Pattinaggio artistico, Maya Khromykh su Eteri Tutberidze: “Emana una grande energia”

Il Team guidato da Eteri Tutberidze, allenatrice-guru di pattinaggio artistico, si è trovato nuovamente al centro delle cronache a seguito del clamoroso ritorno di Alexandra Trusova dopo l’esperienza con Evgeni Plushenko. Un rientro inaspettato che è andato ad aggiungersi a quello di Alena Kostornaia, avvenuto nel mese di marzo, e a quello di Evgenia Medvedeva che, dopo la parentesi canadese con Brian Orser, è tornata ufficialmente con la storica coach lo scorso settembre. Di fatto, le pattinatrici che avevano cercato fortuna fuori dalla Sambo 70, sono tutte rientrate alla base, confermando un fatto ormai acclarato: uscire da un sistema così ben congeniato è difficile oltre che, con i tempi così stringati, addirittura rischioso.

Ma che aria si respira durante gli allenamenti con Eteri Tutberidze? A questa domanda ha cercato di rispondere Maya Khromykh, giovanissimo talento che si è distinto nella stagione appena passata agli archivi conquistando il secondo posto alle Finali della Coppa di Russia cedendo il passo alla sola Kamila Valieva. “Non vai lì solo per allenarti, allenarti e allenarti – ha detto Kromhykh in occasione di una lunghissima intervista concessa alla testata russa RTEteri sa scherzare. Per me è stato molto insolito, all’inizio cercavo quasi di trattenere le risate, anche se tutti intorno a me ridevano apertamente. Con il tempo ho capito che questo approccio mi aiuta anche durante gli allenamenti; se sono troppo seria mi chiudo in me stessa e qualcosa non funziona. In un’atmosfera di divertimento tutto diventa invece più facile“.

La nativa di Nizhny Tagil ha poi spiegato come solo la presenza fisica della mentore diventi un’incredibile stimolo: “A volte pattini in maniera pigra, magari sei stanca e pensi di non riuscire a sforzarti. Poi quando arriva Eteri la forza arriva immediatamente da qualche parte e tutto inizia ad andare bene. Riesce a emanare una grande energia”.

Maya Khromykh sarà indubbiamente una delle protagoniste assolute della prossima annata sportiva. Al debutto nella massima categoria potrà infatti contare su due salti quadrupli, salchow e toeloop, con cui cercherà di conquistare una difficilissima convocazione per le competizioni che contano.

Foto: Channel One Russia (YouTube Screen)

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket: Gianmarco Pozzecco sospeso per 10 giorni dalla Dinamo Sassari. Motivi disciplinari alla base del provvedimento

Lotta, Preolimpico 2021: Abraham Conyedo, ora bisogna cambiare marcia per andare alle Olimpiadi