Vuelta a España 2021, Fabio Jakobsen centra il tris nel giorno del compleanno. Trentin terzo

Fabio Jakobsen (Deceuninck-Quick Step), nel giorno del suo compleanno, coglie il suo terzo successo sulle strade della Vuelta a España 2021. La maglia verde, infatti, si è imposta nell’odierna Laredo-Santa Cruz de Bezana, sedicesima frazione del grande giro spagnolo. Lo sprinter neerlandese, che a un certo punto della tappa si era anche staccato dal gruppo dei migliori, ha preceduto il belga Jordi Meeus (Bora-Hansgrohe) e l’azzurro Matteo Trentin (UAE Team Emirates). Per quanto concerne gli italiani, inoltre, Alberto Dainese (Team DSM) è giunto quinto e Riccardo Minali (Intermarché-Wanty) ottavo.

Poco dopo il via, c’è stata una brutta caduta in cui sono stati coinvolti anche il quarto della classifica generale Enric Mas (Movistar), il secondo Guillaume Martin (Cofidis) e l’azzurro Giulio Ciccone (Trek-Segafredo). Le conseguenze peggiori le ha riportate proprio Ciccone, il quale ha provato a ripartire, ma dopo un’oretta in gruppo si è visto costretto a mettere piede a terra. La tappa, nella prima parte, è stata contraddistinta da una fuga di cinque composta da Stan Dewulf (AG2R-Citroën Team), Mikel Bizkarra (Euskaltel-Euskadi), Dimitri Claeys (Team Qhubeka NextHash), Jetse Bol (Burgos BH) e Quinn Simmons (Trek-Segafredo).

A 70 chilometri dall’arrivo, però, ci sono stati una serie di scatti, tra cui quello di Harm Vanhoucke (Lotto Soudal), il quale è stato l’unico capace di riportarsi sui battistrada. A 60 chilometri dalla meta, la UAE ha accelerato e ha spezzato il gruppo. La maglia verde Fabio Jakobsen, in questa occasione, ha perso le ruote dal gruppo dei migliori. Dopo una decina di chilometri di inseguimento, però, la Deceuninck-Quick Step è riuscita a riportare il suo sprinter nel plotone.

L’ultimo dei fuggitivi, Stan Dewulf, è stato ripreso a quattro chilometri dall’arrivo. Il finale si è rivelato veramente tortuoso e ricco di curve. La Deceuninck-Quick Step è stata anche meno brava, rispetto ad altre volte, a guidare il suo leader negli ultimi chilometri. Tuttavia, Jakobsen è stato decisamente abile nel finale ed una volta entrati nel rettilineo conclusivo ha bruciato Meeus, che aveva provato ad anticipare.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Canottaggio, i convocati dell’Italia per gli Europei Under 23: 45 azzurrini in gara in Polonia

Ordine d’arrivo Vuelta a España 2021, risultati 16ma tappa: vince Fabio Jakobsen, terzo Matte Trentin