Freccia Vallone 2021: un mostruoso Julian Alaphilippe batte sul Mur de Huy Primoz Roglic

Uno spettacolo assoluto sul Mur de Huy, una sfida tra due campioni per la Freccia Vallone 2021: a trionfare, per la terza volta in carriera, è stato l’iridato Julian Alaphilippe che ha trovato il colpo del fenomeno, battendo di pochissimo Primoz Roglic.

Il primo colpo di scena è arrivato prima della partenza: assente al via la squadra favorita della vigilia, la UAE Emirates di Tadej Pogacar e del campione in carica Marc Hirschi, rimasta esclusa a causa di alcuni sospetti casi di positività al Covid nei giorni scorsi.

Primi chilometri come di consueto a tutta, con tanti corridori a caccia della fuga. Alla fine è riuscito ad evadere un drappello di otto uomini: Diego Rosa (Arkéa-Samsic), Louis Vervaeke (Alpecin-Fenix), Simone Velasco (Gazprom-Rusvelo), Alex Howes (EF Education-Nippo), Sylvain Moniquet (Lotto-Soudal), Sander Armée (Team Qhubeka Assos), Maurits Lammertink (Intermarché-Wanty-Gobert Matériaux) e Julian Mertens (Sport Vlaanderen-Baloise).

Il plotone ha lasciato spazio, controllando la situazione, con le compagini dei big a gestire il margine attorno ai 5′. La situazione si è animata leggermente al penultimo passaggio sul Mur de Huy: davanti si è distrutto il drappello, con soli cinque a resistere, mentre nel plotone sono arrivate alcune accelerazioni. Successivamente brutto colpo per Thomas Pidcock: il capitano della Ineos Grenadiers è finito a terra ed è stato costretto all’inseguimento.

A 10 chilometri dall’arrivo ha provato ad anticipare i tempi Tim Wellens (Lotto Soudal), seguito dallo spagnolo dell’Astana Omar Fraile. Gruppo che però non ha lasciato spazio, proseguendo allungatissimo. L’unico a resistere davanti è stato un super Maurits Lammertink, raggiunto proprio in vista della scalata finale verso Huy.

Scatto impressionante nel tratto più duro da parte di Primoz Roglic: il campione sloveno della Jumbo-Visma è riuscito a fare il vuoto, guadagnando una cinquantina di metri su tutti i rivali. Al contrattacco è partito però un altro fenomeno: Julian Alaphilippe (Deceuninck Quick-Step), che con un rapporto agile ha ripreso il vincitore della Liegi-Bastogne-Liegi, saltandolo proprio in vista del traguardo e trionfando a braccia alzate. Terza posizione per un eterno Alejandro Valverde (Movistar). A completare la top-5 Michael Woods e Warren Barguil, mentre sesto è Pidcock.

Foto LM-LPS/DPPI/Laurent Lairys Bédoin

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Lotta, si ritira Daigoro Timoncini, per tre volte alle Olimpiadi nella greco-romana

Freccia Vallone 2021: ordine d’arrivo e classifica. Alaphilippe rimonta Roglic, terzo l’eterno Valverde