Sci di fondo: Klaebo irreale, Norvegia d’oro nella team sprint maschile dei Mondiali. Pellegrino cade, Italia quinta

La Norvegia è medaglia d’oro nella team sprint maschile ai Mondiali di sci di fondo 2021 in corso di svolgimento a Oberstdorf. Johannes Hoesflot Klaebo ed Erik Valnes: questi i nomi che dimostrano una volta di più la superiorità dello squadrone norvegese, a lungo però messa in discussione dalla Russia senza bandiera, anzi da Alexander Bolshunov, visto che Gleb Retivykh non riesce a contenere il ritorno di Klaebo nel finale. 15’01″74 il tempo della Norvegia, con i russi (a 2″09) preceduti anche dalla Finlandia (Ristomatti Hakola/Joni Maeki) a 1″68.

Quinto posto per l’Italia, con Federico Pellegrino che cade nel tentativo disperato di rientrare nella lotta per il podio assieme al francese Richard Jouve, dopo il forcing che ha costretto a staccarsi Lucas Chanavat e Francesco De Fabiani. I distacchi sono di 13″91 per la Francia e di 16″66 per l’Italia.

Per metà gara il gruppo delle squadre finaliste è compatto, fino a quando, sul finire della terza frazione, Bolshunov cerca di accelerare appena prima della salita. Rimangono vicini Valnes, De Fabiani e Chanavat, ma al cambio il distacco è di due secondi. Retivykh si lascia riprendere, anche se non tanto velocemente, ma quando ritorna in pista il due volte vincitore della Coppa del Mondo è tempo di un altro forcing, al quale nessuno riesce realmente a resistere e solo Valnes a rimanere vicino. De Fabiani finisce in difficoltà, Hakola stacca l’azzurro e Chanavat per la terza posizione. Al cambio oltre 4″3 di vantaggio per Retivykh su Klaebo e Maeki, con Jouve e Pellegrino a 10″. Quattro secondi, però, sono pochi per Klaebo, che si riporta in un lampo su Retivykh trascinandosi dietro Maeki e poi staccando sia il finlandese che il russo per la medaglia d’oro. Dietro Pellegrino cade e dice addio ai sogni di medaglia, che peraltro già non erano più così veritieri: è quinto dietro a Jouve.

Tra le grandi deluse c’è la Svezia (Karl-Johan Westberg/Oskar Svensson), che chiude a 17″02; seguono Canada (Antoine Cyr/Graham Ritchie) a 17″06, Repubblica Ceca (Ludek Seller/Michal Novak) a 25″41, Svizzera (Jovian Hediger/Roman Furger) a 29″64 e infine Polonia (Maciej Starega/Dominik Bury) a 37″40.

Per Klaebo è il quinto oro iridato in carriera, mentre Valnes festeggia, sia pure in coppia, la sua prima volta assoluta sul gradino più alto del podio, in quella che ormai è una stagione che lo impone tra i grandi protagonisti delle sprint più ancora dell’annata 2019-2020.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Cremona batte Trento e ritorna al successo nel lunch match della 20ª giornata di Serie A

Sci alpino, Mathieu Faivre domina il gigante di Bansko davanti a Odermatt e Pinturault che si giocano la Coppa di specialità