Golf, pattuglia azzurra al completo per il Made in Himmerland 2021. Wiesberger difende il titolo

Il torneo che eravamo soliti chiamare Made in Denmark torna questa settimana a distanza di due anni, a causa dell’annullamento della passata edizione per i noti problemi sanitari, come Made in Himmerland 2021, nome ripreso dal percorso di gioco a Farsø, nella parte settentrionale del paese.

Meteo permettendo, Himmerland è un campo davvero spettacolare, un par 71 di 6751 yards ricco di alberi e dossi, che potrebbe e dovrebbe tuttavia rendere possibile attaccare dal giovedì alla domenica per tanti birdie. La collocazione successiva a un major come il PGA Championship non ha aiutato il campo partenti, ma d’altra parte regala la possibilità a tanti atleti meno conosciuti sullo European Tour di farsi valere e cercare una vittoria.

In particolare sono i sudafricani ad aver acquisito un ruolo di prestigio sempre maggiore negli ultimi mesi, con Wilco Nienaber e Brandon Stone che cercheranno di continuare questa tendenza. In particolare il 21enne, uno dei maggiori colpitori di palla del circuito, è ancora alla ricerca della prima vittoria, e questa settimana la tavola sembra davvero apparecchiata per permettergli di spezzare questo digiuno. Nessuno tuttavia arriverà in Danimarca con più confidenza del 48enne Richard Bland, fresco trionfatore del British Masters dopo aver sconfitto al playoff il nostro Guido Migliozzi. Altri nomi internazionali da seguire saranno poi il padrone di casa Thorbjorn Olesen e i due austriaci Bern Wiesberger (vincitore qui nell’ultima edizione) e Matthias Schwab.

Per quanto riguarda casa Italia avremo in campo lo squadrone al completo. Andrea Pavan, Renato Paratore, Edoardo Molinari, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli, Lorenzo Scalise e Francesco Laporta affiancheranno il nuovo numero uno azzurro, Guido Migliozzi, che ha sorpassato l’acciaccato Francesco Molinari nell’ordine di merito mondiale.

Foto: Marco Iacobucci Epp / Shutterstock.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Tiro a segno, Europei 2021: nella carabina a terra open junior gli azzurri non colgono medaglie

F1, Mattia Binotto su Charles Leclerc: “Bello che abbia condiviso la gioia del podio di Sainz, ha capito lo spirito di squadra”