Sci di fondo: Yulia Stupak vince l’ultima 10 km della stagione in Engadina, sul podio Heidi Weng e Andersson. Comarella, buon 20° posto

Va alla russa Yulia Stupak l’ultima 10 km a tecnica classica con partenza di massa del calendario femminile di Coppa del Mondo di sci di fondo per la stagione 2020-2021. La sua vittoria, la seconda in quella che è la sua migliore stagione della carriera, arriva nell’Engadina, in Svizzera, con un 25’13″3 che racconta in parte il fatto di averla ottenuta nel finale di una gara tutto sommato godibile. Da segnalare l’assenza di Therese Johaug: la norvegese, a causa di un’infiammazione al polso, ha preferito non rischiare proprio nell’ultima gara stagionale.

La competizione odierna si sviluppa sostanzialmente su un unico filone, e cioè quello del gruppo che, pian piano, scende di unità sotto i colpi soprattutto di Andersson. E’ con lei, infatti, che se ne va il quintetto che diventa poi protagonista della gara: con lei Stupak, Heidi e Tiril Udnes Weng e Diggins. Queste cinque procedono insieme fin oltre il settimo chilometro, quando pian piano vanno via Andersson, Heidi Weng e Stupak. Quest’ultima, nelle ultime fasi, inizia a imporre un ritmo impossibile per le altre due, andando a conquistare il successo.

A 7″1 arriva la norvegese Heidi Weng, poi la svedese Ebba Andersson a 8″5 e, al quarto posto, la sorprendente tedesca Laura Gimmler, mai così in spolvero, a 16″4. Quinta l’americana, e già vincitrice della Sfera di Cristallo, Jessie Diggins, a 20″4. In top ten anche l’altra tedesca Katharina Hennig a 28″2, poi la norvegese Helene Marie Fossesholm a 29″7, la svedese Emma Ribom a 31″9, la russa Tatiana Sorina a 36″4 e la terza tedesca Victoria Carl a 42″4.

In casa Italia 20° posto per Anna Comarella, che per un po’ sogna anche di entrare nelle 15, a 1’10″6, poi Francesca Franchi è 37a a 1’50″4 e infine Caterina Ganz 43a con un ritardo di 2’04″3.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Biathlon, IBU Cup 2021: Anastasiia Goreeva vince la sprint a Obertilliach, Eleonora Fauner 34ma

America’s Cup, Romano Battisti: “Sentiamo la positività dei tifosi italiani. Vincerà chi riuscirà a non andare ko”