Volley, Miriam Sylla assente in Nations League. Rientro per le Olimpiadi?

Miriam Sylla è uno dei nomi principali che non figurano nella lista presentata dall’Italia per la partecipazione alla Nations League 2021 di volley femminile, in programma a Rimini dal 25 maggio al 20 giugno. La schiacciatrice di Conegliano non è stata inserita nell’elenco delle 28 giocatrici inviato alla FIVB, la delegazione di 35 persone complessive (dovrà poi scendere a 25 prima dell’inizio dell’evento) non prevede la presenza della formidabile attaccante, un pilastro della nostra Nazionale.

Titolarissima ai Mondiali 2018, conclusi con la medaglia d’argento, e agli Europei 2019, terminati con il bronzo, la 26enne è titolare nel sestetto del CT Davide Mazzanti (che non sarà in panchina a Rimini, proseguirà il collegiale a Cavalese con un altro gruppo) e naturalmente una sua non convocazione fa sempre notizia. Come emergono le assenze della centrale Raphaela Folie (sempre di Conegliano) e della schiacciatrice Lucia Bosetti, altre due ragazze di punta del gruppo.

La Nations League rappresenta un appuntamento importante perché segna il ritorno delle Nazionali dopo praticamente due anni di assenza a causa dell’emergenza sanitaria, l’emozione è tantissima come ha evidenziato il CT Davide Mazzanti. Dunque è un peccato non vedere all’opera Miriam Sylla, che dovrebbe rientrare in gioco più tardi con l’avvicinarsi delle Olimpiadi di Tokyo, a cui la nostra Nazionale si presenterà con l’obiettivo di centrare il bersaglio grosso.

In questa stagione, con la casacca dell’imbattuta Conegliano (63 vittorie consecutive), la nativa di Palermo ha alzato al cielo scudetto, Coppa Italia e Supercoppa Italiana. Sabato 1° maggio disputerà la Finale della Champions League contro il VakifBank Istanbul. In campionato ha disputato complessivamente 27 partite (65 set), mettendo a segno 201 punti, col 47,3% in attacco e il 39,9% in ricezione.

Foto LiveMedia/Lisa Guglielmi

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Giro d’Italia 2021, terza tappa Biella-Canale: è il giorno giusto per fughe e finisseurs

Pallamano, Qualificazioni Europei 2022: l’Italia perde anche Pablo Marrochi, in forse Giacomo Savini