MotoGP, Marc Marquez: “Ce l’ho fatta e ce la farò ancora. Con la pioggia ho capito che avrei vinto”

Clamoroso. Incredibile. Sensazionale. Eroico. L’aggettivo sceglietelo voi, ma quello che ha fatto oggi Marc Marquez merita una celebrazione ad hoc. Lo spagnolo, infatti, ha vinto il Gran Premio di Germania, ottavo appuntamento del Mondiale di MotoGP 2021, ricordando a tutti che il più forte rimane sempre lui.

Sul tracciato del Sachsenring il portacolori della Honda vinceva da 10 edizioni consecutive (partendo sin dalla Moto3) ma questo, senza ombra di dubbio, diventa il successo più bello di tutti, e non solo perché si tratta dell’undicesimo. Dopo mesi di sofferenza, dopo tanti dubbi e incognite, dopo tre operazioni al braccio destro, il catalano ha scritto una pagina di storia del Motomondiale, non solo della sua carriera.

La condizione fisica è ancora ben lontana dal 100% ma, nonostante tutto, il numero 93 più famoso del mondo ha saputo stringere i denti e vincere a mani bassi la gara teutonica. Qualcosa di letteralmente incredibile. Al termine della gara le sue parole, ovviamente, trasudano emozione. “Sto vivendo uno dei momenti più belli ma allo stesso tempo più difficili della mia vita – spiega il Cabroncito nel corso delle interviste di rito sotto il podio -. Oggi sapevo che era una grande chance per me. Non sarebbe stato facile, certo, soprattutto dal punto di vista mentale dopo quanto ho passato, ma mi sono detto che dovevo provarci. Volevo lottare per il podio e non mollare mai, ma pensare alla vittoria. Quando ho visto qualche goccia di pioggia nel corso dei primi giri ho detto che era la mia gara”.

Marc Marquez racconta poi come ha vissuto dentro il suo casco i giri che lo separavano dalla prima vittoria dal Gran Premio di Valencia 2019. “Ho preso il comando dopo un’ottima partenza, decisa direi. Da quel momento ho spinto a tutta, ho preso dei rischi perché volevo sognare fino in fondo. Dopo di che ho aperto il gap nel momento della leggera pioggia, infine ho tenuto duro al rientro di Miguel Oliveira. Devo ammettere che è stata durissima rimanere concentrato fino alla bandiera a scacchi con tutti quei pensieri che mi passavano per la testa. Che dire, ce l’ho fatta e ce la farò ancora”. 

ORDINE D’ARRIVO GARA GP GERMANIA MOTOGP

LA CRONACA DELLA GARA

LA CLASSIFICA DEL MONDIALE MOTOGP

Credit: MotoGP.com Press

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

MotoGP, Fabio Quartararo: “Podio pesante, ho fatto fatica. Ad Assen la Yamaha andrà forte”

Equitazione, Jumping Nations Cup Of Poland 2021: Italia decima ed ultima a Sopot