Ciclismo, gli azzurri partono per Tokyo. Davide Cassani: “La Nazionale è pronta”

La nazionale italiana di ciclismo è pronta a partire per Tokyo. I primi a volare in Giappone saranno coloro che parteciperanno alla prova su strada. Gli azzurri hanno terminato la preparazione in Sardegna, dove hanno presenziato alla Settimana Ciclistica Italiana. Dopo la terza tappa Giulio Ciccone, Alberto Bettiol, Gianni Moscon e Damiano Caruso hanno lasciato la corsa, per partire per Roma e successivamente per Tokyo.

Il quartetto si aggregherà a Vincenzo Nibali ed anche alle azzurre, con la partenza programmata per la giornata di oggi. In Sardegna restano, invece, ancora Elia Viviani e Filippo Ganna, che arriveranno in Giappone solamente il 21 luglio.

Davide Cassani ha fatto il punto della situazione poco prima della partenza: “Abbiamo lavorato e trovato buone condizioni climatiche visto che durante il nostro soggiorno le temperature sono state decisamente miti. I ragazzi hanno finalizzato il lavoro. Ad esempio, dopo la seconda tappa, abbiamo allungato con un allenamento di altre 2 ore. Siamo arrivati a coprire 250 chilometri con oltre 3000 metri di dislivello. Abbiamo lavorato per mesi. La Nazionale è serena e pronta”.

Anche Marco Villa ha parlato della condizione di coloro che faranno la cronometro e soprattutto saranno impegnati in pista (Ganna e Viviani): “Qui in Sardegna abbiamo potuto lavorare sul fondo, che a qualcuno serviva, su percorsi severi. Gli atleti hanno così potuto testarsi ed effettuare blocchi di lavoro con fasi di intensità importanti. Un lavoro completo che abbinato a quello specifico in pista ha chiuso il nostro percorso“.

Qui di seguito il piano delle partenze per Tokyo degli azzurri: 

17 luglio (ciclismo su strada)
Ciccone, Nibali, Caruso, Moscon, Bettiol, Cavalli, Bastianelli, Paladin, Longo Borghini

19 luglio (mtb)
Lechner, Kerschbaumer, Colledani, Braidot

21 luglio (strada e pista)
Ganna, Viviani, Balsamo

21 luglio (Bmx)
Fantoni

25 luglio (pista)
Lamon, Milan, Barbieri, Guazzini, Paternoster, Fidanza, Alzini, Consonni, Bertazzo

Foto: Federciclismo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

British Open 2021, Louis Oosthuizen: “Spero di giocare meglio nel finale”. I colleghi prendono in giro DeChambeau

F1, cosa succede se un pilota si ritira durante la sprint race e come cambia la griglia di partenza