Tennis Olimpiadi Tokyo, Fabio Fognini: “Non condivido la scelta di Sinner. Il forfait di Berrettini si ripercuote anche su di me”

Fabio Fognini si appresta a vivere un’Olimpiade da protagonista. Il tennista di Arma di Taggia sarà una delle carte principali in chiave Italia per quanto riguarda il torneo singolare maschile. Il ligure ha espresso tutto il suo rammarico per la mancata partecipazione al doppio dove avrebbe dovuto giocare con Matteo Berrettini.

La scelta di Matteo, la sua decisione di dare forfait si ripercuote anche su di me, perché non potrò giocare il doppio. Con lui qui le chance di vedere l’Italia sul podio, anche nel singolare, sarebbero state più alte. Matteo sta vivendo un momento speciale, non c’è dubbio”.

Nonostante nella sua intervista rilasciata a Repubblica Fognini non si esponga direttamente, lascia intendere di avere una sua idea rispetto al problema fisico accusato dal romano: “Non voglio commentare, altrimenti vado abbastanza sul polemico… Non so nulla del problema di Matteo dato che io non l’ho più sentito. Ho la mia opinione e la tengo per me. Comunque gli auguro di riprendersi presto”.

Fognini parla anche del forfait di Sinner: “Sono venuto a Tokyo nonostante non sia nel mio periodo migliore. Posso uscire al primo turno o vincere una medaglia, in ogni caso so che avrò dato il massimo. Anche Sinner ha fatto una scelta che non condivido. Io per la maglia azzurra mi sono squartato Nel senso che non mi sono mai tirato indietro“.

L’azzurro, comprensibilmente, si concentra anche sulle sue aspettative per le Olimpiadi di Tokyo e sugli obiettivi per questa rassegna a cinque cerchi: “Fisicamente sono a posto e sto colpendo bene la palla, anche se in campo sto vivendo un momento disordinato, diciamo così. Mi è capitato altre volte nei miei 15 annidi carriera. I primi due-tre mesi dopo la vittoria a Montecarlo nel 2019, per esempio, ero smarrito. Dipende solo da me, per fortuna. So come gestirlo. Devo riordinare le idee nella mia testa. Certo, ho 34 anni, che non sono 24… viaggiare molto e tutte queste restrizioni per il Covid stanno pesando un po’ sul mio corpo“.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Olimpiadi Tokyo: le favorite. Stati Uniti imbattibili, lotta europea per il podio

Beach volley, Olimpiadi Tokyo: nuovo caso di covid nel team della Repubblica Ceca