi. Dovrebbe essere della partita anche Giacomo Nizzolo, il quale ha dimostrato di godere di un’ottima condizione al Tour of Britain e in caso di gara poco selettiva potrebbe rivelarsi la carta migliore dell’Italia. Il tracciato fiammingo, inoltre, sarebbe adatto anche a Davide Ballerini, il quale, tra Bretagne Classic e il sopraccitato Tour of Britain, ha palesato una forma più che discreta.

Per assegnare gli ultimi posti, ad ogni modo, il CT aspetterà di vedere come se la caveranno gli azzurri nelle molte gare che si svolgeranno sia in Italia che all’estero in questi giorni che precedono l’inizio della settimana iridata. Sicuramente dovrebbero essere in lizza per un posto anche due giovanissimi come Giovanni Aleotti e Andrea Bagioli. I due classe 1999 hanno disputato un buon Europeo e potrebbero venire convocati anche per dar modo loro di fare esperienza in un palcoscenico del rango del Mondiale.

Diversi, ad ogni modo, sono i nomi che potrebbero riuscire a guadagnarsi uno degli ultimi posti a disposizione per i Mondiali. Citiamo, ad esempio Luca Mozzato, corridore che si trova a meraviglia sulle strade fiamminghe, Andrea Vendrame, che si sta rendendo protagonista di una grande 2021, o Alessandro Covi, un ragazzo che può rendersi utile su quasi ogni percorso.

Foto: LPS

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Basket: con Treviso nel preliminare di Champions League 2021-2022 inizia la campagna europea delle squadre italiane

Ciclismo, è morto Fabio Taborre: l’ex corridore stroncato da un male incurabile a soli 36 anni