Giro d’Italia 2021, Filippo Ganna fora ma vince lo stesso! Bernal maglia rosa davanti a Damiano Caruso

Un Giro d’Italia 2021 molto combattuto e ricco di emozioni, ma soprattutto colpi di scena. La classifica generale era già chiusa prima della partenza da Senago, con Egan Bernal in trionfo, ma l’ultima cronometro, valida come ventunesima tappa della Corsa Rosa con 30,3 chilometri che portavano a Milano, ha visto una grandissima battaglia per il successo parziale.

Il Bel Paese aspettava Filippo Ganna e, nonostante una prova mostruosa, il piemontese della Ineos Grenadiers ha rischiato seriamente di non vincere. Il campione del mondo della Ineos Grenadiers ha infatti forato praticamente all’ultimo chilometro, essendo costretto a cambiare bicicletta: in ogni caso è arrivato il trionfo con il crono di 33’48”. Sesta affermazione in carriera al Giro, striscia ancora aperta di cinque vittorie consecutive nelle prove contro il tempo.

Alle sue spalle è successo di tutto. Seconda posizione infatti per Remi Cavagna (Deceuninck Quick-Step) che sembrava pronto al grande scalpo: il campione francese però ha sbagliato clamorosamente una delle ultime curve, finendo contro le transenne. Per lui 12” di ritardo. Costretto ad arrendersi ancora Edoardo Affini, al terzo podio in questo Giro: per il lombardo della Jumbo-Visma 13” di ritardo dal connazionale. A completare la top-5 un eccellente Matteo Sobrero (Astana Premier Tech) e Joao Almeida (Deceuninck Quick-Step). Da sottolineare anche la sesta posizione di Alberto Bettiol (EF Nippo) e la nona di Gianni Moscon (Ineos Grenadiers).

Poche differenze tra i primi della classifica generale: Egan Bernal (Ineos Grenadiers) gestisce la situazione e si prende il titolo, Damiano Caruso (Bahrain-Victorious) disputa una buonissima cronometro, termina diciassettesimo e agguanta la seconda piazza, mentre Simon Yates (Bike Exchange) se la prende comoda ma completa il podio. Per le altre posizioni di lusso, quarto Aleksandr Vlasov, mentre quinto è Daniel Martinez.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Equitazione, Eventing Nations Cup Houghton Hall 2021: la Gran Bretagna vince in casa

Giro d’Italia 2021: ordine d’arrivo e classifica tappa di oggi. Filippo Ganna vince nonostante una foratura, 38° Vincenzo Nibali