Rugby femminile, Sei Nazioni 2021: l’Italia batte la Scozia in un match dominato

Vincono le azzurre nell’ultimo match della fase a girone del Guinness Sei Nazioni 2021 femminile e lo fanno in Scozia, battendo meritatamente e nettamente le padrone di casa. Match dominato in campo dalle azzurre, che però concedono un po’ troppo alle scozzesi con degli errori banali e la chiudono solo dopo un’ora di gioco. Ora l’Irlanda per puntare al podio del torneo.

Parte subito bene l’Italia che recupera il calcio d’inizio, subisce un fallo e si porta immediatamente nei 22 scozzesi. Touche, però, storta e i problemi di Parma si ripropongono a Glasgow. Ottime le azzurre in mischia che mettono in difficoltà la Scozia e restano in zona d’attacco. E da un’altra mischia la palla arriva perfettamente a Bea Rigoni che sfonda e prima meta per le azzurre che sono partite benissimo allo Scotstoun e si portano sullo 0-7. E concede subito il bis l’Italia. Palla recuperata nella propria metà campo e le trequarti azzurre muovono le gambe con prima Ostuni Minuzzi e poi Manuela Furlan che si invola, non viene raggiunta e bis per lo 0-12. Domina ancora in mischia la squadra di Di Giandomenico, difende bene quando il pallone è scozzese, ma qualche imprecisione di troppo impedisce alle azzurre di colpire nuovamente.

Così l’ennesima touche persa regala un’occasione alla Scozia che ottiene una rimessa laterali sui 5 metri d’attacco. E al 24’ arriva la meta delle padrone di casa con la maul ed è la tallonatrice Lana Skeldon a schiacciare e a riaprire un match che le azzurre potevano anche già chiudere, ma dove pagano come detto troppe imperfezioni palla in mano e si va sul 7-12. Prova subito a reagire l’Italia e dopo una lunghissima azione è ancora Beatrice Rigoni ad andare oltre in tuffo, ma perde l’ovale in avanti e nulla di fatto. Insiste l’Italia in attacco, ma subisce questa volta la mischia scozzese e altra occasione sprecata. Da un’altra palla persa in attacco le azzurre si ritrovano con una touche scozzese a un passo dalla loro area di meta, ma anche le padrone di casa sbagliano molto e l’Italia si salva. Fallo ingenuo di Rigoni e così la Scozia va sulla piazzola e allo scadere le azzurre regalano tre punti. Ma a tempo scaduto le azzurre finalmente sfruttano l’imprecisione scozzese, pallone che arriva fino a Ilaria Arrighetti che si infila nelle maglie scozzesi arrivando fino in fondo e si va al riposo sul 10-19 per le azzurre. Primo tempo dove l’Italia parte benissimo, ma poi si perde un po’ e permette alla Scozia di restare in partita in vista della ripresa.

Parte subito forte l’Italia con una cavalcata di Sara Barattin, poi dopo il placcaggio ovale che si sposta a sinistra ed è l’ottima Vittoria Ostuni Minuzzi a schiacciare per la meta del bonus e per il 10-24. Reagisce la Scozia e ancora una volta la fa con la maul, con l’Italia che fatica a difendere e si salva solo con un fallo. Va sulla piazzola Helen Nelson e punteggio che si sposta sul 13-24. Match ancora in equilibrio, nonostante le 4 mete a 1 per le azzurre, con le ragazze di Di Giandomenico che tornano in attacco per provare a chiuderla. Touche sui 5 metri, maul avanzante, ma occasione che si perde per la frenesia azzurra e turnover. Concede molto alle scozzesi l’arbitro del match, che così si salvano. Finalmente l’arbitro vede un fallo scozzese in mischia, dopo averle salvate troppo volte in un’ora di gioco, e chance per le azzurre. Ancora un vantaggio e palla che arriva a Manu Furlan e doppietta per il capitano azzurro che virtualmente chiude il discorso sul 13-29.

Prova a reagire la Scozia, che ha bisogno di tre marcature per ribaltare il discorso, con una lunghissima azione, ma con le padrone di casa che faticano a guadagnare la linea del vantaggio davanti a un’ottima difesa azzurra. Ancora scozzesi palla in mano, ma Rigoni strappa l’ovale e Italia che risale di prepotenza il campo con degli ottimi e spettacolari passaggi. E alla fine è Bea Rigoni che schiaccia per la sua doppietta personale e Italia che finalmente ha un punteggio dalla sua che rispecchia la netta superiorità in campo sul 13-34. Match ormai chiuso e Scozia che prova a cercare almeno la meta per accorciare il distacco e marcatura che arriva al 73’ con Wassell per il 20-34. Le azzurre però ora possono agevolmente controllare il match, un match dove le azzurre si sono dimostrate nettamente superiori alle avversarie e solo un po’ di errori banali hanno permesso alla Scozia di non crollare prima. E azzurre che cercano ancora una meta e allo scadere arriva il tris di Manuela Furlan che fissa il punteggio finale sul 20-41.

Foto: Alessio Tarpini/LPS

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Mick Schumacher: “Un errore alla Variante Alta non mi ha permesso di migliorare, non vedo l’ora di guidare domani”

LIVE Scozia-Italia 20-41, Sei Nazioni rugby donne in DIRETTA: le azzurre stravincono e raggiungono l’Irlanda nella finale per il 3° posto