Giro d’Italia 2021: Egan Bernal ipoteca il Trofeo Senza Fine a Cortina d’Ampezzo, eccezionale Damiano Caruso

Il maltempo non dà tregua al Giro d’Italia 2021, ma il protagonista resta sempre l’uomo in rosa: Egan Bernal lascia le briciole agli avversari e si va a prendere il suo secondo successo parziale nella sedicesima tappa, partita da Sacile e giunta a Cortina d’Ampezzo. Il colombiano della Ineos Grenadiers fa il vuoto sui rivali, incrementa il margine in classifica e mette una seria ipoteca sul Trofeo Senza Fine.

Il primo colpo di scena è arrivato al mattino, al ritrovo di partenza. Dopo lunghe chiacchierate è giunta infatti la decisione della giuria di rivoluzionare la frazione a causa delle avverse condizioni meteo: cancellati il Passo Fedaia e il Passo Pordoi, accorciato il percorso di oltre 50 chilometri. 

Partenza in ogni caso a tutta, con La Crosetta da percorrere poco dopo il via. Partita in salita la fuga, ad evadere un gruppetto di ventiquattro corridori: Geoffrey Bouchard (AG2R Citroen), Louis Vervaeke (Alpecin-Fenix), Gorka Izagirre (Astana-PremierTech), Jan Tratnik (Bahrain-Victorious), Matteo Fabbro, Felix Großschartner (Bora-hansgrohe), Joao Almeida (Deceuninck-QuickStep), Daniel Martin (Israel Start-Up Nation), Lorenzo Fortunato (EOLO-Kometa), Jan Hirt (Intermarché-Wanty-Gobert), Koen Bouwman (Jumbo-Visma), Harm Vanhoucke (Lotto Soudal), Antonio Pedrero, Einer Rubio, Davide Villella (Movistar), Tanel Kangert (Team BikeExchange), Nicolas Roche (Team DSM), Vincenzo Nibali, Gianluca Brambilla, Amanuel Ghebreigzabhier (Trek-Segafredo), Davide Formolo, Diego Ulissi (UAE Team Emirates), Giovanni Visconti e Samuele Zoccarato (Bardiani CSF Faizanè).

Nella discesa successiva hanno preso il largo in sei: Vincenzo Nibali e Amanuel Ghebreigzabhier (Trek-Segafredo), Gorka Izagirre (Astana-PremierTech), Davide Formolo (UAE Emirates), Joao Almeida (Deceuninck-QuickStep) e Antonio Pedrero (Movistar). Per loro cambi regolari e vantaggio che è andato a mano a mano ad aumentare sia sugli inseguitori che sul gruppo Maglia Rosa, guidato come al solito dalla Ineos Grenadiers. 

La situazione si è ovviamente decisa sul Passo Giau, la nuova Cima Coppi. Davanti Formolo ha provato ad anticipare la situazione, ma l’ultimo a resistere è stato Pedrero. È arrivata inesorabile la rimonta del plotone lanciato dalla EF Nippo: a circa 5 chilometri dalla vetta è partito però l’ennesimo, spettacolare, attacco di Egan Bernal.

La Maglia Rosa si è lanciata in solitaria verso il traguardo, mentre alle sue spalle un super Damiano Caruso (Bahrain-Victorious) è riuscito a limitare al meglio i danni. Sul siciliano, nella discesa conclusiva, si è riportato il francese Romain Bardet (Team DSM). Sul traguardo capolavoro di Bernal che può mettere in mostra la propria maglia di leader, a 27” Bardet che regola Caruso, strepitoso terzo (sempre più primo degli umani in classifica generale, ora è secondo). Quarta piazza a 1’18” per Giulio Ciccone (Trek-Segafredo), che recupera posizioni importanti in classifica generale (ora è sesto), quinta per Hugh Carthy (EF Nippo). 2’11” per Aleksandr Vlasov (Astana Premier Tech), che ha avuto dei problemi meccanici all’approccio dell’ascesa finale, difficoltà per Simon Yates (Bike-Exchange) a 2’36”.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Giro d’Italia 2021: ordine d’arrivo e classifica tappa di oggi. Bernal è il più forte. Meraviglioso Caruso chiude 3°

Giro d’Italia 2021, tutte le classifiche dopo la sedicesima tappa: Egan Bernal domina, vicino anche alla Maglia Azzurra