Basket, Supercoppa Italiana 2021: le semifinali. Bologna e Milano favorite, Venezia e Brindisi pronte a sovvertire il pronostico

Quest’oggi si conosceranno le due finaliste della Supercoppa Italiana 2021. Alla Unipol Arena vanno in scena le semifinali, AX Armani Exchange Milano contro Happy Casa Brindisi (ore 18.00) e Virtus Segafredo Bologna contro Umana Reyer Venezia (ore 21.00). Il pronostico pende verso un remake della finale della passata stagione, che poi è stata anche quella dello Scudetto, tra Bologna e Milano, ma sia Venezia sia Brindisi hanno tutte le carte in regola per sovvertire l’esito di due partite che si presentano comunque combattute.

LIVE Venezia-Virtus Bologna, Supercoppa Italiana basket in DIRETTA: semifinale in tempo reale

La prima semifinale vedrà dunque opposte l’Olimpia e la Happy Casa. La squadra di Ettore Messina ha vinto agevolmente il suo quarto di finale contro Treviso, ma è stata una sfida condizionata già alla palla a due dalla situazione della Nutrilbet, che ha preferito tenere a riposo molti dei suoi migliori giocatori, visto che neanche 24 ore prima aveva centrato la qualificazione alla fase a gironi di Champions League. Un netto 108-60 per Milano, che sarà chiamata al primo vero test stagionale per una squadra che è cambiata molto e sta cercando probabilmente ancora i migliori automatismi.

LIVE Brindisi-Olimpia Milano, Supercoppa Italiana basket in DIRETTA: semifinale in tempo reale

Si dice che ripetersi è sempre la cosa più difficile e lo sa bene Brindisi, chiamata a replicare e migliorare i già strepitosi risultati della passata stagione. I pugliesi vogliono finalmente alzare il loro primo grande trofeo e la Supercoppa è certamente un obiettivo percorribile per la squadra di Vitucci, che ha sempre messo in grande difficoltà l’Olimpia nella passata stagione. Brindisi ha battuto Sassarri per 76-66, dimostrando un ottimo impatto difensivo e proprio la difesa sarà un fattore chiave per i pugliesi contro un attacco come quello milanese che ha davvero tante soluzioni e numerose bocche da fuoco.

Appuntamento alle ore 21.00 per Bologna contro Venezia. La Virtus è reduce dal quarto di finale più combattuto, dove ha superato una coriacea Tortona solamente nei minuti finali (74-66), con anche i piemontesi che hanno avuto una comoda tripla per il -1 a cinquanta secondi dal termine. La formazione di Scariolo è ancora in costruzione, non ha Nico Mannion e soprattutto ha già perso Ekpe Udoh, che ha subito la lesione completa del tendine rotuleo del ginocchio destro. La Virtus si affiderà ancora una volta all’ottimo Kevin Hervey visto nei quarti e spera in un impatto diverso di Belinelli e Teodosic (nove punti in due).

Una situazione che mette Venezia con tante possibilità di fare il colpo e prendersi la finale. La Reyer ha cambiato davvero poco ed i nuovi arrivati (Sanders su tutti) si sono subito integrati. Una continuità che può essere un fattore decisivo in un torneo che si disputa ad inizio anno e con le squadre che sono ancora un po’ in fase di assestamento. Venezia, poi, non ha speso molto contro Pesaro, in un match già finito all’intervallo, con un secondo quarto da 25-3.

Le semifinali si presentano molto combattute e possono regalare anche sorprese. Il primo obiettivo stagionale è vicino e la finale di domani sera è un traguardo già messo nel mirino.

Credit Ciamillo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

F1, Verstappen e Hamilton si giocheranno il Mondiale all’ultima gara? Non succede da tanti anni…

Volley, Giuseppe Manfredi: “Queste due medaglie rappresentano linfa per l’intero movimento”