Tennis, Ranking WTA (2 agosto): Barty in vetta, primi posti invariati. Giorgi scende, ma le Olimpiadi non c’entrano. Trevisan numero 100

Cambiamenti: zero. Il ranking WTA resta uguale, fedele alla propria attuale misura, in attesa di un’estate americana che promette scintille anche per Ashleigh Barty, con l’australiana pronta a diventare sempre più leader dato che non ha punti da difendere (lo scorso anno evitò di uscire dall’Australia anche dopo il lockdown, per ripresentarsi nel 2021).

La top ten rimane invariata, e le poche variazioni sono da trovare per lo più nella seconda metà della top 100. In questo senso va apprezzato il ritorno nelle prime 100 della slovacca Anna-Karolina Schmiedlova, vittoriosa nel WTA 125 (l’equivalente sostanziale dei Challenger ATP di alta fascia) di Belgrado, successo che la spedisce al numero 99 con un saldo in attivo di 23 posizioni.

TOP 10 RANKING WTA

1. Ashleigh Barty (AUS) 9635
2. Naomi Osaka (JPN) 7336
3. Aryna Sabalenka (BLR) 6845
4. Sofia Kenin (USA) 5640
5. Bianca Andreescu (CAN) 5331
6. Elina Svitolina (UKR) 5125
7. Karolina Pliskova (CZE) 4975
8. Iga Swiatek (POL) 4685
9. Garbine Muguruza (ESP) 4165
10. Simona Halep (ROU) 4115

Perché Camila Giorgi ha perso 10 posizioni nonostante i quarti di finale alle Olimpiadi? Due sono le ragioni. La prima è che il torneo olimpico non assegna punti, perciò il risultato di Tokyo, per il ranking WTA, non conta niente. E questo in seguito a beghe tra ITF, WTA e anche ATP che perdurano da Rio 2016. La seconda è che scalano altri punti, che non sono del 2020, bensì del 2019: si parla infatti della finale di Washington che perse con l’americana Jessica Pegula proprio nella settimana corrispondente. Per una notizia piuttosto cattiva, ce n’è una buona: Martina Trevisan rientra nelle prime 100, proprio alla centesima posizione, grazie ai quarti di Belgrado.

AZZURRE NELLA TOP 200

71. Camila Giorgi 1090 (-10)
96. Jasmine Paolini 858 (-5)
100. Martina Trevisan 832 (+2)
113. Sara Errani 750 (-1)
122. Elisabetta Cocciaretto 682 (+3)
175. Lucia Bronzetti 444 (-1)

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vela, Olimpiadi Tokyo: vento troppo leggero, programma odierno cancellato. Domani previste 4 Medal Race!

Pattinaggio artistico a rotelle: bene l’Italia agli Europei Gruppi Show e Precision