Viviani e Paternoster tornano in pista: Tre Giorni di Gand, esame verso le Olimpiadi. Tanta Italia in Belgio

Mancano poco più di tre mesi alle Olimpiadi di Tokyo 2021 e l’Italia si sta preparando per essere grande protagonista nel ciclismo su pista, disciplina in cui la nostra Nazionale ha tutte le carte in regola per ben figurare. Il calendario è stato fermo a lungo a causa dell’emergenza sanitaria, ma nel weekend del 16-18 aprile andrà in scena la Tre Giorni di Gand (Belgio), uno degli appuntamenti di maggior prestigio per i fuoriclasse dei velodromi.

Sulla pista di 250 metri intitolata a Eddy Merckx vedremo tanti azzurrri tra cui spiccano Elia Viviani e Letizia Paternoster. Il programma non prevede gli inseguimenti individuali (prova non olimpica) e a squadre (dove l’Italia può puntare alle medaglie ai Giochi). Come riporta la Gazzetta dello Sport, il CT Marco Villa ha convocato anche Francesco Lamon, Michele Scartezzini, Liam Bertazzo e quattro giovani; il CT Dino Salvoldi si affida anche a Martina Fidanza, Maria Giulia Confalonieri, Rachele Barbieri, Silvia Zanardi, Giada Capobianchi, Miriam Vece, Elena Bissolati. Filippo Ganna, Campione del Mondo nell’inseguimento individuale su pista e della cronometro su strada, sarà protagonista prossimamente agli Europei di Mink, per preparsi a essere il vagone del quartetto azzurro durante la rassegna a cinque cerchi.

Va annotato che Viviani e Paternoster non corrono in pista dai Mondiali 2020, disputati poche settimane prima che esplodesse la pandemia. In quell’occasione la trentina fu argento nell’omnium e bronzo nell’americana insieme a Balsano; il veronese fu nono nell’omnium (specialità in cui è Campione Olimpico di Rio 2016) e settimo nell’americana. Grande ottimismo per Viviani, tornato a vincere un paio di settimane fa a Cholet, mentre Paternoster ritorna dopo aver superato i problemi al ginocchio e aver sconfitto il Covid-19. Si preannuncia un parterre di lusso con tantissimi big internazionali, dunque sarà un vero e proprio confronto con vista su Tokyo.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ginnastica, Carlo Macchini ed Edoardo De Rosa: l’Italia sogna in grande: Punteggioni mondiali tra sbarra e cavallo

Ciclismo, Giulio Ciccone alla prova Giro d’Italia e Vuelta a España. E se invece fosse un uomo da classiche?