Golf, Richard Bland e Bernd Wiesberger nel quintetto al comando del Made in Himmerland 2021. Ottimo avvio degli italiani

Si è appena conclusa la prima giornata del Made In Himmmerland 2021, torneo dello European Tour in Danimarca che ha cambiato nome per questa edizione, prendendo il nome dal campo. La testa della leaderboard è occupata da cinque golfisti che sono riusciti a chiudere questo primo round in -5, dove non sono presenti azzurri che tuttavia si sono complessivamente ben comportati.

Il 48enne inglese Richard Bland, ancora on fire dopo il suo storico primo successo della carriera al Betfred British Masters, è tornato davanti a tutti anche all”Himmerland Golf & Spa Resort. Cominciando la sua giornata dalle back 9 ha concesso un solo bogey al campo alla settima buca, recuperando però magnificamente con un grande putt per l’eagle al par 5 seguente. Insieme a Bland, troviamo in testa anche l’austriaco Bernd Wiesberger, lo spagnolo Pablo Larrazabal, il sudcoreano Yikeun Chang e il finlandese Lauri Ruuska.

Il primo gruppetto di inseguitori, che ha chiuso la giornata con un 67 (-4) sono stati il nordirlandese Jonathan Caldwell, l’inglese Laurie Canter, l’australiano Dimitrios Papadatos e l’altro austriaco Matthias Schwab, un altro dei grandi favoriti dell’evento. Gli ex giocatori della Ryder Cup Thorbjorn Olesen e Ross Fisher sono entrambi nel gruppo al decimo posto con il -3 che include anche il duo britannico Oliver Farr e Dale Whitnell e soprattutto il nostro Nino Bertasio .

Sette birdie e quattro bogey per il migliore degli azzurri, che conferma così il suo grande stato di forma delle ultime settimane. A una sola lunghezza (-2) troviamo anche Guido Migliozzi, Renato Paratore e Francesco Laporta, che iniziano dunque il proprio fine settimana in 21esima piazza con il piglio giusto, supportando l’avanzata del connazionale. Meno positiva la giornata di Edoardo Molinari, 82esimo a +1, Lorenzo Gagli (125esimo a +3), Lorenzo Scalise (146esimo a +6) e soprattutto Andrea Pavan (+16), ripiombato nei grossi problemi che lo stanno affliggendo da oltre un anno.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Tennis, Riccardo Piatti su Jannik Sinner: “Non è un predestinato, è uno che lavora tanto ed è a metà del percorso”

Rugby, Rainbow Cup 2021: Treviso, con il Connacht per scappare via