Milano-Sanremo 2021: i velocisti che dovranno resistere sul Poggio. Da Nizzolo a Viviani

Nonostante le ultime quattro edizioni abbiano premiato coloro che hanno attaccato sul Poggio, la Milano-Sanremo resta una gara adatta alle ruote veloci e anche quest’anno, al via, ci saranno tantissimi velocisti. Per quanto concerne gli sprinter azzurri, innanzitutto, il nome di spicco è quello di Davide Ballerini (Deceuninck-Quick Step), quest’anno già vincitore dell’Omloop Het Nieuwsblad. Il canturino è uno degli outsider più quotati per il successo della Classicissima, ma deve far fronte a una concorrenza interna serratissima.

Tra le ruote veloci italiane, inoltre, troviamo al via della Sanremo anche il campione d’Europa Giacomo Nizzolo (Qhubeka ASSOS), l’olimpionico Elia Viviani (Cofidis), Davide Cimolai (Israel Start-up) e Niccolò Bonifazio (Total Direct Energie), il quale corre sulle strade di casa. Oltretutto, ci sono anche una serie di corridori che non rientrano nella categoria degli sprinter puri, ma che in caso di volata possono dire la loro quali Matteo Trentin (UAE Team Emirates), Sonny Colbrelli (Bahrain Victorious), Andrea Vendrame (Ag2r) e Andrea Pasqualon (Intermerché-Wanty-Gobert).

Proveranno a conquistare la Milano-Sanremo anche velocisti del calibro dell’irlandese Sam Bennett (Deceuninck-Quick Step), il quale, però, deve far fronte alla concorrenza interna di Ballerini e Alaphilippe, dell’australiano Caleb Ewan (Lotto Soudal), secondo nel 2018, del francese Arnaud Demare (Groupama-FDJ), vincitore già nel 2016, e del tedesco Pascal Ackermann (Bora-Hansgrohe), che dividerà i gradi di capitano con un altro corridore rapidissimo quale Peter Sagan.

Nella lista, invece, di quei corridori che non appartengono alla categoria dei velocisti più puri, ma che sono in grado di competere in uno sprint a ranghi compatti, troviamo due habitué del podio della Sanremo quali l’australiano Michael Matthews (Bike Exchange) e il britannico Ben Swift (Ineos), il francese Christophe Laporte (Cofidis), il danese Magnus Cort Nielsen (EF Education Nippo), il vincitore dell’edizione del 2015 John Degenkolb (Lotto Soudal) e il re della Classicissima del 2014 Alexander Kristoff (UAE Team Emirates).

Non sono certo catalogabili come velocisti, infine, Mathieu van der Poel (Alpecin-Fenix) e Wout Van Aert (Jumbo-Visma). Tuttavia, il neerlandese e il belga in volata possono comunque battere chiunque, ragion per cui, anche in caso di arrivo a ranghi compatti, il loro nome figura comunque nella lista dei favoriti.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Alexander Steen Olsen vince lo slalom delle Finali di Reiteralm di Coppa Europa, la Coppa va a Lahnsteiner

Biathlon, Dorothea Wierer beffata per soli 2″5 da Eckhoff nella sprint di Oestersund