Sci di fondo: Heidi Weng, affondo vincente nella 30 km in Engadina. Sul podio Andersson e Stupak, Comarella al 21° posto

Non vinceva dal Tour de Ski 2017-2018, e dopo più di tre anni ritorna ad assaporare la gioia della vittoria proprio nella gara conclusiva nella stagione. Heidi Weng vince la 30 km a inseguimento a tecnica libera dell’Engadina, in Svizzera, ritrovando sotto un cielo davvero poco clemente una gioia da tantissimo tempo riposta in un angolo. Si tratta del successo numero 11 per lei in Coppa del Mondo, nello stesso giorno in cui l’americana Jessie Diggins vince l’ultima classifica ancora in bilico, quella della Coppa di specialità distance.

In questa prova, che in queste modalità non è esattamente una consuetudine del calendario di Coppa del Mondo, tutto si decide negli ultimi due chilometri tra le quattro grandi protagoniste di tutta la gara: Weng, Ebba Andersson, Yulia Stupak e Diggins. All’improvviso è la svedese a cercare l’affondo, che però finisce per ritorcersi contro di lei. Con ancora maggiore spinta sull’ultima salita, infatti, è Weng a piazzare la sferzata decisiva. Stupak e Diggins sono fuori gioco all’istante, Andersson resiste e a un certo punto, verso la fine, sembra poter anche recuperare. Quei secondi dai 3 ai 5 di ritardo, però, non si recuperano più, ed è così ancora un trionfo in casa Norvegia, con o senza Johaug.

Il distacco di Andersson è di 4″5, con la russa Stupak a 33″7, Diggins a 37″3 e tutte le altre molto più staccate, a fare quasi un’altra gara. Nel primo gruppo inseguitore entrano in top ten la norvegese Helene Marie Fossesholm (+1’40″8), la russa Tatiana Sorina (+1’43″6), la tedesca Pia Fink (+1’45″7), le altre due Weng, Lotta Udnes (+1’46″5) e Tiril Udnes (+1’46″9) e infine la svizzera Nadine Faehndrich (+1’47″4).

Capitolo italiane: Anna Comarella si mette in buona evidenza gareggiando anche al fianco del gruppo del quinto posto, perdendo però nel finale e chiudendo al 21° posto con un distacco di 2’41″1. 34a finisce invece Francesca Franchi, a 5’03″4, infine 47a Caterina Ganz a 6’39″5.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Clement Noel guida lo slalom di Kranjska Gora. Decimo Vinatzer

America’s Cup, meteorologo Luna Rossa: “Domani 9-14 nodi, penso si gareggerà sul campo E”