Ciclismo Olimpiadi Tokyo, Filippo Ganna: “’Idea di fare qualcosa di bello. Mi concentrerò prima sulla crono e poi sulla pista”

Filippo Ganna si presenta alle Olimpiadi di Tokyo come uno degli uomini simbolo della nostra spedizione. Il 24enne nativo di Verbania avrà un doppio obiettivo quello di salire sul podio nella cronometro individuale su strada e di raggiungere il massimo traguardo nell’inseguimento su pista.

Un programma decisamente duro ma che non spaventa Ganna. Il campione della Ineos Grenadiers, in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, ha parlato di cosa si aspetta dalla rassegna a cinque cerchi in terra nipponica e di quali sono gli obiettivi che si è prefissato.

So bene che non è il mio percorso. Così come non mi sto scervellando a pensare al doppio impegno, ma preferisco focalizzarmi su una cosa alla volta. Dunque: prima la crono e poi la pista, una semplice questione di calendario. Vi ricordate dopo il Giro d’Italia dell’anno scorso? C’erano gli Europei su pista, ma presi il Covid e ciao. Se volete un parere sulla crono, abbiamo visto tutti quello che ha fatto Van Aert al Tour e io penso che sarebbe stato molto competitivo Pogacar se fosse stato al via“.

Ganna dimostra di avere le idee chiare anche sull’importanza della competizione che sta per iniziare e nella quale lui avrà un ruolo di primissimo piano: “Non è una competizione come le altre, ma resta una gara. Inutile farsi tante fisime. Ognuno darà il proprio meglio. Ma se le cose non andassero bene, non c’è da lapidare nessuno. Ogni volta che ci si mette il numero sulla schiena, è per fare bene. Su questo non c’è dubbio. Poi, il podio si potrà giocare sui secondi, in pista sui millesimi. L’impegno che ci si mette però resta quello“.

In chiusura il cronoman azzurro svela agli italiani con quale spirito si presenterà alle Olimpiadi di Tokyo: “In valigia ci ho messo come al solito il cuscino, altrimenti non dormo come vorrei. In testa, l’idea di fare qualcosa di bello“.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
OLIMPIONICO
OLIMPIONICO
6 giorni fa

VAI !

Fognini-Sugita, Olimpiadi Tokyo: orario, tv, programma, streaming

Ciclismo, Davide Cassani: “13 salite in programma alle Olimpiadi, forse pioverà. Sgambata di 50 km, poi il trasferimento”