Judo, Olimpiadi Tokyo: Maria Centracchio vola ai quarti di finale! Parlati eliminato da Nagase

L’Italia del judo passa indenne l’ostacolo degli ottavi di finale con un’atleta su due e resta quindi in corsa per una medaglia nella quarta giornata di gara ai Giochi Olimpici di Tokyo 2021. Maria Centracchio, dopo aver regolato al debutto la modesta Damiella Nomenjanahary (Madagascar), ha infatti strappato il pass per i quarti di finale nella categoria fino a 63 kg.

La 26enne molisana, bronzo europeo nel 2019, si è presa una bella rivincita sconfiggendo l’ungherese Szofi Ozbas e vendicando così la bruciante sconfitta rimediata al primo turno degli ultimi Mondiali di Budapest per mano della giovane magiara. Centracchio questa volta ha dominato l’incontro sin dall’inizio, mettendo sotto pressione l’avversaria e costringendola ad accumulare due shido (passività e falso attacco) in 1’34”.

Nonostante la situazione favorevole in termini di sanzioni, l’azzurra ha continuato a spingere il piede sull’acceleratore riuscendo a mettere a segno un waza-ari dopo 2’20” e, una ventina di secondi più tardi, anche l’ippon decisivo tramite una leva al gomito nella fase di lotta a terra. Centracchio se la vedrà ai quarti con la polacca Agata Ozdoba-Blach, capace di eliminare clamorosamente la padrona di casa giapponese Miku Tashiro agli ottavi.

Fuori dai giochi purtroppo (in ottica medaglie) Christian Parlati, impegnato quest’oggi nella categoria fino a 81 kg. Il talentuoso judoka campano, bravo a demolire l’egiziano Mohamed Abdelaal nell’incontro d’esordio, si è dovuto arrendere alla classe sopraffina del nipponico Takanori Nagase, uno dei grandi favoriti odierni per la medaglia d’oro.

Il campione iridato junior 2018, capace di battere Nagase per ippon in occasione del Grand Slam di Tashkent 2021, ha tenuto testa al giapponese per oltre tre minuti (due shido a testa per passività) prima di farsi sorprendere dal micidiale Harai-goshi del suo avversario a 8″ dallo scadere dei regolamentari.

Foto: IJF

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Italia-Australia basket, Olimpiadi Tokyo: canali tv, programma, orario, streaming

Canottaggio, Olimpiadi Tokyo: comunicato il programma di domani. Previste sei Finali A!