Giro d’Italia 2021: i possibili scenari tattici. Cronometro di Milano ancora risolutiva?

Il Giro d’Italia 2021 presenta un percorso molto vario, aperto a svariati scenari tattici. Le grandi salite non mancheranno, anzi, questa Corsa Rosa è veramente ricca di erte impegnative. Ad ogni modo, tra le tappe d’alta montagna, quelle che, verosimilmente, condizioneranno maggiormente la corsa saranno la sedicesima, la Sacile-Cortina d’Ampezzo di 212 chilometri, che, nel suo tracciato, prevede le scalate di Fedaia, Giau e Pordoi, e la ventesima, la Verbania-Alpe di Motta di 164 chilometri, nella quale, prima dell’ascesa conclusiva, verrano affrontati il Passo San Bernardino e lo Splugenpass.

Quelli sopraccitati sono i veri e propri tapponi di quest’edizione della Corsa Rosa, i quali prevedono una serie di salite durissime da affrontare una dopo l’altra e offrono il terreno per inventarsi azioni a lunga gittata. Non va sottovalutata, inoltre, anche la diciassettesima frazione, la quale prevede l’accoppiata Passo di San Valentino-Sega d’Ala. Le due ascese in questione sono molto vicine tra loro e vi è, dunque, margine per attaccare da lontano, anche se il fatto che la seconda delle due erte, in cima alla quale è posto il traguardo, è durissima, potrebbe scoraggiare i corridori e convincerli a muoversi solo nel finale.

Meno pericolose, invece, sono la quattordicesima e la diciannovesima tappa, le quali prevedono arrivi molto duri sullo Zoncolan e sull’Alpe di Mera, ma non offrono spazio per muoversi prima dell’erta conclusiva. Le quattro frazioni impegnative della prima settimana, vale a dire la Piacenza-Sestola, la Grotte di Fracassi-Ascoli Piceno, la Foggia-Guardia Sanframondi e la Castel di Sangro-Campo Felice, non saranno certamente risolutive. Tuttavia, presentano percorsi non banali e potrebbero prestarsi a qualche crisi o a qualche imboscata capace di condizionare il prosieguo della gara. Inoltre, se una di esse venisse bersagliata dal maltempo, potrebbe rivelarsi molto più dura del previsto.

Assai insidiosa, inoltre, è anche l’undicesima tappa, la Perugia-Montalcino, la quale, con i suoi sterrati, può esaltare alcuni uomini di classifica e penalizzarne altri. Anche il giorno seguente, oltretutto, in gruppo non potranno dormire sonni tranquilli, dato che la Siena-Bagno di Romagna è lunga ben 212 chilometri ed è tempestata di salite arcigne. Infine, ovviamente, vanno considerate le cronometro. Quest’anno i chilometri contro il tempo saranno meno rispetto al 2020 e al 2019, ma se due corridori dovessero equivalersi nei primi venti giorni, come successo l’anno scorso con Hindley e Geoghegan Hart, la cronometro di Milano, stavolta lunga trenta chilometri, sarà nuovamente decisiva.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giro d'Italia 2021

ultimo aggiornamento: 04-05-2021


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro d’Italia 2021: la selezione della Cofidis. Tutti per le volate di Elia Viviani, c’è anche Simone Consonni

Masters 1000 Madrid, Jannik Sinner al secondo turno. Pella si ritira