Prada Cup, Ineos andava penalizzata? Luna Rossa protesta sull’ultimo incrocio, Spithill: “Abbiamo dovuto evitarli!”

Luna Rossa ha battagliato alla pari con Ineos Uk per l’intera regata andata in scena durante la notte nella baia di Auckland (Nuova Zelanda). L’imbarcazione italiana se l’è giocata con i britannici durante i sei tratti (tre di bolina e altrettanti di poppa), ha tentato il tutto per tutto in questo appuntamento decisivo nel round robin di Prada Cup, ma alla fine si è dovuta arrendere a Ben Ainslie e compagni. Luna Rossa era avanti anche di una ventina di secondi a metà gara, poi gli avversari hanno rimontato e si è arrivati all’ultima virata con appena due secondi di vantaggio in favore dei britannici.

A quel punto la barca sponsorizzata da Prada e Pirelli ha sperato in una rimonta nel tratto conclusivo con vento a favore, ha recuperato alcuni metri ed è andata a un incrocio cruciale con i rivali a poche centinaia di metri dal traguardo. Incrocio che purtroppo non ha sorriso a Luna Rossa, rimasta dietro a Ineos Uk e costretta così a disputare la semifinale di Prada Cup contro American Magic (Ben Ainslie e compagni sono invece volati direttamente all’atto conclusivo della competizione che designa lo sfidante di Team New Zealand per la conquista della America’s Cup).

James Spithill ha protestato e si aspettava una penalità ai danni dei britannici, che però la giuria ha deciso di non infliggere. Ineos Uk festeggia la vittoria, ma il timoniere dell’equipaggio italiano è stato molto chiaro nelle dichiarazioni rilasciate al termine della regata e ha spiegato perché si aspettava una sanzione agli avversari: “L’ultimo incrocio? Non avevamo spazio, andavamo a 45 nodi e abbiamo dovuto evitarli, quindi sono sorpreso dalla decisione dei giudici (di non penalizzare Ineos, ndr)”.

Siamo nell’arbitrarietà pura, paragonabile quasi a un calcio di rigore molto dubbio: se ne può parlare a lungo, ma intanto il verdetto è ufficiale e Luna Rossa incamera la terza sconfitta nel giro di una settimana contro la barca timonata dal quattro volte Campione Olimpico e ora si gioca tutto contro gli statunitensi il prossimo fine settimana (semifinale al meglio delle sette regate, passa chi ne vince quattro).

Foto: Luna Rossa Press

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Biathlon, Wierer pronta per una nuova impresa nella mass start di Anterselva, la staffetta maschile senza Hofer

Ineos Uk ha vinto il round robin della Prada Cup e va in finale. Assegnato anche il trofeo della Christmas Race