Golf: Min Woo Lee vince al playoff lo Scottish Open 2021, Dustin Johnson torna numero 1 del mondo

Si conclude con una doppia sentenza l’edizione 2021 dello Scottish Open. Al Renaissance Club di North Berwick, infatti, arriva la vittoria dell’australiano Min Woo Lee alla prima buca di spareggio, fatto ancor più significativo dati gli altri due avversari, l’inglese Matt Fitzpatrick e il belga Thomas Detry. Ma non solo: con il risultato odierno, e a causa del 7° posto di Jon Rahm, c’è un assente che gode, perché Dustin Johnson si riprende in questo modo la leadership della classifica mondiale.

Per il vincitore è il secondo torneo da pro, dopo l’ISPS Handa Vic Open di inizio 2020, ma questo è ben più importante, facendo parte delle Rolex Series dell’European Tour. Una grande rimonta, la sua, con un -7 di giornata che lo porta a -18 insieme ai due compagni di viaggio poi battuti al playoff con un altro birdie, che si aggiunge ai sette precedenti (di cui sei consecutivi tra la buca 3 e la 8).

Dietro ai tre sul podio, si classifica quarto un terzetto composto dall’altro inglese Ian Poulter (-8 per lui, migliore di oggi), dall’americano Ryan Palmer e dall’australiano Lucas Herbert, tutti a -17 davanti a Rahm (-16): lo spagnolo può ritenersi soddisfatto perché i segnali per l’Open Championship sono buoni, ma nel frattempo il comando dell’OWGR è per il momento perso. Ottavi due volti diversi del mondo USA, Justin Thomas (numero 3 del ranking) e Johannes Veerman, entrambi a -15 davanti a Xander Schauffele e a un altro inglese, Jack Senior. Nel gruppo dei dodicesimi spicca l’australiano Wade Ormsby, che con la buca in uno alla 12 si prende un simpatico premio.

Capitolo italiani: il migliore è un ottimo Edoardo Molinari, 18° e con un periodo di forma che si conferma particolarmente buono. -11 il suo score; -9 quello di Guido Migliozzi, che finisce 35°, mentre è 44° Nino Bertasio con -8. 65° Renato Paratore a -5 e, infine, 71° Francesco Laporta a -3; ieri era stato vittima del secondo taglio, pari con il par e all’81° posto, Francesco Molinari.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Wimbledon 2021, Jannik Sinner e Lorenzo Musetti possono aspettare. E’ Matteo Berrettini il leader del tennis italiano

Giorgia Villa, Olimpiadi a rischio? Enrico Casella: “Domani gli esami. Piano B con Vanessa Ferrari in squadra”