Golf: Collin Morikawa vince il WGC-Workday Championship 2021 davanti a Hovland, Koepka e Horschel

Collin Morikawa è ormai l’uomo degli appuntamenti importanti, e lo dimostra con una magistrale vittoria nel primo evento dell’anno del WGC, il Workday Championship a The Concession, Bradenton, in Florida. Il vincitore dell’ultimo PGA Championship succede a Patrick Reed nell’albo d’oro di questo evento che è stato vinto per sette volte da Tiger Woods. Proprio in omaggio alla leggenda del golf, attualmente in cura per l’incidente occorsogli lo scorso 23 febbraio, sono stati numerosissimi i giocatori ad aver vestito di rosso e nero, come nello stile del Tiger dei bei tempi.

Per Morikawa è il quarto successo da professionista, che arriva in situazione controllata: -3 di giornata, -18 generale e concorrenza a tre colpi. Per lui c’è anche il numero 4 della classifica mondiale, viatico importante nel mese che porterà verso il Masters. Restano a debita distanza tanto Brooks Koepka quanto Billy Horschel, entrambi a -2 con score di -15 complessivo. Ai due USA si unisce il norvegese Viktor Hovland, che senza la prodezza in -6 del messicano Carlos Ortiz avrebbe sancito anche uno dei tre migliori giri di giornata con -5.

Quinto da solo Scottie Scheffler, a -14 con il suo -4 di giornata, mentre sono più distanziati i sesti, a -12: Webb Simpson, il nordirlandese Rory McIlroy e il sudafricano Louis Oosthuizen, con quest’ultimo a -3 che fa da migliore odierno. Noni a -11 Jason Kokrak e il succitato Reed, pari con il par per chiudere. Crollo netto di Sergio Garcia: lo spagnolo finisce 32°, cedendo 18 posizioni, con il suo ultimo +4 che lo colloca a -4 totale sul par 72 della Florida.

Prossimo appuntamento è quello con l’Arnold Palmer Invitational, che inaugura all’interno del PGA Tour una sequenza di tornei che vede arrivare il Players Championship, l’Honda Classic e il WGC-Dell Technologies Match Play, con sullo sfondo il Masters che ritorna nella sua tipica collocazione di aprile.

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Serie A 2021: Brescia fa suo il posticipo della 20ma giornata contro Reggio Emilia

NASCAR, Miami incorona William Byron