Calcio, Olimpiadi Tokyo: le favorite. È Spagna contro tutti

I Giochi Olimpici partiranno ufficialmente il prossimo 23 luglio, ma alcuni sport partiranno con qualche giorno di anticipo. Tra questi c’è anche il torneo di calcio, riservato agli under23 e che ci accompagnerà  praticamente per tutto il viaggio a Tokyo. Sedici squadre a darsi battaglia per succedere nell’albo d’oro al Brasile, vincitore in casa propria a Rio de Janeiro; a pochi giorni dal via, la favorita numero uno veste la maglia della Spagna.

Gli iberici puntano a far ritornare il titolo a cinque cerchi nel Vecchio Continente, a distanza di ventinove anni dal loro trionfo a Barcellona nel 1992; quella era la squadra di Pep Guardiola e Luis Enrique e, nemmeno così tanto casualmente, queste Furie Rosse sono diretta emanazione dell’odierno tecnico del Manchester City, da cui viene preso a piene mani il tiki-taka, e del CT della Nazionale. Unai Simon, Pau Torres, Mikel Oyarzabal, Eric Garcia, Pedri e Dani Olmo: sei nomi di spessore della Roja spintasi fino alla semifinale degli ultimi Europei che saranno titolari in queste Olimpiadi, assieme ai fuoriquota Marco Asensio e Dani Ceballos che saranno i volti di questa spedizione. Tanto talento, e anche assai maturo per quanto concerne la carta d’identità.

Di fianco alla Spagna, a partire in prima fila sono i campioni uscenti del Brasile. L’uomo copertina è Dani Alves, a caccia di uno dei pochissimi allori che mancano nella sua pluridecorata carriera assieme al Mondiale; la batteria offensiva, dove spicca il nome del calciatore dell’Everton Richarlison, può fare la differenza con giocatori espertissimi del calcio europeo, mentre dietro sarà l’altro fuoriquota Diego Carlos a dirigere le operazioni. I verdeoro dovranno però affrontare subito la Germania, loro avversaria nelal finale del 2016, già nel girone: Stefan Kuntz ha portato in Giappone una squadra senza picchi strepitosi, ma comunque solida, affidandosi alle giocate di Max Kruse e Maximilian Arnold, i due ‘over-23’ del gruppo.

Per questo, come ruolo di terzo incomodo ci piazziamo altre due squadre, esprimendo una leggera precedenza per l’Argentina rispetto alla Francia. A leggere la squadra in volo verso Tokyo, i sudamericani (nel girone della Spagna) sono un sogno per tutti gli appassionati di Football Manager grazie a nomi di talento: Adolfo Gaich, transitato quest’anno a Benevento, promette scintille, mentre alle sue spalle c’è talento ad infinità fra Ezequiel Barco, Thiago Almada, Pedro de la Vega ed Alexis Mac Allister. I transalpini sulla carta danno invece le chiavi del bolide al duo ‘messicano’ composto da Andrè-Pierre Gignac, ormai un’istituzione al Tigres, e al suo futuro compagno di squadra Florian Thauvin, che fino a due anni fa sembrava un crack del calcio mondiale; curiosità per il difensore Ismael Doukouré, il più giovane di questo torneo che compirà 18 anni il 24 luglio.

Infine, i più temerari potranno buttare un centesimo sui padroni di casa del Giappone, con il centrale della Sampdoria Maya Yoshida capitano e due talenti da osservare attentamente come Takefusa Kubo e Ritsu Doan. Non saranno Oliver Hutton e Tom Becker, ma hanno il talento necessario per fare benissimo nel calcio europeo, come d’altronde hanno già fatto in passato. E di sorprendere tutti nel proprio Paese.

Foto: LaPresse

 

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Argentina Brasile Calcio Tokyo 2021 Francia Germania Giappone Spagna

ultimo aggiornamento: 19-07-2021


Lascia un commento

Cambia la vicepresidenza del CIO, c’è Nicole Hoevertsz al posto di Anita DeFrantz

Tour de France 2021, Mark Cavendish: “Non avrei mai immaginato di arrivare a Parigi in Maglia Verde”